Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto

State utilizzando un software che blocca le nostre pubblicità (cosiddetto adblocker).

Dato che forniamo le notizie gratuitamente, contiamo sui ricavi dei nostri banner. Vi preghiamo quindi di disabilitare il vostro software di disabilitazione dei banner e di ricaricare la pagina per continuare a utilizzare questo sito.
Grazie!

Clicca qui per una guida alla disattivazione del tuo sistema software che blocca le inserzioni pubblicitarie.

Sign up for our daily Newsletter and stay up to date with all the latest news!

Registrazione I am already a subscriber
Agrieuropa guarda al Bio

Per il prezzemolo si intravedono interessanti scenari commerciali

"Quest'anno, per la programmazione della campagna invernale, abbiamo incrementato complessivamente di 40 ettari le superfici sotto copertura tra zucchino scuro e cavolo-rapa. Per la prima volta, abbiamo messo a coltura anche una modesta superficie a prezzemolo. Esso costituisce, per il momento, un test aziendale più che un orientamento colturale; ci interessa capire come sia il mercato italiano sia quello estero risponderanno. Il prezzemolo rappresenta un lavoro di nicchia, dove però s'intravedono margini interessanti". A dichiararlo è Alberto Nocera, presidente della cooperativa Agrieuropa, con sede a Terracina, in provincia di Latina (Regione Lazio - Italia).

Per la campagna invernale, Agrieuropa propone le stesse referenze dello scorso anno, come cavolo-rapa,ravanello, spinacio, zucchino e valeriana. Sono stati messi a coltura 600 ettari, tra appezzamenti a pieno campo e sotto copertura.

"In Italia, già da qualche tempo, stiamo assistendo alla tendente riduzione delle superfici coltivate a spinacino in regime convenzionale, mentre aumentano sempre più quelle in biologico, seguendo l'andamento europeo. Anche i consumi sono decrescenti. Infatti, allo stesso modo, le nostre superfici aziendali sono diminuite nel tempo, passando dagli 80 ettari di 8 anni fa ai 50 ettari dell'attuale programmazione".

"I rapporti commerciali con i mercati italiani (interessanti, ma rischiosi) costituiscono soltanto il 10% del nostro fatturato, mentre il 90% è frutto dell'export con i Paesi dell'est, Germania ed Europa centrale. Stiamo puntando ai mercati scandinavi, con insalate e baby leaf di prima gamma. Il grosso del lavoro con l'estero comincerà a metà novembre per terminare a maggio".

La valeriana rappresenta per l'azienda una delle coltivazioni principali: viene venduta già lavata e conferita alle industrie di IV gamma. "E' stata una buona campagna invernale, per la valeriana. Nonostante il coronavirus, che aveva scoraggiato le nostre aspettative, la richiesta è risultata cospicua. Anche l'andamento commerciale estivo è stato soddisfacente".

"I nostri prodotti sono a residuo zero, ma per i prossimi anni abbiamo intenzione di costituire una linea Bio, essendo questo genere di prodotto sempre più apprezzato dai mercati europei". Per rimanere aggiornati sulle novità aziendali: stay tuned!

Contatti 
Agrieuropa Soc. Coop. Agr.
S.S. 148 Pontina Km 97,700
04019 Terracina (LT) Italy
Tel: +39 0773 756158
Fax: +39 0773 756408
Email: commerciale@agrieuropa.it
Web: www.agrieuropa.it