Il Paese prevede di raccogliere 30.000-35.000 tonnellate

Il consumo di mango in Spagna potrebbe svilupparsi piu' velocemente di quello dell'avocado

La campagna del mango è già in corso a Malaga (Spagna), dove si sta lavorando su raccolta, lavorazione e commercializzazione in un contesto di crescente preoccupazione, a causa dello sviluppo del Covid-19, che potrebbe portare a un nuovo lockdown.

"Anche se ci sono aziende che hanno iniziato alla fine di agosto, noi abbiamo cominciato la raccolta del mango nella settimana 36 per testare la nostra nuova linea robotizzata per il confezionamento del prodotto, che effettua anche pallettizzazione e depallettizzazione. A partire dalla scorsa settimana, abbiamo iniziato ad avere volumi consistenti", dice Juan Antonio Reyes Gutiérrez, manager dell'azienda Reyes Gutiérrez, aggiungendo che c'è tensione nel settore, poiché ci sono molti focolai a Malaga. "Abbiamo a che fare con l'assenteismo dei lavoratori che, direttamente o indirettamente, sono stati esposti al virus. Nel nostro caso, abbiamo circa 20 lavoratori in meno del solito".

Il raccolto promette di essere simile a quello dell'anno scorso in termini di volume, secondo Reyes. "Ci aspettavamo una grande resa in questa stagione,ma le abbondanti piogge primaverili hanno avuto un impatto negativo sull'allegagione della varietà Osteen. Inoltre, l'ondata di caldo registrata all'inizio di agosto, quando le temperature hanno raggiunto i 51 ºC in alcune delle nostre aziende di produzione, ha causato la caduta di abbondanti volumi di mango Keitt, la varietà più importante per l'azienda".

"Tuttavia, l'entrata in produzione di nuove piantagioni, così come la maggiore produttività delle piantagioni che stanno raggiungendo la piena maturazione, comporta che il volume totale sia simile a quello della scorsa stagione. Anche se è difficile dare una stima esatta, si prevede che in Spagna saranno raccolte tra le 30.000 e le 35.000 tonnellate di mango".

Reyes Gutiérrez vende mango e avocado di varie origini tutto l'anno. "Abbiamo lavorato con i mango del Senegal e poi abbiamo continuato con le importazioni dal Brasile fino alla scorsa settimana. Da quando abbiamo iniziato a marzo, siamo stati molto soddisfatti della campagna controstagionale, in cui non abbiamo avuto quasi nessun problema di qualità".

"D'ora in poi, i mango spagnoli prenderanno il sopravvento, coesistendo perfettamente con quelli brasiliani nei mercati europei. In Spagna, che è la nostra destinazione principale, con circa il 55% delle vendite, c'è forse più concorrenza dal Brasile, dove il mercato spot ama i mango molto colorati esternamente, come il Tommy e il Palmer. In Francia, il nostro secondo mercato più importante, il Brasile non è così presente. Il mercato europeo riceve circa 230 contenitori alla settimana. Il mango spagnolo dominerà l'offerta europea nelle prossime 6 settimane, periodo in cui l'Europa assorbe solitamente circa 30.000 tonnellate. Pertanto, le origini che vogliono competere con i mango spagnoli in Europa avranno un momento difficile".

I prezzi del mango all'origine hanno raggiunto livelli esorbitanti, con 2,50 euro/kg pagati alle aste ortofrutticole di Malaga a fine agosto. Nella prima settimana di settembre sono scesi a una media di 1,50-2,00 euro/kg e la scorsa settimana si sono attestati a circa 1,40 euro/kg. "Dalla settimana 38 alla 42, periodo in cui saranno disponibili più frutti, i prezzi dovrebbero oscillare tra 6,50 e 7,00 euro a cassetta, il che è molto ragionevole sia per il produttore che per il distributore".

La superficie dedicata a mango si stabilizza, nonostante la produzione continui ad aumentare
Per le caratteristiche del suo clima, Malaga è l'unica zona della penisola iberica in cui è possibile la coltivazione estensiva del mango.

"Credo che la produzione continuerà ad aumentare man mano che le piantagioni più giovani entreranno in piena produzione e le loro rese cresceranno. Tuttavia, la capacità di espansione della superficie è più limitata, anche all'interno di Malaga. Negli ultimi anni, molte persone sono state incoraggiate a coltivare il frutto a causa delle grandi rese che offre in questa zona, ma il limitato accesso alle risorse idriche per l'irrigazione non permetterà un'espansione maggiore. Niente a che vedere con la crescita che gli avocado stanno ottenendo al di fuori di Malaga. Mentre la superficie di mango cresce di circa 50 ettari all'anno, quella dell'avocado potrebbe aumentare di circa 1.500-2.000 ettari all'anno", dice Reyes.

Il consumo di mango potrebbe crescere più velocemente di quello degli avocado
Secondo il produttore ed esportatore, in un futuro a lungo termine il consumo di mango potrebbe eguagliare, o addirittura superare, quello degli avocado.

"Anche se altri Paesi europei, come il Portogallo, consumano circa 4,5 kg all'anno pro capite, la Spagna consuma a malapena tra i 500 e i 600 grammi all'anno pro capite, rispetto ai circa 1,2 kg di avocado che vengono consumati a persona ogni anno. Quindi, in Spagna, il potenziale di crescita del consumo di mango è maggiore di quello dell'avocado. Quasi tutti coloro che provano il mango lo apprezzano. E' un frutto dolce e molto versatile, con molte fibre - spiega Reyes - Ma ci sono molte differenze tra i vari Paesi che lo producono per quanto riguarda la maturazione e le varietà. Quindi, se riusciamo a offrire varietà di mango migliori e una maggiore stabilità e costanza nella qualità durante tutto l'anno (cosa che è stata ottenuta con l'avocado), il consumo del frutto andrà alle stelle".

500 ettari di mango e 1.500 ettari di avocado entro il 2021
La società, che ha una filiale in Francia (Reyes Gutiérrez France) e ha recentemente acquisito il 100% dell'impianto di lavorazione di succhi e salse Avomix, è presente nelle principali catene al dettaglio spagnole, oltre che in altri Paesi, principalmente Francia e Regno Unito. I suoi piani di crescita includono un progetto per la coltivazione di 200 ettari di avocado in Portogallo e altri 150 ettari a Cadice. Così, entro il 2021, la prospettiva è di gestire circa 600 ettari in proprio, per un totale di 1.500 ettari se si tiene conto della produzione dei suoi coltivatori. Per quanto riguarda i mango, la superficie dovrebbe raggiungere i 500 ettari.

Per maggiori informazioni
Juan Antonio Reyes
REYES GUTIÉRREZ
Tel.: +34 952 50 56 06
Email: jarg@reyesgutiérrez.com
Web: www.reyesgutierrez.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto