Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Henriëtte le Grange – Mashare Berries

Pionieri nell'industria dei mirtilli della Namibia

Proprio al confine tra Namibia e Angola, sulle rive di uno degli unici tre fiumi perenni della Namibia, nel novembre dello scorso anno (2019) la Mashare Berries ha piantato 20 ettari di varietà di mirtilli Fall Creek: 16 ettari sotto reti e due ettari ciascuno in tunnel e in pieno campo, per poterli confrontare.

Poco più di sei mesi dopo, all'inizio di luglio di quest'anno, hanno iniziato a raccogliere il loro primo raccolto, parte del quale è già disponibile nel Regno Unito, Hong Kong, Spagna e Angola.

La raccolta dovrebbe proseguire fino a ottobre.

I piccoli frutti namibiani (con il contributo determinante della Mashare Berries) hanno un vantaggio di circa quattro settimane sulla stagione sudafricana.

"Si stima che il loro primo raccolto raggiungerà le 150 tonnellate e, entro il terzo anno, faranno il pieno", afferma Henriëtte le Grange, specialista di vendite e marketing presso la Mashare Berries e la Mashare Irrigation.

I piccoli frutti della Six33 sono stati coinvolti nel processo di sviluppo della Mashare Berries.

Piccoli frutti della Namibia: sapore e calibri eccezionali
Henriëtte è soddisfatta delle varietà Fall Creek che hanno piantato (Jupiter, Atlas e Bianca): si comportano bene nel clima caldo e secco della regione del Kavango Orientale, con un inverno breve e poche notti di gelo. I piccoli frutti vengono irrigati direttamente dal fiume Kavango.

"Quando le persone sentono che stiamo coltivando mirtilli nella parte sud-occidentale dell'Africa, rimangono sbalordite", dice Henriëtte, e il primo progetto di mirtilli della Namibia ha catturato molta attenzione.

Mirtilli in Kavango Orientale, Namibia (tutte le foto sono fornite dalla Mashare Berries)

I primi piccoli frutti di questa campagna sono stati venduti in Namibia, ma il mercato si satura facilmente.

“Prima di iniziare con la raccolta, il mercato namibiano consumava circa 100 kg di piccoli frutti a settimana. Ora abbiamo un cliente che, da solo, ha già rilevato sei tonnellate. Il mercato namibiano è abbastanza sottosviluppato. Alla gente non piacevano i piccoli frutti importati. In primo luogo, dicono, sono insapore e troppo piccoli".

L'azienda si avvale della Family Tree Farms e DKI Fruit per esportare verso Regno Unito, Dubai, Hong Kong e Angola. Entro il terzo anno, i loro volumi consentiranno un'espansione dei mercati, incluso forse il Sudafrica.

Api selvatiche per l'impollinazione
“L'ottanta per cento del tuo successo dipende dall'impollinazione delle api: migliore è l'impollinazione, più grande è la bacca che otterrai. A febbraio dell'anno scorso abbiamo iniziato a organizzarci con le arnie e gli apicoltori e, a parte gli alveari che abbiamo, c'è una quantità incredibile di api selvatiche".

"C'è un'ape chiamata Rundu che è molto attiva e impollina in modo molto efficace", dice Henriëtte. "Il suo corpo è un po' più sottile di quello di un'ape tradizionale, quindi entrano più facilmente nei piccoli fiori". 

Entro 15 minuti dalla raccolta, i piccoli frutti vengono raffreddati a 1 °C, imballati e caricati alla stessa temperatura su camion refrigerati (sulle rive del fiume Kavango, al confine con l'Angola, vedi mappa).

Viaggio sui camion per due giorni fino a Johannesburg
A causa della scarsità dei voli all'aeroporto di Windhoek, a seguito del Covid-19, il frutto viene trasportato su camion per più di 1.500 km al luogo di confine di Ariamsvlei, tra Namibia e Sudafrica. Da lì all'aeroporto OR Tambo di Johannesburg, altri 900 km, per un volo per Regno Unito, Spagna e Hong Kong.

Attualmente ci vogliono due giorni dalla fattoria all'aeroporto, ma quando l'aeroporto di Windhoek riaprirà, sicuramente i piccoli frutti saranno aviotrasportati dalla Namibia.

"Il transito transfrontaliero tra Namibia e Sudafrica in questa stagione è andato bene", dice Henriëtte.

La regione del Kavango Orientale ha una popolazione numerosa, quindi la Mashare Berries non ha potuto fare affidamento sul lavoro dei migranti durante l'alta stagione, e tutti i lavoratori possono tornare ogni notte a casa. L'occupazione, prevalentemente femminile, dagli attuali cento dovrebbe raddoppiare, grazie all'aumento dei volumi.

Henriëtte parla anche dell'orto comunitario che stanno sviluppando per la sicurezza alimentare della comunità locale.

Mashare Berries impiega lavoratori che vivono nelle zone limitrofe, non lavoratori migranti

“Abbiamo tanti progetti in programma per il futuro, come quello di aggiungere altri 40 ettari di mirtilli e anche di introdurre l’avocado. Siamo molto entusiasti di quello che ci attende".

Per maggiori informazioni:
Henriëtte le Grange
Mashare Berries / Mashare Irrigation
Tel: + 264 81 124 9670
Email: sales@mashareirrigation.com


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto