Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Le catene di supermercati possono fare ancora molto

La campagna a favore dei diritti umani sul lavoro di Oxfam: un anno dopo

Un anno fa, l'organizzazione non governativa internazionale Oxfam ha lanciato la sua campagna internazionale di lotta contro lo sfruttamento delle donne e degli uomini che producono i nostri alimenti. L'iniziativa è servita anche a invitare all'azione supermercati e governi al fine di riconoscere il problema e agire per risolverlo.

L'anno scorso, l'ong ha dimostrato che è possibile un progresso attraverso il rafforzamento delle politiche e delle pratiche per i diritti umani nelle catene di fornitura da parte delle società e il rafforzamento dei quadri politici o delle normative. Tuttavia, le nuove prove pubblicate oggi da Oxfam mostrano che i diritti dei lavoratori continuano a essere violati in tutti i continenti, anche nella stessa Europa.

Le interviste con i lavoratori del settore di ananas, banane e prodotti orticoli di Costa Rica, Ecuador e Perù condotte dai sindacati partner di Banana Link confermano che la maggior parte dei lavoratori non riceve salari sufficienti e che oltre i due terzi decide di non unirsi a un sindacato commerciale indipendente per timore delle conseguenze.

Oltre la metà dei lavoratori riporta di non essere stata trattata con rispetto al lavoro - o sta sperimentando trattamenti abusivi e molestie sul posto di lavoro - e di non essere sicuro di potere esprimere preoccupazioni o rimostranze senza incorrere in ritorsioni.

Ci sono dei miglioramenti
Anche se alcuni rivenditori continuano a registrare un buon progresso - Oxfam cita Tesco, Sainsbury's e Morrisons, in particolare - molti hanno appena cominciato il loro viaggio verso la vera responsabilità d'impresa.

Nel 2018, Aldi Sud aveva ottenuto solo l'1% nel punteggio dei supermercati di Oxfam. Dopo una campagna pubblica in diversi paesi, il rivenditore, con sede principale in Germania, ha pubblicato la sua prima politica internazionale sui diritti umani, si è impegnato a rispettare i diritti umani e ha adottato delle misure per identificare i rischi e prevenire danni alle persone. Queste dichiarazioni, tra le altre, hanno incrementato il punteggio della società del 18% in più rispetto a qualsiasi altra società.

Tuttavia, l'approvvigionamento di banane di Aldi dimostra una disconnessione tra l'impegno della società e le sue pratiche commerciali. Nel periodo in cui stava sviluppando la sua politica sui diritti umani, la società ha detto ai fornitori di banane che avrebbero dovuto ridurre i prezzi, anche se questi erano già diminuiti del 50% in 15 anni. In risposta, oltre 40 organizzazioni di produttori in tutti i principali paesi esportatori di banane hanno dichiarato di averne abbastanza e hanno invitato gli altri rivenditori a non seguire l'esempio di Aldi Sud. Ciò non ha impedito ad Aldi di andare avanti e praticare prezzi più bassi per la sua fornitura di banane di quest'anno. Resta da vedere se avrà imparato la lezione per quanto riguarda la negoziazione dei prezzi relativamente ai contratti di fornitura del 2020.

Lo scorso novembre, i membri del sindacato costaricano dei raccoglitori di ananas e banane SITRAP hanno detto a Oxfam: "Noi lavoratori del settore bananiero siamo molto preoccupati, perché le nostre condizioni lavorative diventano giorno dopo giorno più difficili. Attualmente stiamo negoziando un contratto collettivo, ma quando abbiamo chiesto un aumento di salario, la società ha categoricamente rifiutato, dando come spiegazione il fatto che vende le banane a prezzi molto bassi e ciò significa che non è possibile incrementare i nostri salari".

Fonte: bananalink.org.uk


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto