Avvisi



Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Oregon: i corilicoltori rispondono alla crescita dei consumi

Una ricerca condotta negli Stati Uniti da diversi gruppi indica che il consumo di nocciole è in aumento. L’approccio del consumatore alle nocciole sta evolvendo: infatti le considerano sempre più degli snack salutari. Un recente sondaggio, commissionato dalla Northwest Hazelnut Company, condotto su 25 decision-maker dell’industria alimentare, ha rilevato che l'87% aveva un'opinione "positiva" sulle nocciole e il 40% ha dichiarato di utilizzare più nocciole nei prodotti, rispetto a qualche anno fa. Secondo l'industria del settore, i diversi utilizzi delle nocciole in un crescente numero di ricette aiutano a raggiungere nuovi consumatori. 

Ci sono circa 1.000 famiglie di coltivatori nella regione della Willamette Valley, in Oregon, e il valore del raccolto è stato in media di 100 milioni di dollari ogni anno, negli ultimi cinque anni. Il 99 per cento delle nocciole americane sono coltivate in Oregon e i coltivatori stanno reagendo all'aumento della domanda.

"Ogni anno sono stati piantati fino a 8.000 nuovi acri", ha dichiarato Meredith Nagely dell'Oregon Hazelnut Marketing Board. "Negli ultimi 10 anni, la superficie è cresciuta da 30.000 a oltre 80.000 acri", e ha aggiunto che non è aumentata solo la superficie coltivata, poiché sono state create anche nuove attrezzature e strutture.

"I titolari delle imprese hanno investito in macchinari e strutture di prim'ordine per semplificare i processi di lavaggio, asciugatura, selezione e a valore aggiunto. I trasformatori continuano a sviluppare nuovi prodotti a valore aggiunto, tra cui paste, burro, semola (in sostituzione della farina) e granella di nocciole tostate, aromatizzate e candite".

Sforzi promozionali e di marketing
Chiaramente, i coltivatori stanno facendo la loro parte per aumentare la produzione, con nuove superfici e impianti. Ma gli organismi di settore come l'Oregon Hazelnut Marketing Board stanno lavorando anche per massimizzare l'interesse evidentemente mostrato dai consumatori. Il Consiglio ha affermato di essere all'inizio di un piano pluriennale che mira sia ad aumentare la domanda interna, sia a diversificare i mercati di esportazione globali.

"Per aumentare la domanda interna, stiamo lavorando con operatori e produttori di servizi alimentari su larga scala, per istruirli sui benefici delle nocciole dell'Oregon", ha confermato Nagely. "Per aumentare la domanda estera e diversificare i nostri mercati di esportazione, stiamo partecipando a fiere mondiali per sviluppare rapporti commerciali con i grandi acquirenti stranieri".

Nagely ha detto che, storicamente, circa il 50-60 per cento del raccolto di nocciole dell'Oregon viene esportato in Cina. "Stiamo lavorando per mantenere questo rapporto privilegiato con la Cina, diversificando i mercati esteri e aumentando la domanda interna", ha aggiunto. "L'Oregon Hazelnut Marketing Board ha recentemente ricevuto 395.000 dollari in fondi ATP (promozione del commercio agricolo) per lo sviluppo del mercato estero, che verranno utilizzati per condurre ricerche di mercato locali e partecipare a diverse fiere internazionali".

La raccolta inizia tra qualche settimana
Nel frattempo, sta per iniziare un'altra stagione delle nocciole in Oregon, con i primi frutti che dovrebbero essere raccolti a metà settembre. La raccolta in genere dura tutto il mese di ottobre. Le stime indicano che il raccolto è leggermente diminuito rispetto allo scorso anno, ma si prevede che il volume complessivo aumenterà nei prossimi anni.

"Si prevede che il raccolto sarà di 49.000 tonnellate, il che rappresenta un calo del 4 per cento rispetto al raccolto record di nocciole dello scorso anno, pari a 51.000 tonnellate", ha osservato Nagely. "Tuttavia, l'industria si aspetta una crescita a lungo termine, man mano che i frutteti piantati negli ultimi cinque anni raggiungeranno la maturità".

Nagely fa riferimento alle previsioni USDA circa il raccolto 2019 che indicano per quest'anno una resa inferiore, ma con calibri maggiori. "Il calibro medio è stato di 5,89, il più grande dal 2005", si legge nelle previsioni. "Le nocciole grandi (dimensioni di laboratorio NASS 4, 5 e 6) hanno rappresentato il 35 per cento delle nocciole buone totali. Le nocciole jumbo (dimensioni di laboratorio NASS 7 e 8) hanno rappresentato il 49 per cento del totale".

Per maggiori informazioni:
Holly Jefferis
Ph: +1 (503) 782-4229
hollyj@flmharvest.com
www.oregonhazelnuts.org


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto