Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Stati Uniti: gli importatori di limoni compensano il gap dell'offerta californiana

Negli Stati Uniti, gli importatori di limoni stanno vivendo un inizio positivo dell'anno. La Spagna è attualmente un importante esportatore e principale fonte per la nazione, e gli importatori godono di buoni e costanti rifornimenti. Queste forniture dalla Spagna proseguiranno fino ad aprile, quando si passerà alla merce proveniente dall'America Latina.

"Siamo all'inizio della nostra stagione di importazione spagnola", ha dichiarato Ronnie Cohen della Vision Import Group. "Attualmente ci sono buone forniture provenienti dalla Spagna e la stagione di solito va da dicembre ad aprile, dopodiché inizieranno nuovamente le esportazioni argentine, tra fine aprile e inizio maggio fino a fine giugno, e forse a luglio, a seconda di come andrà avanti la stagione. In Messico, la stagione va generalmente da fine luglio e inizio agosto a dicembre-gennaio, ma ci sono alcune altre regioni con una finestra più ampia, quindi potremmo vedere arrivare i limoni dal Messico già in aprile, fino all'inizio della stagione principale, ma con volumi inferiori"

Cohen ha aggiunto che il mercato è al momento equilibrato e che i produttori sono soddisfatti dei prezzi attuali. "Si registra un andamento stabile, con prezzi intorno ai 20 dollari FOB nel Nord-Est della nazione, che è un prezzo abbastanza buono. Le quotazioni dipendono dal calibro e dalla categoria, ma la gamma generale va dai 24 ai 28 dollari".

Una cassetta di limoni spagnoli. Immagine: Vision Import Group

Agitazione per la stagione argentina
Sembra essere un anno buono per gli importatori statunitensi, con la Spagna che al momento ha forniture affidabili e, dopo una lunga assenza, l'Argentina che cerca di costruire il suo ritorno sul mercato. Cohen ha osservato che è stato un anno difficile per i produttori di limoni della California, considerate le alte tariffe di trasporto, i disastri naturali e le anomalie meteorologiche che li hanno messi maggiormente sotto pressione, rispetto alle stagioni precedenti. Cohen ha detto che questo sta portando a un mercato più invitante per l'Argentina.

"Siamo in grado di soddisfare la nostra clientela della costa orientale con forniture provenienti da Spagna e Argentina", ha continuato Cohen. "L'Argentina, essendo il più grande produttore al mondo di limoni, ha la capacità di fornire agli Stati Uniti agrumi di alta qualità, in grado di competere con le nostre migliori colture domestiche, inclusa quella californiana. Inoltre, il trasporto marittimo è competitivo e, considerato il costo più alto di quello su strada dalla Costa occidentale, in realtà in molti casi è più economico spedire limoni dall'Argentina tramite corrieri marittimi, che in California con camion".

"Questo fornisce anche al Messico un vantaggio, dato che entra attraverso il Texas. La qualità dal Messico continua a migliorare e in questo momento può eguagliare quella californiana, per non parlare delle difficoltà che i coltivatori californiani stanno affrontando con problematiche legate alla manodopera e agli incendi, ardue sfide per l'intera industria agricola".

Cohen si aspetta che l'Argentina cercherà di aumentare il volume che ha inviato negli Stati Uniti lo scorso anno, ma in quantità misurata, per soddisfare le esigenze dei mercati, con un occhio al futuro. "Quest'anno, l'Argentina sarà cauta perché non vuole sovraccaricare il mercato statunitense e vuole assicurarsi che si adatti bene all'attuale impostazione", ha osservato.

Il panorama europeo è cambiato
Ci sono stati alcuni cambiamenti fondamentali nel panorama delle forniture di limoni in Europa, ha detto Cohen. Uno di questi ruota attorno alla Russia e alle sanzioni che hanno impedito al Paese di commerciare con l'Europa, come negli anni precedenti. Di conseguenza gli importatori statunitensi stanno vedendo forniture migliori provenienti dalla Spagna, uno dei maggiori fornitori della Russia prima delle sanzioni.

"Le buone forniture spagnole sono in parte dovute al fatto che le dinamiche in Europa sono cambiate", ha spiegato Cohen. "La crescente domanda negli Stati Uniti ha dato alla Spagna uno sbocco alle loro esportazioni di limone. Le nostre importazioni continueranno a crescere in volume, nei prossimi anni, per permetterci di servire più clienti".

Per maggiori informazioni:
Ronnie Cohen
Vision Import Group
Tel.: +1 (201) 968 1190
Email: ronnie@visionimportgroup.com
Web: www.visionimportgroup.com


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto