Danni a causa dei Gilet Gialli per gli importatori belgi e olandesi

Tre settimane fa, in Francia, sono cominciate le proteste del movimento dei Gilet Gialli contro i rincari delle tasse sui carburanti. Attualmente, queste si sono fermate dal momento che l'incremento delle tasse non è stato incluso nella finanziaria del 2019. La settimana scorsa, a Bruxelles, è cominciata una protesta spontanea degli attivisti belgi. I manifestanti hanno cercato un confronto con la polizia e hanno occupato tunnel e incroci.

Freschezza a rischio
Una delle aziende importatrici che ha sofferto l'impatto delle proteste in Francia è W. Jonckheere. "Abbiamo avuto molti problemi con i Gilet Gialli nelle ultime settimane. Visto che la Francia è una nazione di passaggio per i prodotti dalla Spagna, i nostri camion devono attraversarla. Abbiamo avuto diversi carichi che sono arrivati troppo tardi. Questo va a scapito della freschezza dei prodotti e anche i nostri clienti ne vengono danneggiati - ha dichiarato Cedric Geens - Le proteste vanno avanti da quasi quattro settimane e non sembra che si siano fatti progressi. Quando i francesi si mettono in testa qualcosa, non c'è niente che possa fermarli".

Ore passate senza poter fare nulla
Anche le spedizioni di Exofi sono state ritardate dai Gilet Gialli. "Alcuni camion sono rimasti fermi per ore a causa delle proteste - ha dichiarato Jan Vermeiren - Speriamo che le proteste finiscano presto, ma resta da vedere. I prodotti devono attraversare la Francia e questo rende la situazione molto difficile. E' a rischio la freschezza dei prodotti, e di conseguenza la loro vendita. Fortunatamente qui in Belgio le proteste non sono state troppo accese e, per quanto riguarda la Francia, tutto ciò che possiamo fare è stare ad aspettare. Non possiamo fare altrimenti".

Pericolo
Secondo un fornitore di servizi logistici belga, che durante le proteste è rimasto bloccato in Belgio, tali manifestazioni a volte rappresentano una situazione pericolosa per gli autisti e per gli altri automobilisti. "Sono già successi altri incidenti. I manifestanti potrebbero esporre le proprie posizioni in altri modi, senza dare fastidio agli altri. Di conseguenza, non mi sorprende che alcune persone, stanche di questa situazione, abbiano dato zuppa con lassativi a dei manifestanti".

Disorganizzazione
Pieter de Ruiter di 4Fruit Company ha dichiarato: "Ciò che rende queste azioni imprevedibili è che i Gilet Gialli sono un gruppo disorganizzato, formato da oltre 10.000 persone. Non sono guidati da un sindacato, ma continuano con la protesta fino a che la polizia non li manda via".

"Solo una percentuale limitata di veicoli è stata ritardata dai disordini. Lunedì scorso, dei 20 veicoli che aspettavamo, 4 erano in ritardo e martedì sono stati 4 su 18. Per noi i problemi non sono così gravi, ma i rivenditori stanno rifiutando alcuni dei lotti. Ora, per esempio, ci sono molti veicoli che attraversano la Francia diretti verso i centri di distribuzione tedeschi con prodotti all'ingrosso spagnoli, mentre alcuni lotti devono essere venduti altrove".

"Ovviamente, quello che di solito accade è che le spedizioni attese di peperoni rossi sono in ritardo, mentre il veicolo che trasporta la lattuga iceberg, di cui non si ha bisogno ora, è in orario. Nel complesso, tuttavia, la percentuale ritardata non è drasticamente alta, ma quei veicoli devono anche tornare indietro, perciò sono molti i camion che tornano in Spagna in ritardo e questo - ha concluso Pieter - risulta in una carenza di mezzi di trasporto e in un aumento dei prezzi".


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto