Quali frutti e ortaggi arrivano in Russia attraverso Lituania e Bielorussia?

Ad agosto 2014, come noto, la Russia ha imposto un embargo sulle importazioni di frutta e verdura fresca dai paesi dell'Unione europea, tra gli altri. Questo embargo è risultato in un netto aumento in Russia del commercio di questi prodotti attraverso la Lituania e, subito dopo, la Bielorussia.

Le pere sono un prodotto importante in questo commercio. Tuttavia, anche le pesche e alcuni altri prodotti come fragole e peperoni vengono scambiati in questo modo. Questo flusso commerciale non è chiaro, ma un'immagine della situazione complessiva si può ottenere utilizzando diverse statistiche disponibili.

Lituania 2017: 300mila ton di frutta e verdura dai Paesi Bassi
Secondo Eurostat, nel 2017 la Lituania ha importato 290mila ton di frutta e verdura fresca dai Paesi Bassi. La nazione riceve molti di questi prodotti da Spagna, Polonia, Belgio e Italia. Quest'anno ci sono state meno importazioni, ma comunque si parla di grandi quantità.

Per i Paesi Bassi le pere sono il prodotto più importante. L'anno scorso, secondo Eurostat, la Lituania ha importato oltre 60.000 ton di pere olandesi. Nello stesso periodo tale paese ha importato quasi 30.000 ton dello stesso prodotto dal Belgio e altre 20.000 ton da altre nazioni.

Paesi Bassi 2017: 75.000 ton di ortofrutta inviata in Lituania
Delle 75.000 ton di frutta e verdura che i Paesi Bassi avrebbero inviato in Lituania nel 2017 non c'è traccia nelle statistiche di esportazione olandesi (CBS/Eurostat). Secondo Eurostat, l'anno scorso delle 75mila ton di frutta e verdura esportate in Lituania, 8.000 ton corrispondevano a pere.

In ogni caso, ci sono state 35.000 ton di pere inviate in Polonia. Tali prodotti si sono incanalati nei flussi d'esportazione polacchi. L'anno scorso, la Polonia ha esportato 35.000 ton di pere in Bielorussia.

Per quanto riguarda il Belgio, Eurostat riporta che le pere sono state inviate in Lituania. Nel 2017 si è trattato di quasi 30.000 ton. Inoltre, secondo la stessa fonte, nel 2017 il Belgio ha inviato oltre 25.000 ton di pere in Estonia e 23.000 ton in Lettonia. In totale, pertanto, si tratta di quasi 90.000 ton.

Forte corrispondenza nel modello delle importazioni di pere in Lituania e Bielorussia
Negli ultimi anni, il modello d'importazione delle pere della Lituania ha mostrato una tendenza quasi identica a quella dell'import bielorusso dello stesso prodotto. La cosa che colpisce è che tale commercio può essere individuato nei dati d'esportazione della Lituania, ma non nei dati d'importazione della Bielorussia.

Sembra che negli ultimi anni, la Bielorussia abbia importato pere da tutta una serie di nazioni. Questo trend è cominciato nel 2015, quando la Bielorussia ha importato quantità significative da Brasile, Bosnia, Ecuador, Perù, Israele ed Egitto. Nel 2016 molto è arrivato da Libano, Liberia, Camerun, Costa d'Avorio, Nigeria, Benin e Repubblica Centrafricana. Nel 2017 si sono aggiunti Guinea, Tanzania, Yemen, Sudan e Siria.

Molti altri prodotti seguono il percorso bielorusso
Secondo le statistiche d'importazione bielorusse, i prodotti che arrivano da paesi africani e asiatici non consistono solo in pere. Nel 2017 le importazioni da questo gruppo di nazioni hanno compreso anche pesche (60.000 ton), fragole (27.000 ton), mele (19.000 ton), peperoni (18.000 ton), pomodori (13.000 ton), pomodori (13.000 ton), melanzane (10.000 ton), kiwi (9.000 ton) e cachi (8.500 ton) e altri prodotti.

550mila, 750mila tonnellate o persino di più?
In Bielorussia la quantità complessiva di frutta e verdura fresca importata è aumentata da 310mila ton nel 2010 a quasi 2 milioni di ton nel 2015. Questo volume è poi diminuito a 1,4 milioni di ton nel 2017. Le mele sono il prodotto principale, seguito da pomodori, pere e pesche.

Secondo le statistiche di importazione della Bielorussia, la Russia è praticamente l'unico acquirente. Questa fonte indica che per il 2017 la nazione ha esportato in Russia 750mila ton di frutta e verdura. Le autorità doganali russe insistono però su una cifra di 550mila ton importate dalla Bielorussia.

Per maggiori informazioni:
Jan Kees Boon
Fruit and Vegetable Facts
Email: fruitvegfacts@gmail.com
Web: www.fruitandvegetablefacts.com 


Data di pubblicazione :



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2018