Peperoni israeliani: mercato diviso su due fronti mondiali e anticipo della produzione

La stagione del peperone è cominciata circa un mese fa, in Israele. "Finora la direzione è la stessa dell'anno scorso. Il nostro mercato principale è rappresentato da Russia, Canada, Stati Uniti, Europa e Regno Unito. Questo per via dell'embargo dei prodotti ortofrutticoli europei in Russia. Il 70% dei peperoni venduti in Russia arriva da Israele". A dichiararlo è Eyal Sahar, amministratore delegato e fondatore dell'Associazione dei coltivatori israeliani, Gilad Desert Produce. Sahar è egli stesso un produttore di peperoni.

Secondo Sahar, il mercato è diviso, al momento. "Facciamo molti affari con la Russia. La Spagna ha conquistato quasi tutta l'Europa, compresa quella orientale. Come sempre, noi abbiamo la stessa piccola finestra di opportunità in Nord America a novembre e dicembre. In questi due mesi possiamo rifornire quella zona. Fino a novembre, il Nord America è rifornito da Canada, Paesi Bassi e Messico. Dopodiché, alla fine di dicembre, il Messico comincia con volumi enormi".

"Con i peperoni biologici siamo presenti sullo stesso mercato di quelli convenzionali - continua Sahar - Il Messico è il nostro competitor principale sul mercato statunitense e spagnolo. Si può notare un incremento annuale nella produzione bio".

 I peperoni vengono lavati prima di essere selezionati

La linea di smistamento dei peperoni. La maggior parte dei dipendenti sono di origine sud-est asiatica e africana. Gli studenti ottengono un permesso di lavoro per un anno, altri riescono a ottenerlo per 5 anni. Trascorso questo tempo, devono tornare nel loro paese d'origine.

Sahar ha dichiarato che anche gli elevati costi di trasporto stanno ostacolando le vendite negli Usa. Secondo lui, negli ultimi due anni il trasporto aereo è diventato molto costoso. "L'acquisto online sta creando una pressione enorme sul trasporto per via aerea dei prodotti ortofrutticoli. Le società di vendita online pagano 5 dollari/kg per il trasporto aereo, noi paghiamo 1,50 dollari".

Secondo Eyal, molti agricoltori nelle principali zone di produzione di peperoni in Israele hanno cominciato a piantare prima, quest'anno, precisamente a inizio luglio. "Solitamente, la coltivazione comincia alla fine di luglio o inizi di agosto. La maggior parte dei produttori coltiva in pieno campo e sotto reti".

Dopo la pioggia, non c'è quasi bisogno di irrigare.

https://agfstorage.blob.core.windows.net/misc/FP_com/2018/11/19/Gilad2.jpgA sinistra, Eyal Sahar nella serra di peperoni, insieme al suo amico Ori Porat. Eyal coltiva peperoni su 15 ettari.

Coperture con le reti
Uno di questi produttori, Ori Porat, è un amico di Eyal e coltiva peperoni rossi, gialli e arancioni sotto coperture in rete. La sua produzione media è di 8 kg a metro quadrato. "Tra il 60 e il 65% sono peperoni rossi, il 25% gialli e tra il 10 e il 15% verdi - ha spiegato il produttore - Ne mando molti in Inghilterra. Tuttavia, questo mercato vuole peperoni di colori misti, la cosiddetta confezione a semaforo". 

Eyal ha affermato di avere provato a rifornire il Regno Unito con il sempre più popolare peperone a punta dolce, ma "i prezzi sono diminuiti molto rapidamente". Secondo lui, la Spagna ha costi logistici inferiori per rifornire i Paesi europei, tra cui il Regno Unito. "Abbiamo provato in passato, ma gli Spagnoli stanno facendo un buon lavoro in questo senso".

 Il percorso tra i filari di peperoni utilizzato dai macchinari per percorrere l'intera serra nel giro di pochi minuti.

Oltre ai peperoni, la Gilad Desert Produce coltiva anche cipolle rosse e bianche su circa 2,5 ettari. Al momento i prezzi sono molto alti.

Ein Yahav, visto dalla riserva idrica. I prodotti ortofrutticoli freschi vengono coltivati su 600 ettari complessivi.

Entrare in un mercato di nicchia
"Non possiamo competere con la Spagna in Europa e non ci sono ancora alternative - ha riferito Sahar - L'Africa è un vero e proprio mercato di nicchia, perciò non è una soluzione per noi. Anche l'India non è una nazione che consuma peperoni". Tuttavia, Sahar ha parlato di entrare nel mercato di nicchia dei peperoncini in Europa. "Sono molto ottimista. Il periodo di prova è andato bene l'anno scorso".

Il raccolto totale è stato lo stesso negli ultimi tre anni. Nonostante tutto ciò, Sahar ritiene che ci sia un futuro per i peperoni israeliani. "Le persone di Arava sono molto tenaci. Non hanno scelta. In questa zona è presente una comunità di grandi lavoratori, gente tosta che vuole restare qui".

Quando è stato chiesto quale sia la sfida maggiore che affronterà la produzione di peperoni andando avanti, Sahar ha risposto: "La manodopera. E' molto costosa; il 30% circa dei costi dei produttori sono rappresentati dalla forza lavoro. Inoltre, è presente anche una carenza di braccianti".

Vegetazione nel deserto

In passato questo posto era pieno di serre, ora si coltivano palme da dattero. La prima raccolta avverrà tra 5 anni e, dopo 8 anni, la produzione arriverà alla capacità massima. Una palma adulta produce 100 kg di datteri Medjool all'anno.

Per maggiori informazioni: 
Eyal Sahar Gm
Gilad Desert Produce Ltd
Tel: +972 8 6582515
Web: www.giladltd.co.il / www.giladproduce.nl


Data di pubblicazione :
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2018