Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Il DogBot, una possibile soluzione alla carenza di manodopera

Di questi tempi molti produttori sono in cerca di soluzioni per ridurre la manodopera nei campi e nei centri di imballaggio e la robotica è un modo per farlo. Sostituire i raccoglitori di frutti delicati come le fragole con un robot raccoglitore è molto complicato. La tecnologia non è ancora disponibile e non sarebbe comunque alla portata di molti produttori.

React Robotics ha ideato una soluzione per ridurre la forza lavoro fino al 20%. Specializzata in robotica, intelligenza artificiale e sviluppo di software aziendali, il team ha avuto l'idea di costruire un cane robotico.

"Siamo interessati a dotare i robot di capacità di movimento umane in quanto essi sono tipicamente grandi e ingombranti, lenti e anche se hanno le ruote, il loro limite è il terreno - ha spiegato Gregory Epps, Ceo di React Robotics - Volevamo qualcosa che potesse fare ciò che fa una persona e una di queste cose è camminare. Le ruote sono molto efficienti, ma quando il terreno diventa impervio o in presenza di restringimenti o scalini sono inutili, come succede anche con ostacoli come pendenze, canali o tronchi di legno nel percorso, che invece delle gambe possono scavalcare".


DogBot

Al momento sul mercato i robot dotati di gambe sono scarsamente disponibili e quelli capaci di una varietà di movimenti hanno un costo molto elevato, con prezzi che variano tra 250mila e 500mila sterline e comunque sono ancora molto lenti, secondo Gregory.

"Se dovessi dire a un agricoltore perché non compri questo robot da mezzo milione di sterline che è 10 volte più lento del tuo bracciante, non credo proprio che sarebbero d'accordo. Perciò volevamo costruire qualcosa che avrebbe cambiato questo approccio e il nostro obiettivo era quello di renderlo 10 volte meno costoso, più leggero e veloce".

Ora la società ha un prototipo e sta parlando con più parti per capire in che modo possa risolvere problemi specifici. Vista l'attuale carenza di manodopera, Gregory ritiene che l'azienda possa consegnare questo prodotto a un prezzo economicamente vantaggioso, in termini di prestazione.

Al momento il Regno Unito ha un deficit di circa il 20% nella disponibilità di forza lavoro stagionale, che corrisponde al numero di lavoratori necessario durante la raccolta per portare i vassoi, perciò React Robotics vuole offrire l'opportunità di tornare alla massima potenza.

Abbiamo creato un robot su gambe, il DogBot, che porterà i vassoi colmi di frutta al centro di imballaggio o al rimorchio in attesa. I raccoglitori posizioneranno il vassoio pieno sul robot in transito, che avrà impostato il luogo del centro di imballaggio o del rimorchio. Se il robot deve scavalcare i filari, ha bisogno di gambe, perciò il nostro è particolarmente adatto ai terreni di coltivazione".


Un'immagine dimostrativa di come un DogBot lavorerebbe in un campo di fragole

L'azienda è in contatto con gli agricoltori per capire se può riuscire a offrire una soluzione. Le domande più comuni sono: "Funziona per la coltivazione all'aperto? Per quella in tunnel in plastica? Con quali frutti potrebbe lavorare (fragole, lamponi, ciliegie)? E con verdure?

"Abbiamo calcolato che possiamo fornire il robot a un prezzo adeguato - ha spiegato Gregory - Nel 2019 effettueremo prove sul campo per comprendere appieno a che punto siamo e cosa bisogna fare ancora, con l'obiettivo di consegnare il prodotto nel 2020".

"Stiamo valutando un'opzione di affitto del robot. Infatti, la stagione dura tre mesi e mezzo e potrebbe essere difficile per alcuni acquistare il robot e usarlo solo tre mesi all'anno. Se ci renderemo conto che può eseguire altri compiti in azienda, credo che allora le persone preferiranno acquistarlo. Con 200 braccianti ci vorrebbero probabilmente 40 DogBot per la stagione, ma non tutti serviranno per l'intera annata".

DogBot avrà una capacità di carico di 20 kg, sufficiente per la raccolta di piccoli frutti, ma non per quella di mele e pere. Il robot ha le dimensioni di un cane di taglia media e può essere integrato con altre migliorie, come sensori e strumenti, in modo da potere prelevare campioni di terreno, ad esempio. Gregory è sicuro che le possibilità offerte dal robot siano molte di più per quanto riguarda l'ortofrutta, oltre agli usi in altri settori.

Per maggiori informazioni:
Gregory Epps
React Robotics
Web: reactrobotics.com


Data di pubblicazione :
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2018