Avvisi



Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Controllo dei residui fitosanitari nell'UE

Ue: il 2016 potrebbe concludersi con meno allerte del Rasff

Sono passati più di 30 anni da quando il sistema di controllo e allerta è stato avviato in UE, e oltre 14 anni dalla pubblicazione del regolamento (CE) 178/2002, in cui è stata fissata la base giuridica del Rasff (Sistema di allarme rapido per alimenti e mangimi). Il sistema di allarme rapido è estremamente efficace e si compone di punti di contatto in tutti i Paesi membri e le organizzazioni che si scambiano informazioni su ogni possibile rischio per la salute.

È senza dubbio la legislazione chiave, dove viene evidenziata la necessità di un controllo armonizzato per i meccanismi "del solo mercato europeo", mettendo sempre al primo posto la necessità di protezione e la difesa della sicurezza dei consumatori, così come la costruzione della fiducia nel settore di alimenti e mangimi commercializzati nell'Unione europea.



La normativa parla di meccanismi di controllo e degli enti di assistenza tecnica e scientifica che sostengono la Commissione, dell'interazione e collaborazione delle società commerciali con l'amministrazione, dei rischi emergenti, della trasparenza o del sistema di allarme rapido, gestione delle crisi e situazioni di emergenza.

In breve, questo regolamento prevede le basi per garantire un elevato livello di protezione della salute per le persone e gli interessi dei consumatori in relazione agli alimenti, garantendo un funzionamento efficace del mercato interno. Il regolamento stabilisce anche principi e responsabilità comuni, vale a dire i mezzi per fornire una solida base scientifica e accordi e procedure organizzative efficienti a sostegno dell'attività decisionale sulle questioni riguardanti la sicurezza di alimenti e mangimi.

Sistema di allarme rapido (Rasff)
Il sistema dispone di un servizio permanente (attivo tutti i giorni della settimana) per garantire invio, ricezione e risposta delle notifiche urgenti nel più breve tempo possibile.

I 27 Stati UE, insieme alla Commissione Europea e all'Autorità per la sicurezza alimentare (EFSA), l'Islanda, il Liechtenstein e la Norvegia, sono membri a pieno titolo del Rasff.

Quando un qualsiasi membro ha informazioni su un grave rischio per la salute da alimenti o mangimi deve immediatamente informare la Commissione Europea attraverso il sistema Rasff. La Commissione Europea provvede quindi a condividere immediatamente l'informazione con gli altri membri, al fine di prendere i provvedimenti opportuni.

Tra le misure da adottare è possibile il ritiro del prodotto dal mercato. La Commissione valuta tutte le informazioni ricevute e le inoltra a tutti i membri del utilizzando uno dei quattro tipi di notifiche:
  1. notifica di allerta: per i prodotti già in vendita che presentano un grave rischio, e per cui si devono adottare misure urgenti;
  2. notifica di informazione: utilizzata quando un prodotto non è ancora sul mercato, il rischio non è considerato grave e devono essere adottate misure urgenti;
  3. respingimento al confine: nelle frontiere esterne dell'Unione Europea, tra cui la Svizzera, un rifiuto diretto della merce è prodotto quando viene rilevato un qualsiasi rischio per la salute che viola la legge;
  4. notifiche delle news: tutte le informazioni relative alla sicurezza alimentare, che non sono state notificato e che le autorità considerano interessanti da condividere con i membri del Rasff.
Questi avvisi e notifiche contengono, tra l'altro, tutte le informazioni riguardanti il ​​tipo e l'origine delle merci; il Paese dove vengono rilevate e la violazione legislativa, in relazione al tipo inadempimento nei rischi per la salute: microrganismi patogeni, residui fitosanitari, additivi, allergeni, metalli pesanti, micotossine, ecc.

Presenza di residui di fitofarmaci nell'UE rilevati dal Rasff
Nel 2015 sono state raccolte 3.049 notifiche attraverso il sistema Rasff, 775 sono state classificate come avvisi e 1.387 sono stati respingimenti alla frontiera. Di tutte queste notifiche, 405 corrispondono a residui di fitofarmaci che violano la legge (in pratica una violazione dei limiti massimi di residui e sostanze non autorizzate all'interno del quadro europeo).


Clicca qui per un ingrandimento del grafico.

Rispetto al 2014, delle 3.157 notifiche presentate, 435 riguardavano i residui fitosanitari. Questa cifra rappresenta il 13,7% a fronte di un 13,2% nel 2015. C'è stato un leggero calo di percentuale e valore assoluto, anche se le cifre si muovono nello stesso ordine di grandezza.

Significativamente, delle 405 notifiche di non conformità a causa del rischio di residui fitosanitari, solo 34 riguardavano prodotti originari dell'Unione Europea, vale a dire l'8,4% di totale. Per quanto riguarda le notifiche rimanenti, esse sono rappresentate da soli 5 Paesi con quasi il 50%: Turchia, Egitto, Cina, India e Repubblica Dominicana.

Analizzando la direzione presa da alcuni Paesi negli ultimi anni, si segnala lo sforzo e i grandi progressi compiuti nel controllo della salute e della sicurezza alimentare in molti Paesi importatori del Sud America, con una drastica riduzione del numero di segnalazioni rispetto al passato. Vale anche la pena citare i progressi e la riduzione del numero di segnalazioni sollevate dai fitofarmaci nel caso del Marocco.

A partire dal 1 novembre 2016 ci sono state 207 notifiche relative a residui fitosanitari; ciò potrebbe significare chiudere l'esercizio con una significativa diminuzione negli avvisi rispetto agli anni precedenti.

I prodotti fitosanitari, che hanno registrato la presenza maggiore e un maggior numero di allerte nel 2015, sono stati: clorpirifos, carbendazim, acetamiprid e dimetoato.

Ci sono diversi aspetti importanti da evidenziare, sottolineando le informazioni di cui sopra:
  • che delle 28 sostanze attive trovate nel 2015, e considerati in questa statistica, 16 (57,2%) non sono ammesse in UE;
  • resta una presenza e un uso dominante di organoclorurati, organofosfati e carbammati che si ripete anno dopo anno, senza alcuna chiara tendenza alla riduzione.
Insomma, c'è ancora molta strada da fare per molti Paesi che esportano verso l'UE, in quanto devono migliorare le buone pratiche in campo, essere più attenti alle tendenze di registrazione, normative e nuovi ingredienti dei prodotti fitosanitari. L'auto-monitoraggio e il controllo fiscale alla fonte devono essere migliorati al fine di evitare rifiuti a sorpresa, che senza dubbio hanno un impatto l'immagine degli importatori interessati.

AGQ Labs ha una vasta esperienza nel controllo all'origine dei fornitori di prodotti ortofrutticoli in catene di distribuzione, l'acquisto centrale, industria di trasformazione ed esportatori che sono in conformità con i requisiti legali e commerciali per quanto riguarda il contenuto di residui fitosanitari o di altri microinquinanti.

Riferimenti
1. Commissione europea (2011). La sicurezza alimentare - dal produttore al consumatore. Disponibile su: http://europa.eu/pol/food/index_en.htm.

2. Il regolamento (CE) N. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 28 gennaio 2002, che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa le procedure nel campo della sicurezza alimentare.

3. Commissione Europea (2016). Il sistema di allarme rapido per alimenti e mangimi (RASFF) - Relazione annuale 2015. Disponibile all'indirizzo: https://ec.europa.eu/food/sites/food/files/safety/docs/rasff_annual_report_2015.pdf

Per maggiori informazioni:

Miguel Valero - direttore aziendale per l'agroalimentare
AGQ Labs
Tel.: +34 955 738 908
www.agqlabs.es
www.agqlabs.cl
www.agqlabs.pe
www.agqlabs.mx

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto