Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Focus sul mercato mondiale dei limoni

Il mercato dei limoni è tranquillo. Nel complesso domanda e offerta sono in equilibrio e dove questo non fosse, i commercianti hanno l'opportunità di regolare la situazione. Per esempio, i produttori spagnoli riferiscono di tenere d'occhio la domanda per la seconda parte della campagna dei limoni Fino. In California si stanno raccogliendo meno limoni, ma ciò non sta causando grandi problemi per il momento. Il settore argentino non è contento dei requisiti di colorazione imposti dagli Stati Uniti sul frutto, perciò non ci sono esportazioni verso questo mercato. I prezzi in Cina sono sotto pressione dopo che sono stati fatti notevoli investimenti per espandere la superficie coltivata proprio a causa dei prezzi elevati.



USA: la California prevede una produzione più limitata di limoni
Con la fine della stagione messicana e cilena in vista, i limoni statunitensi stanno subentrando sul mercato. La domanda è stabile in tutte le categorie, così come anche il prezzo. Oltre alla buona richiesta sul mercato domestico, esiste anche una crescente domanda in arrivo da Oriente e dal Sud-est asiatico. Grazie alle diverse zone climatiche in California è possibile esportare in questi mercati per tutto l'anno.

La resa in California e Arizona è più bassa. Secondo i produttori l'arrivo precoce del caldo di quest'anno ha causato una riduzione del volume di raccolto. I commercianti sono ottimisti sulla situazione. Un commerciante della East Coast ha dichiarato: "Non abbiamo visto gap sul mercato, al contrario di quanto è successo quest'anno".

L'anno scorso c'era stato un gap tra la stagione messicana e quella californiana. Il commerciante è ottimista sul raccolto di quest'anno dello stato USA e ha persino aggiunto che i limoni destinati al settore della trasformazione soddisfano quasi quelli del settore della vendita al dettaglio.

Gli esportatori argentini non sono contenti delle restrizioni sulla colorazione imposte dall'USA
Anche se il mercato USA è aperto ai limoni argentini, non è possibile esportarvi per via dei requisiti di colorazione imposti dagli Stati Uniti sui frutti. I due paesi si sono accordati su una colorazione tra il giallo e il verde per i limoni. La raccolta raggiunge il picco tra aprile e settembre, quando si raccoglie il 90% dei limoni. Il restante 10% viene raccolto nei restanti mesi dell'anno, anche se questi limoni non sono adatti all'esportazione. Il codice di colorazione su cui si sono accordati USA e Argentina per l'export dei frutti può essere raggiunto solo nel periodo tra maggio e luglio.

Un commerciante argentino ha spiegato: "Nessuno può esportare negli USA in questa stagione, perché nessuno possiede limoni che soddisfano i requisiti". Il colore viene determinato al momento della raccolta. Tuttavia, il protocollo USA è arrivato troppo tardi per il raccolto di quest'anno.

Nonostante la mancanza del mercato syìtatunitense, l'Argentina può inviare i suoi limoni in altri paesi. Il Messico ha aperto i confini al frutto lo scorso luglio. L'Europa continua a essere il cliente più grande.

Cina: l'espansione della superficie sta mettendo sotto pressione i prezzi
In Cina la coltivazione dei limoni avviene principalmente nelle regioni di Tongnan, vicino Chongqing; Anyue, nella provincia di Sichuan; nella provincia di Hainan e a Dehong, nella provincia di Yunnan. Al momento l'80% della produzione arriva da Anyue. Negli ultimi anni, vista la richiesta elevata, il prezzo dei limoni di Anyue è aumentato. Quattro anni fa i prezzi dei limoni da Anyue hanno raggiunto il picco con una media di 1,51-3,02 dollari al kg. Di conseguenza la superficie di coltivazione è stata ampliata.

Rispetto alla scorsa stagione, la superficie coltivata è aumentata notevolmente. Il clima è stato stabile e questo ha facilitato la crescita del frutto. L'anno scorso è stato un anno di bassa produzione per i limoni, mentre quella attuale dovrebbe essere una buona stagione. In risposta al crescente import di limoni, anche le province di Yunnan e Chongqing hanno investito nella produzione di limoni. Come risultato di quest'area di produzione più ampia, il prezzo si manterrà sotto pressione nel prossimo futuro.

Spagna: più limoni Primofiore di piccolo calibro
Quest'anno la campagna spagnola dei limoni Primofiore è cominciata con volumi leggermente più grandi di quelli dell'anno scorso. Tuttavia, la mancanza di piogge ha avuto un impatto sulle dimensioni dei frutti. Ci sono molti piccoli calibri a disposizione e questo sta influenzando i prezzi. Le quotazioni sono sotto pressione per il calibro 5 a causa del grande volume disponibile. Per il momento il prezzo dei frutti di grandi dimensioni sembra mantenersi su un livello più alto, anche se si nota comunque una tendenza al ribasso. Tuttavia, per questa stagione i commercianti non si preoccupano dei volumi dei limoni Primofiore. La maggior parte delle esportazioni è destinata a Belgio e Germania. Altri paesi importanti sono Francia, Svizzera, Paesi Bassi, Italia e Polonia.

I limoni spagnoli hanno una posizione dominante sul mercato europeo perché il volume fornito dalla Turchia è stato deludente. Il prezzo medio è di 0,36 euro/kg. La seconda metà della stagione dei limoni Fino comincia a dicembre. I produttori sono cauti e stanno regolando il ritmo di raccolta a quello delle vendite. In questo senso, il fatto che i limoni possano stare sugli alberi per un lungo tempo senza che questo abbia conseguenze è un vantaggio per i produttori.

Belgio: poca richiesta per i limoni
Secondo il commerciante belga il commercio di limoni non è molto solido al momento. Fornitura e qualità si mantengono a livelli normali. Attualmente in Belgio i prezzi dei limoni ammontano a 1,20 euro e tutta la fornitura venduta dal commerciante arriva dalla Spagna. Il commerciante belga riceve ogni settimana tra le 10 alle 20 tonnellate di limoni. Secondo l'importatore in Belgio la richiesta di limoni è bassa.

Il mercato tedesco dei limoni è stabile
I limoni spagnoli dominano il mercato tedesco, come succede anche in molti altri paesi europei. Le varietà più popolari ai mercati all'ingrosso sono Fino, Misstonic e Severa. Anche i prodotti turchi sono popolari, anche se in misura minore dal momento che la fornitura turca è stata deludente in questa stagione. I commercianti riferiscono che offerta e domanda sono in equilibrio, alcuni parlano persino di leggeri surplus. I prezzi si mantengono stabili per il momento e oscillano tra 0,32 e 0,40 euro/kg. Gli agrumi spagnoli solitamente registrano quotazioni appena più alte rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Nel complesso gli agrumi spagnoli ottengono prezzi leggermente più alti rispetto rispetto all'anno scorso nello stesso periodo dal momento che hanno registrato incrementi tra il 10 e il 20%.

L'Australia chiude una buona stagione invernale
I produttori di limoni hanno avuto una stagione invernale di successo in Australia. Questo è stato dovuto principalmente alle loro esportazioni in Cina. Quest'anno l'export di agrumi ha raggiunto un record, per un valore di 377 milioni di dollari. Vale a dire il 31% in più rispetto all'anno scorso ed è in netto contrasto con le cifre del 2011. Dopodiché i frutti sono stati venduti alla metà di quel prezzo.

Nei prossimi dieci anni la coltivazione dei limoni aumenterà del 50% secondo l'organizzazione del settore. La richiesta continua ad aumentare perché i consumatori conoscono i benefici salutari dei limoni e li acquistano per via del contenuto elevato di vitamina C che posseggono. I limoni non sono disponibili nei mesi invernali, perciò le importazioni arrivano da USA ed Egitto fino all'inizio della stagione locale, ovvero febbraio.

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto