LBP Rotterdam: un partner per tutte le esigenze logistiche degli esportatori

Il semplice stoccaggio della frutta non è più, già da anni, il core business della LBP Rotterdam. Anton Filippo, di LBP, ha dichiarato: "Imballaggio, reimballaggio, maturazione, gestione di carichi per via aerea e marittima, formalità doganali, oggi eseguiamo di tutto per collaborare alle esigenze dei fornitori globali".



In questa intervista, Anton Filippo illustra il modus operandi dell'azienda.


Anton Filippo. Foto: Maaike Petri

"Noi - racconta - continuiamo a viaggiare nel mondo. Sono convinto che parte del nostro successo sia dovuto a questo, e cioè al contatto personale. Qualche anno fa abbiamo acquistato una linea per le nostre attività di confezionamento degli agrumi. I nostri fornitori sudafricani ci hanno inviato agrumi sfusi, destinati ai clienti europei e noi ci siamo occupati di pulirli, calibrarli, pesarli e confezionarli per il settore di vendita al dettaglio. Il mercato ci ha chiesto subito se potevamo cominciare a farlo anche per altri prodotti. Questa procedura è ideale per i produttori d'oltremare, perché possono spedire molta più frutta, senza troppe preoccupazioni. Tuttavia, il vantaggio della flessibilità non ha prezzo e così si ha la possibilità di cambiare gli ordini fino all'ultimo momento. Inoltre, la selezione effettuata in sede garantisce una qualità migliore". 


Foto: Maaike Petri

Negli ultimi anni, ciò ha costituito per LBP una ragione sufficiente ad ampliare notevolmente il suo parco macchine. A metà dicembre è stata installata una linea di imballaggio multifunzionale che comincerà a confezionare l'uva in cestini. La linea è composta da 24 tavoli da imballaggio con bilance. La nuova macchina sigillatrice posta vicino alla linea significa che i cestini possono essere anche pellicolati. "Nel Regno Unito, il top-seal è una tendenza molto in voga e ora può diventare popolare anche qui. In essa vediamo del potenziale per prodotti emergenti come i mirtilli, tra gli altri".

I mirtilli sono diventati uno dei cinque principali prodotti per LBP. "Nove anni fa abbiamo cominciato con questo prodotto su piccola scala. Oggigiorno riceviamo 35 container alla settimana durante la stagione, mentre prima e dopo la stagione ne riceviamo 40 pallet al giorno per via aerea. Tre anni fa abbiamo investito in una linea per le bacche e, dopo soltanto un anno, abbiamo adattato totalmente la linea, che ora opera secondo le nostre esigenze". 


Foto: Maaike Petri

Gli esotici sono in testaPer il fornitore di servizi logistici, i cinque prodotti principali tra gli esotici in voga comprendono anche mango, uva, lime e avocado. "Gli esotici sono uno dei nostri prodotti principali. Ci concentriamo su frutti che richiedono e meritano maggiore cura e attenzione. Naturalmente cerchiamo di automatizzare dove possibile, ma la selezione manuale continuerà ad essere sempre una parte importante del nostro lavoro".


Inoltre, LBP ha reso la documentazione per lo sdoganamento e l'export la propria specialità. Le camere di maturazione della LBP stanno entrando nel loro terzo anno di utilizzo. "Per questo abbiamo assunto due esperti di maturazione con competenze esterne, perché la maturazione è una scienza. I risultati sono eccellenti. Oltre che per mango e avocado abbiamo usato le camere di maturazione anche per drupacee e agrumi e vi facciamo maturare anche kiwi e banane baby".


Foto: Maaike Petri

Tuttavia, il direttore di LBP vede una potenziale minaccia, per il futuro: quella di volumi più bassi di prodotto d'oltremare sul mercato europeo, nonostante l'aumento di nuovi paesi produttori. "Le forniture d'oltremare per il mercato europeo sono realmente a rischio ed è una conseguenza del modo in cui la frutta viene commerciata in Europa. Qui gli importatori vogliono vendere frutta, ma suppongono che i produttori d'oltremare inviino tutti i loro prodotti su commissione e poi comincino a valutare dove possono ottenere un profitto. Tuttavia, i fornitori in paesi come Cile, Colombia e Perù ora hanno uno sbocco commerciale in alcuni altri mercati, tra cui la Cina, che se richiede la qualità migliore, è anche disposta a pagare un buon prezzo. Secondo me, la mentalità del commercio europeo deve cambiare e si dovrebbe prendere maggiormente in considerazione il produttore".

Quando gli è stato domandato se una filiale in Cina potrebbe considerarsi una miniera d'oro, Anton ha risposto: "Ritengo che il mercato cinese abbia senza dubbio un potenziale enorme, soprattutto considerando la sua crescita, ma anche perché gli esportatori preferiscono l'ispezione dei prodotti all'arrivo. Potenzialmente c'è molto lavoro da fare, in un porto cinese. Ogni qualvolta mi trovo in un paese come il Cile, mi viene chiesto diverse volte un aiuto logistico. All'inizio tendo a essere riservato, perché temo che, in caso altri lo venissero a sapere, nel giro di alcuni anni comincerebbero anche loro a orientarsi sulla Cina. Tuttavia, è possibile instaurare una buona collaborazione, anche se non so se riuscirei a mettere d'accordo tutte le parti interessate". 


Foto: Maaike Petri

Ci sono anche altri paesi che mostrano numerose opportunità. "Per esempio, il Regno Unito non ha società che fanno quello che facciamo noi, l'intera gamma dei servizi per lo sdoganamento e così via. Lo hanno per le spedizioni per via aerea, ma non per i carichi spediti via mare. Se l'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea dovesse avvenire sul serio, ciò risulterebbe in una tale mole di burocrazia che diventerebbe una vera sfida per noi". La sede in Perù, LBP Perù, non è riuscita a partire prima, ma la società ha una collaborazione con Holland House a Bogotà, in Colombia, che promuove i servizi della società nel paese. "In paesi come questi si ha bisogno di qualcuno che parli la lingua locale e conosca la cultura".

Potenziale in Colombia
"Sono convinto che la Colombia sarà il nuovo Cile, tra dieci o quindici anni. Al momento le infrastrutture sono ancora un problema, con una carenza di centri di imballaggio. Inoltre, molti produttori non sono ancora certificati GlobalGAP, ma il paese è in crescita. Il governo locale ora deve capire quanto potenziale offre il settore frutticolo. Gli avocado sono in aumento, ma anche il frutto della passione colombiano è molto popolare. La nostra ambasciata è molto attiva lì. Possiamo solo sperare che il governo locale cominci a comprendere l'importanza che l'export di frutta potrebbe avere per il paese, perché sono ancora necessari degli investimenti". 


Foto: Maaike Petri


"Il nostro commercio è minacciato anche dal clima estremo. Se si osservano le conseguenze delle inondazioni a Piura, Perù, si può cancellare il 70% della produzione di uva. Anche la siccità in paesi come il Sudafrica mostrerà i suoi effetti nei prossimi tempi".

Inoltre, la competizione da parte dei fornitori di sevizi logistici sta aumentando nei Paesi Bassi. "Ci sono più fornitori, ma credo che ci sia lavoro a sufficienza per tutti. Ritengo che sarebbe peggio se alcuni fornitori si distinguessero puramente in base al prezzo. Questo rovinerebbe inutilmente il mercato perché c'è abbastanza lavoro finché continuiamo ad agire normalmente. Fortunatamente abbiamo molti clienti fidelizzati, ma c'è più movimento rispetto al passato. I nostri prezzi non sono i più bassi sul mercato, ma vogliamo essere i migliori. Dobbiamo assicurarci di andare meglio ogni giorno che passa, di continuare a fare le cose per bene e aggiungere sempre valore per i nostri clienti". 

Per maggiori informazioni:
Anton Filippo
L.B.P. Rotterdam BV
Honderdland 50,
2676 LS Maasdijk
Tel: 0174 - 530545
Email: afi@lbp.net
Web: www.lbp.net

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto