Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Jean-Pascal Ophoff, Packsys

Imballaggi per ortofrutta a prova di manomissione

L'azienda belga Packsys, con sede ad Aartselaar, produce macchinari che possono imballare ed etichettare tutti i tipi di prodotti. In parte, l'azienda serve anche il settore ortofrutticolo ed è per questo che ha progettato un macchinario che applica reti di plastica in tensione sulle casse di pomodori.


Jean-Pascal Ophoff di Packsys.

"I pomodori attraversano il nostro macchinario mentre una rete di plastica viene tesa intorno alla cassa - ha spiegato Jean-Pascal Ophoff, di Packsys - La copertura in plastica avvolge la cassa, che poi passa attraverso un tunnel di termoretrazione, dove viene investita dall'aria calda. In tal modo, la plastica si tende intorno all'imballaggio. Il tempo di passaggio del prodotto attraverso il tunnel è molto breve e ciò permette di non scaldare il prodotto. Oggigiorno queste macchine vengono utilizzate per le casse di pomodori, ma la tecnica potrebbe andare bene anche con casse di arance, per esempio". 

I pomodori restano nella cassa
L'obiettivo delle reti di plastica è semplice: devono trattenere i pomodori nelle casse. La rete assicura che ciò avvenga in due modi. "Grazie alle reti, i pomodori non cadono fuori - ha continuato Jean-Pascal - Il secondo motivo per cui le reti vengono applicate sulle casse ha a che vedere con i consumatori. Infatti a volte succede che gli acquirenti endano ad aggiungere pomodori prelevandoli da altre casse per ottenere così più prodotto allo stesso prezzo. Quando è stato fissato un prezzo al kg, ottenere più di quanto si paga è un vantaggio per i consumatori, ma del tutto illegale. Così facendo, nell'ultima cassa di pomodori non ne restano quasi più. E' per questo motivo che le reti sono delle perfette alleate". 


Grazie alla rete di plastica, i pomodori non possono essere prelevati dalla cassa, né tanto meno cadere. 

Nonostante Jean-Pascal paragoni a un coperchio lo strato di plastica sulle casse, l'imballaggio dell'azienda belga ha una serie di vantaggi che i coperchi non offrono. "Le nostre reti in plastica permettono la traspirazione del prodotto - ha spiegato - Questi imballaggi si possono paragonare alle reti utilizzate per le cipolle. I fori della rete misurano 4-5 millimetri. Il motivo per cui utilizziamo la plastica per produrre le reti è perché è saldabile e restringibile. La rete appare come se fosse una seconda pelle sui prodotti. Inoltre, questi imballaggi possono essere asportati facilmente dalle casse".

Adeguamento
Per imballare le casse con le reti di plastica, Packsys ha dovuto apportare alcune modifiche. "I nostri macchinari hanno la capacità di imballare con reti 15 casse al minuto - ha continuato Jean-Pascal - Abbiamo dovuto adattare in particolare il sistema di azionamento e la sospensione del sistema di saldatura, per poter rendere possibile il processo. Passando attraverso la macchina, la cassa svolge la rete come se fosse una pellicola. Siccome questi rotoli di rete sono piuttosto pesanti, abbiamo dovuto adattare il macchinario. In questo modo, possiamo dare il nostro contributo al settore dei pomodori. Abbiamo cominciato ad operare in questo settore tre anni fa e abbiamo in programma di crescere. Attualmente imballiamo solo casse di pomodori ed etichettiamo porri". 

Per maggiori informazioni:
Packsys
Jean-Pascal Ophoff
Mastboomstraat 12
2630 Aartselaar (België)
T: +32 (0) 3 290 06 44
F: +32 (0) 3 290 06 45
Email: info@packsys.be
Web: www.packsys.be

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto