Lo sgombero del campo profughi, avvenuto nell'ottobre 2016, non pare avere risolto il problema dell'assalto dei migranti ai camion diretti al porto e al terminal ferroviario di Calais. Come denuncia la FNTR in una nota, "gli autotrasportatori subiscono le conseguenze della presenza migratoria a Calais con barriere sulle strade, intrusioni nei siti delle imprese del posto, danneggiamenti dei semirimorchi e delle merci". Anche la navetta ferroviaria sotto la Manica subisce assalti.

Clicca qui per leggere di più su www.trasportoeuropa.it.