Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Per gli agrumi spagnoli il mercato cinese e' difficile ma promettente

Anche se la superficie degli agrumi spagnola è diminuita drasticamente negli ultimi anni (15mila ettari persi nel corso degli ultimi cinque anni) e molte piantagioni sono passate ad altri frutti, l'azienda Garcia Ballester continua a specializzarsi esclusivamente nella produzione e nel commercio di questi prodotti.


Primo controllo per gli agrumi all'arrivo.

"Facciamo questo lavoro da oltre 110 anni - ha spiegato il vice direttore Jorge García Monfort, che rappresenta la quarta generazione dell'azienda a conduzione familiare - Nei prossimi anni, il settore agrumicolo di Valencia dovrà ritrovare il suo equilibrio, ma con buoni clienti, si può sopravvivere".



L'azienda Garcia Ballester, con sede a Burriana, Castellon, vende ogni anno circa 70.000 tonnellate di agrumi. "Riforniamo prevalentemente i rivenditori europei in Svizzera, Paesi Bassi, Germania, Scandinavia e Regno Unito - ha affermato Stephane Oualid, attivo da dieci anni come responsabile vendite - Esportiamo anche in Stati Uniti, Canada ed Estremo Oriente, e, sempre di più, in Cina".



Mercato cinese difficile e promettente
Anche se Jorge García descrive il mercato cinese come difficile, ci vede comunque un grande potenziale. "Fino a febbraio, con le varietà di agrumi tardive, non saremo in grado di svolgere un ruolo significativo in Cina".


Smistamento per colore.


Al momento, la Cina importa principalmente dagli Stati Uniti, ma le tensioni politiche, che hanno già causato il boicottaggio delle mele, potrebbero tradursi in un vantaggio per la produzione spagnola. La sfida consiste nel ridurre il tempo di transito, che ora richiede circa 32 giorni.



"I consumatori cinesi amano le marche e le confezioni attraenti e sono disposti a pagare fior di quattrini per avere frutta d'importazione di alta qualità. Anche l'aspetto del frutto deve essere perfetto. Prevedo grandi opportunità per l'export in Cina, ma dobbiamo affrontare il processo passo dopo passo".


Tutta la frutta viene scansionata.

La Garcia Ballester ha coltivazioni di agrumi in tutta la Spagna, da Huelva a Siviglia, Tarragona e Valencia. Con un centro di imballaggio a Valencia, l'azienda si concentra principalmente sulle clementine; a Siviglia ha un centro di imballaggio dedicato al confezionamento delle arance.


Jorge Garcia di fronte alla linea di selezione MAF Roda.

Stephane ha spiegato: "Siamo una delle cinque principali aziende agrumicole in Spagna; in realtà l'azienda è la maggiore quando si tratta di clementine. Queste vengono coltivate qui, nella zona da cui originariamente provengono, e sono anche i migliori agrumi che la Spagna ha da offrire".



L'obiettivo è trovare una varietà per colmare il divario tra Clemenules e Nadorcott
L'azienda, che coltiva il 60% circa del suo volume, fa molta ricerca su nuove varietà e partecipa a molti progetti per lo sviluppo di nuove cultivar di agrumi. Il direttore delle vendite ha dichiarato: "Abbiamo testato molte varietà provenienti da Stati Uniti, Australia e Sudafrica, ma non è chiaro se riusciranno a prosperare anche in Spagna".



"Ci piacerebbe comunque aggiungere una nuova varietà alla nostra gamma di prodotti in modo da colmare il gap tra la produzione di Clemenules e quella di Nadorcott. Vale a dire nel mese che porta al Natale, durante il quale non c'è un mandarino di buona qualità".


Jorge Garcia (a destra) con il capo del centro di imballaggio

Jorge ha continuato: "Investiamo molto nell'automazione delle macchine, ma anche nel packaging e nelle presentazioni. Questo ci permette non solo di competere in Paesi con costi di produzione più bassi, come l'Egitto e il Marocco, ma anche di assumere il nostro ruolo di fornitore di servizi per i rivenditori, che vogliono un prezzo competitivo, buona qualità e continuità. In qualità di azienda specializzata possiamo collaborare con loro per l'organizzazione di promozioni su misura per tutta la stagione. Sostanzialmente se i nostri clienti vendono di più, aumentano anche le nostre vendite".

Egli ritiene, inoltre, che le vendite non siano più incoraggiate dalla festività di San Nicola. "Se si guardano i volumi che vendevamo in Germania, Svizzera e Paesi Bassi 10 o 20 anni fa durante la stessa settimana, i volumi attuali non reggono il confronto".


Jorge Garcia Monfort, Patricia Castells e Stephane Oualid.

Per il momento l'azienda agrumicola non ha nessuna intenzione di interessarsi all'import. Il vice direttore ha dichiarato: "Chi sa cosa riserva il futuro, ma noi continueremo un passo alla volta". Lo stesso vale per un progetto che la società ha intrapreso e che coinvolge la coltivazione di agrumi biologici a Siviglia. "È ancora in fase pilota. Speriamo di avere dati da divulgare a riguardo il prossimo anno".



110 anni come specialista di agrumi
Nonostante la coltivazione spagnola di cachi e melograni sia cresciuta in modo esplosivo negli ultimi anni, la quota totale di questi frutti non va sopravvalutata. "Della superficie totale di frutta a Valencia, solo il 3% corrisponde a cachi. Dal momento che si vedono queste colture prevalentemente lungo le strade, a volte è possibile avere un'immagine distorta. Inoltre, i grandi volumi stanno già conducendo a condizioni di mercato drammatiche. Noi rimarremo fedeli alla nostra visione di essere uno specialista di agrumi, come abbiamo fatto per 110 anni".

Grandi opportunità per la coltivazione degli avocado, ma al di fuori di Valencia. "In realtà la produzione di avocado non riesce a tenere il passo con la domanda. Questo frutto, così come le patate dolci, al momento sta registrando una crescita simile a quella osservata una decina di anni fa con l'uva senza semi".



L'attuale stagione degli agrumi è iniziata con qualche difficoltà a causa del caldo. "Il raccolto è maggiore in termini di unità di frutti, ma i calibri sono soprattutto piccoli; tuttavia, se si guarda al volume destinato alla commercializzazione, i quantitativi totali possono essere effettivamente inferiori - ha affermato Stephane - Ora quello di cui abbiamo bisogno è di un clima più freddo. Questa è la medicina migliore per gli agrumi. Il clima caldo e la pioggia sono disastrosi, ma se otteniamo un numero sufficiente di notti fredde potrebbe arrivare la qualità migliore degli ultimi anni".

Per maggiori informazioni:
Stephane Oualid
Garcia Ballester
C/Partida Vintems s/n
12530 Brurriana (Castellon)
Tel.: +34 964 571 025
Fax: +34 964 516 056
Email: stephane@garciaballester.es
Web: www.garciaballester.es

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto