Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Parola di Chayenne Wiskerke (Wiskerke Onions)

Esportare tante cipolle e' allettante, ma l'arte sta nel mantenere il mercato in equilibrio

Fino ad ora i volumi di cipolle d'esportazione venduti sono stati idonei. Nella 43ma settimana gli esportatori olandesi hanno venduto oltre 27.588 tonnellate di cipolle. "Dalla 27ma settimana l'export medio è di 21.600 ton. Raramente in questo periodo ci è capitato di esportare un volume così grande - ha osservato Chayenne Wiskerke della Wiskerke Onions - Anche se questo potrebbe avere uno svantaggio. Notiamo sempre più che i mercati esteri tendono a proteggere la produzione locale con licenze e/o divieti di esportazione, perché negli anni passati hanno registrato una fornitura eccessiva. Il nostro compito è quello di lavorare insieme per soddisfare la domanda e in determinati mercati non spingerci al di là della nostra capacità, altrimenti finirà con l’essere controproducente".


Chayenne Wiskerke.

Chayenne ha continuato: "Un esempio è Panama, che è un bel mercato di vendita. Ma quando si osservano gli enormi volumi che sono stati venduti in poche settimane, si capisce la scontentezza dei coltivatori locali. Non dobbiamo limitarci a pensare al breve termine. Così facendo il mercato sarà più tranquillo e ci assicureremo di poter continuare ad esportare anche nelle settimane successive. È piacevole realizzare esportazioni corpose, ma l'arte sta nel mantenere il mercato in equilibrio". Ciò non esclude che l'azienda sia soddisfatta della prima parte della stagione. "Finora i Paesi Bassi hanno esportato in 109 Paesi, pertanto la commercializzazione è stata ampia".



"Per fortuna abbiamo accesso a un prodotto di altissima qualità e la domanda è solida. Nelle ultime settimane le cipolle sono state inviate in Africa, Asia, America centrale e del sud e anche in Europa. Al momento si può notare come la domanda si stia stabilizzando, ma tradizionalmente le settimane 46, 47 e 48 sono un periodo più tranquillo. Prevedo che fino alla fine dell'anno le vendite saranno sicuramente buone e continueranno in ugual maniera. Oggigiorno il prezzo a balla è su un livello stabile di circa 0,18-0,19 euro e con le destinazioni speciali e i calibri più grandi si ottiene un po' di più".



"E 'ancora presto per analizzare la seconda metà della stagione. Al momento abbiamo a che fare con il passaggio alla produzione locale nei mercati di Asia e America centrale. La questione è se questi Paesi torneranno anche a gennaio. Ancora non sappiamo quando arriverà il raccolto africano e che qualità avrà. Dovremmo saperlo nei prossimi mesi. In India e Cina il raccolto è buono e in Nuova Zelanda deve ancora svilupparsi. Viste le condizioni meteorologiche estreme che abbiamo registrato quest'anno, con estrema siccità, precipitazioni e terremoti, è troppo presto per trarre conclusioni".



Brasile
Il Brasile, che negli ultimi due anni è stato un grande acquirente di cipolle olandesi, attualmente sta acquistando piccoli volumi di cipolle dorate e rosse dai Paesi Bassi. "Questo non sta avvenendo perché hanno carenza di prodotto, visto che tra la produzione locale e quella dei Paesi vicini, i volumi sono sufficienti, bensì perché le nostre cipolle hanno una qualità migliore. In realtà siamo troppo costosi per loro, ma alcuni clienti chiedono la qualità migliore e i costi di trasporto estremamente bassi. Sul mercato brasiliano abbiamo una forte concorrenza anche dalla Spagna, che ha ottenuto un enorme raccolto (+30%!) e, pertanto, ha prezzi competitivi. Non credo che il Brasile continuerà a richiedere cipolle in grandi quantità come è successo negli ultimi due anni, ma si presenteranno opportunità nella seconda parte della stagione per via della qualità eccellente".



"L'Europa ha molte cipolle, ma questo non significa che non c'è bisogno di prodotto olandesi - ha dichiarato Chayenne - Ci si chiede se l'Europa dell'Est abbia gli strumenti giusti e cipolle con una qualità adatta alla conservazione fino alla fine della stagione. Perciò torneremo in gioco noi; vedo perciò maggiori possibilità, anche se non saranno i volumi dell'anno scorso. Tutto sommato, non sono pessimista. Ci saranno opportunità adeguate anche nella seconda metà della stagione. A livello globale i costi di spedizione sono molto competitivi e, soprattutto, la qualità delle nostre cipolle è molto buona!".

Per maggiori informazioni:
Chayenne Wiskerke
Wiskerke Onions
Tel.: +31 (0)113 382210
Email: Chayenne@wiskerke-onions.nl
Web: www.wiskerke-onions.nl

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto