Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Guarda il video su questa verdura che ha il record di scarto: ben il 50%

Cardo di Cervia: tanta manodopera per un prodotto speciale

Siamo nel pieno della raccolta e commercializzazione del cardo, e in particolare di quello di Cervia (Ravenna). Ne avevamo parlato al momento dei trapianti (cfr FreshPlaza del 18/07/2016), nel mese di luglio. Si tratta di un prodotto che cresce nella sabbia e viene fatto maturare al di sotto di essa. La coltivazione richiede cure continue per 9 mesi l'anno.

Guarda il video


"Questo procedimento - spiega Giuseppe Fiori, l'agricoltore che lo produce - ha dei pro e dei contro. Il vantaggio sta nel fatto che ne esce un cardo particolare, che si può mangiare crudo, tipo pinzimonio, perché è dolcissimo. La sabbia va infatti ad estrarre le sostanze amare che contraddistinguono i cardi tradizionali. Lo svantaggio è che la permanenza sotto la sabbia, specie in annate umide, provoca gravi perdite. In media siamo attorno al 50% di scarto".



La commercializzazione è partita da qualche settimana e Fiori si dice soddisfatto: al Mercato all'ingrosso di Cesena il prodotto viene venduto nel giro di pochi minuti. Da quest'anno ha anche un accordo con Coop e Conad, per cui il cardo di Cervia, quello con il bollino originale, è anche presente nella Gdo.



Fiori coltiva un'azienda di tre ettari dove produce solo cardo. Le rese sono attorno a 5 tonnellate ad ettaro. La fertirrigazione è obbligatoria, in quanto la sabbia non trattiene umidità. Rispetto a quando suo nonno avviò la coltivazione, nel 1931, l'apporto di nutritivi con la moderna fertirrigazione permette rese per ettaro più soddisfacenti.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto