Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Recuperato il ritardo nell'avvio di stagione

Francia: per la Blue Whale si prospetta un buon raccolto di mele

A metà agosto scorso Christophe Belloc, presidente della Blue Whale, aveva annunciato una raccolta tardiva, ma sembra che i melicoltori siano riusciti a recuperare il ritardo e la stagione di quest'anno dovrebbe così concludersi intorno al 25 novembre. "Il clima di questi ultimi giorni - conferma Belloc - è stato favorevole per la colorazione. Il raccolto non solo è di buona qualità, ma è anche più abbondante". La raccolta 2016 è appena iniziata e le stime provvisorie di produzione parlano di 240mila ton, cioè un volume identico a quello dello scorso anno.

"E' in generale una buona annata per il raccolto, con una produzione europea che raggiungerà in totale le 12 milioni di ton, anche se il consumo europeo arriva solo a 10 milioni di ton", conferma Alain Vialaret, direttore della Blue Whale, il quale aggiunge anche che "il maltempo in Europa orientale ha danneggiato i frutti in quella zona d'Europa: questi saranno così destinati alla trasformazione. La pressione che arriva dall'Europa è quindi minore, fatta eccezione per le mele italiane che sono già sul mercato".

Vialaret spiega che l'attuale situazione commerciale è difficile, dato che la svalutazione del 25% della Sterlina significa che le mele francesi si stanno vendendo in Inghilterra a un prezzo più elevato, mentre però i buyers vogliono pagarle a prezzi pre-Brexit. Per la Blue Whales, il mercato inglese rappresenta circa 10mila tonnellate di mele commercializzate.



I produttori hanno investito nei loro frutteti e nelle attrezzature al fine di adattarsi al meglio alle esigenze del mercato e dei consumatori. A ottobre si è svolta la prima edizione di "Mele per tutti i gusti" (La Pomme pour tous les gouts), e i produttori hanno avuto l'opportunità di incontrare i consumatori e parlare dei diversi gusti, forme e colori.

Ora la Blue Whale sta sviluppando anche il settore del biologico e sta lavorando fianco a fianco con il Cefel per ottenere mele senza residui entro i prossimi 5 anni. La Blue Whale è il principale produttore francese di frutta, e attualmente le mele sono il prodotto principale dell'azienda, con oltre 5mila ettari, di cui 150 dedicati alla coltivazione bio. Un terzo della sua produzione si trova nella zona Sud-occidentale della Francia, un altro terzo nella zona Sud-orientale e il restante terzo nella Valle della Loira. L'azienda può contare sulla partnership di 300 produttori di frutta ed esporta l'80% della sua produzione a oltre 500 clienti in 80 paesi (a loro volta tutti produttori di mele). Le varietà più precoci sono le mele Gala e Golden Delicious, seguite dalle Granny Smith, dalle Ariane, e così via, mentre le ultime sono le Fuji e le Pink Lady®.

Quest'anno i prezzi di vendita dei produttori dovrebbero mantenersi stabili grazie alla qualità del raccolto.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto