Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Questo a causa delle perdite agricole in post-raccolta

Il costo dell'import alimentare africano potrebbe aumentare ulteriormente

Mercoledì 26 ottobre, in una riunione convocata per valutare i guadagni dell'iniziativa YieldWise di Rockefeller, gli esperti hanno dichiarato che i costi all'import alimentare dell'Africa potrebbero aumentare ulteriormente se il continente non risolverà il problema delle perdite in post-raccolta. Al forum è stato detto che il costo delle importazioni alimentari dell'Africa potrebbe arrivare fino a 110 miliardi di dollari entro il 2025.

I relatori hanno riferito che l'attuale spesa per l'import, stimata in 35 miliardi di dollari, è aggravata dalle perdite alimentari del continente, se si tiene conto che nella sola Africa sub-sahariana si perde il 20% della produzione agricola durante la post-raccolta.

Il progetto YieldWise valorizza i piccoli agricoltori con competenze in materia di riduzione delle perdite post-raccolta e mira a ridurre la perdita globale di alimenti della metà, attraverso campagne che promuovano il cambiamento di queste pratiche.

L'amministratore delegato per l'Africa della Fondazione Rockfeller, Mamadou Biteye, spiega che "la maggior parte delle colture vanno perse quando ancora sono in azienda a causa di una cattiva gestione, della mancanza di spazio e della carenza di accesso al mercato".

Biteye spiega che è stato registrato un progresso in determinate catene di valore della produzione agricola in Kenya e Tanzania, dal momento che si stanno istruendo i piccoli agricoltori sulle nuove tecnologie di gestione del raccolto.

"In Kenya - conclude Biteye - gli agricoltori di Makueni sono passati da una fornitura per il mercato di 100 ton ad una di 200 ton, usando nuove tecnologie per l'uso degli agrofarmaci, curando maggiormente delle colture, refrigerando il mango dopo la raccolta".

Fonte: the-star.co.ke

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto