Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Sistema comunitario di allerta: 36 notifiche ortofrutticole nelle ultime due settimane

Nel periodo compreso tra il 3 e il 23 ottobre 2016, il Sistema comunitario di rapida allerta per gli alimenti e i mangimi (RASFF) ha pubblicato 36 notifiche in ambito ortofrutticolo. Di queste, 17 sono state classificate come respingimenti alla frontiera. Quattro le allerte in arrivo dall'Italia: due di follow-up e due respingimenti alla frontiera.

Questi ultimi hanno riguardato funghi freschi del Montenegro per un contenuto troppo elevato di radioattività e peperoni in salamoia in arrivo dall'Egitto per la presenza di residui di clorpirifos e carbendazim.

Altre notifiche, in arrivo da diversi Paesi europei, hanno segnalato la presenza di: un elevato contenuto di solfiti in albicocche secche della Turchia; residui di permetrina e dichlorvos in fagioli bianchi del Ghana; residui di clorpirifos in peperoni turchi. Si è evidenziato inoltre la presenza di certificazioni sanitarie insufficienti e improprie per fichi secchi turchi e il tentativo di importare illegalmente semi di anguria nigeriani sprovvisti di certificazioni sanitarie.

23 sono invece le notifiche di allerta in merito alla categoria "frutta secca, prodotti a base di frutta secca e semi", 21 delle quali classificate come respingimenti alla frontiera. Nessuna allerta dall'Italia.

In arrivo da altri Paesi europei, principalmente Paesi Bassi e Regno Unito, le altre allerte riguardano la presenza di aflatossine in: arachidi con e senza guscio provenienti da Stati Uniti, Argentina, Bolivia, Ghana e Cina; pistacchi turchi, iraniani e statunitensi; nocciole da Georgia e Turchia (tostate e sminuzzate).

Segnalata inoltre la presenza di: certificazioni sanitarie improprie per pistacchi turchi; Salmonella in semi di sesamo bianchi indiani; solfiti non dichiarati in latte di cocco in scatola dalla Thailandia; muffa in pistacchi turchi con guscio; frutta secca (mandorle, noci brasiliane, anacardi e noci) non dichiarata confezionata in Regno Unito.

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto