Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Domanda globale alle stelle per la farina di mela neozelandese

La richiesta globale per la farina a base di mela, sviluppata dall'Università di Auckland (cfr. FreshPlaza del 19/09/2016) è alle stelle. La farina potrebbe fare il suo ingresso sul mercato locale il prossimo anno. L'appetito dei consumatori per la farina di mela, creata dalla polpa del frutto normalmente gettata come scarto, ha preso alla sprovvista gli stessi ideatori.

Gli sviluppatori, due biologi dell'Università di Auckland, Silas Granato Villas-Boas e Ninna Granucci, hanno ricevuto richieste da tutto il mondo mentre la farina è ancora a livello di laboratorio e sono stati colti alla sprovvista dall'interesse manifestato.

I supermercati vogliono includerla nei loro assortimenti. Vegani e intolleranti al glutine vogliono acquistarla. Le panetterie vogliono collaborare con loro per la creazione di nuovi prodotti. Le società di trasformazione di mele, che spesso devono pagare per inviare la polpa di scarto in discarica, vogliono rifornire questa nuova "materia prima". Gli investitori vogliono assicurarsi un pezzo della torta.

Le farine non derivate dal grano sono un segmento a crescita massiccia in tutto il mondo. Foodbev Media ha riportato che il mercato complessivo delle farine funzionali potrebbe crescere raggiungendo un valore superiore agli 800 miliardi di dollari entro il 2029.

"Se tutto va bene, possiamo cominciare a programmare un impianto commerciale nel 2018 - ha dichiarato Villas-Boas - Tuttavia, durante la fase pilota è possibile che alcune quantità di farina di mela verde finiscano sul mercato locale il prossimo anno".

Fonte: nzherald.co.nz

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto