Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Polonia: una maggiore offerta di cipolle non aiuta i prezzi

Secondo quanto dichiarato da Mariusz Dziwulski, analista della banca BGZ BNP Paribas, i prezzi delle cipolle sul mercato domestico della Polonia sono notevolmente più bassi rispetto a un anno fa. Secondo i dati del locale ministero all'agricoltura, il prezzo medio per le cipolle da consumo fresco ai primi di ottobre 2016 è diminuito a 0,11 euro al kg rispetto al prezzo medio di settembre (che era 0,14 euro al kg): vale a dire che oggi quota quasi il 50% in meno rispetto allo stesso mese del 2015.

"Il motivo di questo declino nelle quotazioni è innanzitutto dovuto alla maggiore fornitura di cipolle sul mercato domestico. Secondo l'ufficio statistico centrale, la produzione polacca di cipolle, quest'anno, è più elevata di quella dell'anno scorso. La situazione - ha aggiunto Mariusz - è simile in altri Paesi come Spagna, Germania e Paesi Bassi".

Mariusz ha spiegato che il prezzo delle cipolle nell'UE è fortemente influenzo dal rapporto tra domanda e offerta: "Nella stagione 2015/16 i prezzi aumentarono a causa della domanda elevata nei mercati terzi, in particolare in quello del Brasile. Secondo i dati Eurostat, l'export totale di cipolle dai 28 stati UE verso Paesi terzi nel 2015 è ammontato a 965mila ton, con un incremento di circa il 20% rispetto al 2014.

Nel 2016 c'è stato un chiaro indebolimento della richiesta di cipolle nell'UE, il che ha avuto un impatto negativo sui prezzi. Le esportazioni nei primi sei mesi di quest'anno sono diminuite del 14%. Ciò è stato provocato, tra le altre cose, da vendite minori in Brasile, dovute all'aumento previsto del raccolto di cipolle in questo Paese.

L'analista ha concluso: "Dall'inizio del 2016, le esportazioni in Brasile hanno mostrato una chiara tendenza al ribasso. Nel secondo trimestre del 2016 l'export ammontava a poco oltre 11mila ton ed era inferiore dell'80% circa rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Inoltre, anche la richiesta dalla Costa D'Avorio è stata più bassa (l'export è diminuito del 63% nella prima metà del 2016)".

Fonte: sadyogrody.pl

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto