Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Agricola Baraldo: il top dell'asparago di nicchia bianco e verde

Un'azienda in crescita giunta alla terza generazione che negli ultimi venticinque ha implementato varietà produttive e terreni passando dai 5 ettari di proprietà iniziali ai 45 ettari tra proprietà e affitto. L'Azienda Agricola Baraldo, specializzata nella produzione di asparago bianco e verde, si trova in provincia di Padova, a Pernumia, un territorio ai piedi dei colli Euganei di origine vulcanica vocato alla produzioni di asparago e ortaggi in genere.


Foto di famiglia. Da sinistra: Andrea, Fabio e Michele

L'attività guidata dai fratelli Michele, Fabio e Andrea Baraldo è ormai giunta alla terza generazione. Prima degli attuali titolari, l'azienda condotta dal padre e dal nonno produceva solo frutta, mele e pesche.



Visto che il rendimento economico del frutteto non era soddisfacente, considerato che l'asparago bianco è un prodotto di nicchia tipico della zona di Pernumia, l'azienda 25 anni fa decise di mettere in produzione un'asparagiaia su una ridotta superficie aziendale di circa 2 ettari.



Visti gli ottimi risultati, l'impianto di mele venne sostituito con una coltivazione intensiva di asparagi con l'obiettivo di ottenere un prodotto di sempre miglior qualità da commercializzare attraverso i mercati ortofrutticoli.



Negli anni l'azienda ha maturato una competenza tecnico-organizzativa che immette sul mercato un prodotto di qualità a prezzi competitivi che attualmente serve i clienti della Gdo.



Nell'intervista realizzata da FreshPlaza con Michele Baraldo (nella foto a destra) di FreshPlaza è emerso che: "Per quanto riguarda la produzione di asparagi rispetto alla campagna 2015, nel 2016 abbiamo avuto un aumento della produzione di circa 10% con un calo del prezzo di vendita di circa il 7%".

"Da quando nel 2000 l'azienda ha deciso di rivolgersi alla Gdo, il marchio ha iniziato a essere riconosciuto e apprezzato sul mercato e ogni anno sono state acquisite nuova insegne tra i propri clienti. Attualmente l'azienda si rivolge principalmente alle catene Alì, Unicomm, Aspiag, METRO, Sisa, Sma. L'azienda esporta una piccola parte della produzione all'estero (Nord Europa e Giappone) attraverso una società specializzata nella fornitura alla ristorazione di prodotti Made in Italy e conferisce ai mercati ortofrutticoli all'ingrosso di Treviso, Padova, Mestre, Verona e Milano, ma solo per vendite con prezzo fissato e prodotto già venduto".



La competizione
"Oltre ai concorrenti locali dell'area di Pernumia, zona tradizionalmente vocata alla produzione di asparagi, a cui si dedicano numerose aziende agricole anche organizzate in cooperativa, sono presenti altri produttori delle aree vocate alla coltivazione dell'asparago (Veneto, Trentino e altre regioni italiane produttrici però solo di asparago verde). Il vantaggio competitivo, oltre alla differenziazione di prodotto è costituito principalmente dalla qualità: garantita sia dalle differenti tecniche produttive che dalle caratteristiche del terreno".



"La lavorazione dei nostri asparagi avviene in nuovi imballaggi di varie dimensioni:
- cassetta 30x40 sfusi con i turioni che vengono posizionati con le punte rivolte dallo stesso lato
- cassetta 30x40 in mazzi da 750 gr circa
- vaschette da 400 gr e da 500 gr confezionate con sistema flow pack, con film termoretraibile o film termosaldato per permettere ai turioni di essere arieggiati, protetti e a lungo conservati".

Anomalie climatiche?
"Non abbiamo riscontrato particolari anomalie climatiche sulla nostra zona, in quanto non abbiamo avuto eventi atmosferici di grave entità e per quanto riguarda la siccità, i moderni impianti di irrigazione permettono di sopperire a questo problema".



La stagionalità
"Con le nostre produzione cerchiamo di coprire quasi l'intero anno:
- asparagi bianchi e verdi: da metà febbraio a metà giugno
- zucchine: da metà giugno a metà ottobre
- radicchio rosso tardivo: da inizio novembre a metà febbraio".



Le sfide
"Per potersi mantenere competitivi sul mercato, l'azienda ha investito in impianti all'avanguardia dal punto di vista tecnologico, appositamente adattati alle esigenze produttive aziendali".

"L'informatizzazione delle attività aziendali riguarda prevalentemente la gestione della produzione in magazzino (controllo computerizzato di impianti e macchinari) e in minor parte gestione della produzione in campo e contabilizzazione delle attività aziendali".

"Rifornire la Gdo ha richiesto la capacità di evadere gli ordini dei clienti con ridottissimi load time tra arrivo dell'ordine e partenza dal carico per la consegna. Questo, e la maggior automazione, hanno comportato la necessità di una puntuale programmazione della produzione in confezionamento. Risultato di questa maggior organizzazione aziendale è stato il miglioramento del livello di servizio reso ai clienti, grazie a una maggiore flessibilità e capacità di gestione delle emergenze".

Contatti:
Azienda Agricola Baraldo
Via Arzerdimezzo, 9/B
35020 Pernumia (PD)
Cell.: 349 8835438 - 347 9261196
Email: info@agricolabaraldo.it
Web: www.agricolabaraldo.it

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto