Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Il terrorismo sui residui non contribuisce ai consumi di frutta e verdura

Avete presente la campagna "dirty dozen" (=sporca dozzina) che da 20 anni l'organizzazione non governativa statunitense Environmental Working Group (EWG) porta avanti? Ogni anno, EWG rilascia - senza alcun fondamento scientifico - una lista di ortofrutticoli contenenti presunti livelli allarmanti di residui chimici, al fine di indurre i consumatori a scegliere le versioni biologiche degli stessi prodotti.

Ora, finalmente, una nuova indagine condotta dai ricercatori del Centro per la Nutrizione dell'Istituto di tecnologia dell'Illinois e pubblicata su Nutrition Today dimostra come non soltanto la sostituzione di alimenti biologici ai convenzionali non diminuisca in alcun modo un presunto rischio per la salute umana, ma anche che la disinformazione che scaturisce da questo genere di iniziative conduce alla disaffezione nei confronti di frutta e verdura, soprattutto da parte delle famiglie meno abbienti, dove già il consumo di prodotti ortofrutticoli è fin troppo basso.

"Siamo rimasti sorpresi - dichiara il dott. Britt Burton-Freeman, professore associato presso l'Istituto di ricerca - nel vedere quanto l'indicare alcuni frutti e ortaggi specifici come quelli che contengono i residui chimici più elevati abbia incrementato la percentuale di acquirenti che hanno dichiarato di non essere disposti ad acquistare alcun prodotto ortofrutticolo in generale, a prescindere dall'essere stato coltivato in regime biologico o no".

Tutto ciò rema contro i grandi sforzi del settore sanitario statunitense nel promuovere un maggiore consumo di frutta e verdura: le preoccupazioni circa la scarsa sicurezza dei prodotti ortofrutticoli diventano ulteriori barriere immotivate al consumo. Particolarmente preoccupante, come ricordato sopra, è l'impatto sulle famiglie a basso reddito, che spesso non hanno accesso o non possono permettersi l'acquisto di ortofrutta bio.

Esponenti della Alliance for Food and Farming concludono che la tattica della EWG chiaramente non sta funzionando e che, anzi, costituisca la classica zappa sui piedi: "E' ora - dichiara Teresa Thorne - che EWG ripensi la sua strategia di promozione degli ortofrutticoli biologici e rinunci a tattiche finalizzate a spaventare i consumatori, distogliendoli dall'acquisto di frutta e verdura più accessibili e a minor prezzo".

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto