Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Frits Popma della olandese Popma Fruit Expertise:

"Le private label possono minare il futuro del settore banane"

La supremazia dei grandi marchi bananicoli sta vacillando. I supermercati surclassano sempre più le multinazionali riuscendo ad acquistare direttamente dai produttori - a prezzi inferiori. Uno sviluppo preoccupante, secondo Frits Popma (nella foto sotto) della olandese Popma Fruit Expertise, impresa specializzata nella maturazione di frutta esotica. "Il mio lavoro è quello di ottimizzare il processo al fine di ottenere un gusto migliore, dei numeri di vendita soddisfacenti e minori perdite."


Frits Popma (a sinistra) incentiva la formazione in merito alla catena di fornitura di NEH Filippine a Davao.

Sono difficili da reperire dati chiari sulla distribuzione del mercato per quanto riguarda le banane a marchio. La maggior parte è obsoleta o semplicemente non abbastanza specifica. Secondo l'ONG britannica Bananalink, i tre quarti del mercato globale erano nelle mani di cinque società nel 2011; in ordine di grandezza queste erano Dole, Chiquita, Del Monte, Fyffes e Noboa. Le statistiche sui mercati olandese ed europeo si concentrano principalmente sui paesi esportatori e non sulle imprese. Eppure c'è una tendenza crescente nel settore banane: l'aumento delle private label, che possono creare delle gravi conseguenze per l'intero comparto.

Private label
Nel 2007, 5 ricercatori internazionali di diverse Università hanno condotto uno studio sull'aumento delle private label, che ha coinvolto marche private in generale e non per singolo articolo. Ciò che ne è scaturito parla da sé: la quota di mercato delle private label dovrebbe raggiungere il 30% nel 2020.

Nel 2003, queste marche contavano già per una sostanziale porzione in molti paesi europei: 38% in Svizzera, 23% in Spagna e 21% in Francia. Le recessioni economiche, come quelle degli anni '80 e dei primi anni '90, sono state una forza trainante per la nascita di private label. A quei tempi, i supermercati statunitensi hanno investito notevolmente nelle marche private con nuovi loghi, slogan e maggiore spazio sugli scaffali.



Ricerca e sviluppo
La principale minaccia per le società bananicole è rappresentata dalle catene di supermercati che si insediano sempre più nella fase di importazione. "Uno degli sviluppi esistenti nel settore è che i supermercati fanno shopping a loro volta. Vanno in Ecuador o Costa Rica per mediare le proprie offerte, anche se spesso non hanno le conoscenze giuste per farlo. Le banane sono spesso vendute a marchio private label e non sotto grandi marchi come Dole, Chiquita, Fyffes - spiega Frits Popma - Le spese di spedizione, marketing, ricerca e sviluppo e il costo del controllo di qualità sono tutti inclusi nel prezzo. I supermercati spesso si concentrano solo su un prezzo basso, seducendo i coltivatori a vendere a buon mercato per garantirsi la vendita. Ma questi bananicoltori non possono sempre garantire l'approvvigionamento. Proprio lo scorso anno, uno dei grandi distributore degli Stati Uniti non ha potuto consegnare, poiché il suo fornitore non aveva prodotto il solito volume di frutti."

"Quello che mi preoccupa di più della mera emarginazione delle multinazionali sono le implicazioni per la ricerca - continua Frits - Anche i costi per questo sono inclusi nel prezzo. I grandi marchi investono fortemente in sviluppo, ma anche nel combattere fitopatie e virus che minacciano le produzioni di banane. Questi studi costano milioni, non si tratta di qualcosa di cui un piccolo coltivatore possa farsi carico. Non sono un sostenitore delle multinazionali, ma qualcosa sicuramente deve essere fatto per la sopravvivenza del settore banane."

Per maggiori informazioni:
Frits Popma
Popma Fruit Expertise
Paesi Bassi
Cell.: +31 651 188 669
Email: fpopma@westbrabant.net
Web: www.popmafruitexpertise.nl

Traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto