"Confeuro: etichettatura a "semaforo" sarebbe un danno per il made in Italy"

La proposta dell'etichettatura a "semaforo" proveniente dall'Inghilterra – dichiara in una nota il presidente nazionale Confeuro, Rocco Tiso – rischia di rappresentare un significativo ostacolo per la commercializzazione delle produzioni enogastronomiche italiane; ed è per questo che come Confeuro auspichiamo un intervento di contrasto forte e deciso da parte del ministero per le Politiche Agricole.

L'informazione sui valori nutrizionali dei prodotti – conclude Tiso – non può essere trattata in modo semplicistico ed approssimativo, come verrebbe fatto con l'utilizzo dell'etichettatura a "semaforo", ma richiede un ragionamento ad ampio respiro che parta con una maggiore educazione alimentare e non si limiti a definire le produzioni con l'uso di pochi e fuorvianti colori.

Sulla questione dell'etichetta a semaforo, leggi anche precedente articolo del 30 ottobre scorso (clicca qui).


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto