Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La Cina punta a entrare nel mercato statunitense delle mele

Nonostante i raccolti record registrati in diverse nazioni, è ancora la Cina a produrre la metà dei volumi globali di mele e Pechino sta usando tutta la sua influenza per favorire un maggiore accesso al mercato americano, a lungo limitato.

In un certo senso, la Cina è l'OPEC (l'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, ndr) delle mele ma Pechino deve prima convincere il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti che le sue mele sono sicure e che la loro importazione non sdoganerà anche fitofarmaci pericolosi per altre colture.

I coltivatori americani temono che - se la Cina dovesse avere un maggiore accesso al mercato statunitense - le mele cinesi invadano i negozi alimentari americani e diventino l'ingrediente base delle tradizionali torte di mele, vantando un prezzo notevolmente inferiore rispetto alle varietà nazionali, quali Granny Smith, Winesap e Fuji.

"L'entrata sul mercato degli Stati Uniti è stata una priorità assoluta per la Cina", ha dichiarato Mark Seetin, direttore degli affari regolamentari e di settore presso la United States Apple Association, un gruppo commerciale del settore.

La Cina produce circa 10 volte le mele prodotte dagli Stati Uniti, perciò avrebbe molto da guadagnare ad entrare nel mercato statunitense, dove l'80% delle mele del paese proviene dal solo Stato di Washington.

Fonte: washingtontimes.com

Traduzione FreshPlaza Italia. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto