Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Cristian Moretti (Agrintesa):

"Per i cachi un calo di produzione del 15-20% e una commercializzazione soddisfacente"

La produzione italiana di cachi mostra quest'anno una diminuzione abbastanza consistente, risultando inferiore di circa il 15-20% ai quantitativi storici normalmente prodotti. Le ragioni di questa contrazione sono da ricercare essenzialmente nella scarsa allegagione e nella caduta di una parte dei frutti registrata nel corso dell’estate 2013.

Cristian Moretti, direttore di Agrintesa, traccia un primo parziale bilancio a poco più di un mese dall'avvio della campagna cachi, prodotto per il quale la cooperativa faentina è una realtà leader, grazie alla grande vocazionalità del territorio in cui opera e all’elevata specializzazione raggiunta per questo prodotto.



Negli ultimi anni, infatti, Agrintesa ha saputo differenziare la propria offerta affiancando al tradizionale cachi romagnolo (che fa perno sulla varietà Cachi Tipo, gradita per la dolcezza, l’aroma e la specifica tipologia di consumo dei frutti, a cucchiaio) la nuova cultivar Rojo Brillante con frutti consistenti, da sbucciare, particolarmente apprezzati dalle giovani generazioni.

Per quanto concerne i diversi mercati, i consumatori italiani prediligono il prodotto classico con polpa morbida mentre all'estero si registra una preferenza abbastanza netta per i cachi a polpa soda, in particolare in Germania, Inghilterra ed Europa dell'est. Soltanto in Svizzera, in virtù della nutrita presenza di cittadini di origine italiana, la bilancia dei consumi pende verso i cachi tradizionali come nel nostro Paese.



"Complessivamente – dichiara Moretti – quest'anno la produzione di Agrintesa supera di poco 5.000 tonnellate e i frutti mostrano buone caratteristiche organolettiche e di pezzatura. Grazie anche a questo elevato livello qualitativo garantito dalla nostra cooperativa, la commercializzazione dei cachi, affidata alle società Alegra e Valfrutta Fresco, è partita bene e sta proseguendo con un trend abbastanza soddisfacente anche in questi giorni."

"Al di là della buona qualità e dell'offerta di importanti servizi – prosegue Moretti – un altro elemento positivo per la campagna è anche la grande concentrazione, produttiva e commerciale, che si registra in Italia per questo frutto. La coltivazione dei cachi è infatti diffusa prevalentemente in Emilia-Romagna e Campania, che da sole rappresentano più del 90% della produzione nazionale totale. Queste sono inoltre le due regioni che hanno sviluppato meglio il sistema di gestione post raccolta, particolarmente importante per un frutto come questo che richiede un'elevata professionalità non solo in campo ma anche, e soprattutto, nelle fasi successive della filiera."

"A tale proposito – sottolinea il direttore – Agrintesa vanta una lunga e qualificata esperienza e un invidiabile know-how, diffuso lungo tutta la filiera dalla produzione ai processi di confezionamento ed alla commercializzazione."

"Alla luce di questo mix vincente di fattori – conclude Cristian Moretti – negli ultimi anni i nostri soci hanno ottenuto discrete soddisfazioni, anche sotto il profilo della remunerazione, da questo prodotto sul quale continuiamo pertanto a investire con convinzione”.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto