Pad. A - Stand 31-34 e 97-100

"La "filiera" ortofrutticola di Lusia a Macfrut 2013"

A Macfrut 2013, un gruppo di imprese di Lusia (provincia di Rovigo) ha ricreato la filiera ortofrutticola in uno spazio espositivo comune.

"E' importante aver capito l'importanza di mettersi assieme - spiega Massimo Pezzuolo - dalla collaborazione si arriva ad una operatività di filiera, che facilita rapporti con i clienti e quindi le vendite".

Nel loro complesso si potrebbero definire imprese emergenti, se non fosse che quasi tutte hanno una bella storia alle spalle, ovviamente sono la "succursale" di Lusia della più ampia OPO Veneto.

Questo proporsi assieme – in filiera, appunto - consente al cliente di ottenere per un servizio "chiavi in mano".

"Perché, come spiega Pezzuolo, qui siamo in grado di raggruppare il prodotto della zona e da altre aree in quanto c'è dialogo e collaborazione con i produttori, insieme ai quali programmiamo le coltivazioni. Una integrazione che consente di far giungere anche prodotti deperibili in 24 ore al punto di vendita o al magazzino di distribuzione."

E fra le imprese che si troveranno nello "spazio Lusia" a Macfrut (Cesena 25-27 settembre) figura la Davì Plant che produce piantine in vivaio. Azienda nata "per caso", si può dire. Il padre dei titolari un tempo coltivava piantine in una serra a "temperatura controllata" da … una stufa (siamo negli anni settanta). Poi, di fronte all'allargarsi delle richieste di piantine "precoci" dagli amici ai primi clienti e, soprattutto quando all'inizio degli anno novanta si passa dalla semina al trapianto per tabacco e pomodoro, ecco l'esigenza di allargarsi. Assieme i tre figli, nel 2003 prende vita la Davì Plant.

Oggi l'impresa opera in Veneto (40% del fatturato), Toscana (15%), Abruzzo (30%) e il restante 15% fra Puglia, Trento e Bolzano, oltre che all'estero. "E nonostante la crisi di liquidità che c'è nel settore – commenta Mosè Davì - il nostro fatturato quest'anno cresce del +15%".

Un'altra impresa è l'Agricola Lusia, che fa parte della Som Padova. Tratta prodotti freschi e fa anche importazione da oltremare in controstagione, soprattutto agrumi e frutta esotica. Tratta patate e cipolle a Bologna, dove c'è un potente reparto confezionamento. Agricola Lusia ha un rapporto principalmente con la GDO.

Da sottolineare che utilizzerà la "tribuna" di Macfrut per presentare i nuovi packaging per l'insalata IGP (unica ad averla) e un nuovo progetto che viene proposto ai clienti.

Nello stand ci saranno anche un gruppo di Concessionarie del Mercato (ortofrutticolo all'ingrosso) di Lusia, ovvero la Ditta Maggiolo snc, la Ditta Bragioto Vito e la Ditta Ruin Luciano. Quasi a dimostrazione che anche i mercati generali o all'ingrosso di medie dimensioni stanno conoscendo una stagione di promozione e intraprendenza.

In Italia, è leader di mercato per la V gamma orticola. Si tratta della Ghisetti, un'altra delle imprese di "spazio Lusia" a Macfrut. E pensare che nacque a fine anni 80 come importatrice di precotti francesi, perché sotto la torre Eiffel in quegli anni c'era un fiorente commercio di V gamma. Patate, carote, bietole rosse, poi, via via altri prodotti fino a preparare private label per la grande distribuzione. Oggi la Ghisetti vanta un modernissimo stabilimento in cui lavora prodotto locale in quanto ritiene che sia importante fare sistema con il territorio. Ad esempio lavorando la zucca. E a Macfrut lancerà un progetto innovativo.

Assieme alle altre c'è anche la Euro Productions Group che dal 1997 produce imballaggi in polipropilene per agroalimentari.

Infine, non poteva mancare in questa filiera "made in Lusia", il trasporto. Ecco Translusia, Consorzio nato nel 1993 e che compie gli anni il 6 ottobre, ma festeggerà il compleanno proprio a Macfrut, dove partecipa per la prima volta; anzi Macfrut 2013 rappresenta la rottura con la tradizione del Consorzio a non partecipare a fiere.

L'azienda è composta da 14 soci con 150 mezzi refrigerati in grado di servire GDO, Mercati generali e negozi tradizionali. Per far questo si sono dotati di 5mila mq di stoccaggio a temperatura controllata, 850 mq di celle frigo, così possono rispondere alle richieste dei 2.750 clienti movimentando 4.300 pallet per 27mila qli di prodotto al giorno. Ultimamente il fatturato si è incrementato del +10/15% annuo e se da 4-5 anni Translusia copre tutta l'Italia, da due anni ha aggiunto la Germania fra le destinazioni estere (Svizzera, Austria, Slovenia).

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto