Argentina: le gelate riducono la produzione di mirtilli

Il presidente dell'associazione dei produttori di mirtilli della Mesopotamia argentina (Apama), Juan Scordia, ha riferito che le gelate che hanno colpito la regione ad agosto stanno già facendo sentire i propri effetti negativi. Secondo una recente rilevazione, si è perso quasi il 18% delle 7.350 tonnellate che erano rimaste da raccogliere nelle zone di Entre Rios e Corrientes, il che significa che, per ora, la raccolta sarà di 6.030 tonnellate.

La perdita di volume influenza direttamente la quantità di risorse umane da impiegare per la raccolta. "Significa che, per il raccolto in corso, ci saranno tra i 1.500 e i 2.000 posti di lavoro in meno", ha detto Scordia, il quale pure fa notare come "all'interno di questi calcoli, abbiamo trovato produttori che hanno perduto il 30% dei loro raccolti e che si trovano in una situazione disastrosa, tale da pregiudicare le operazioni stesse di raccolta."

Le conseguenze delle gelate si stanno già facendo sentire sul raccolto, iniziato a settembre, che ha un impatto diretto sulla quantità di lavoro salariato e il ricambio varietale.

Ad agosto si sono registrati giorni in cui le temperature nella regione sono scese anche a -7 °. Queste temperature danneggiano le piante, nonostante la tecnologia di protezione usata durante la notte dai coltivatori.

Fonte: Lavoz901.com.ar

Traduzione FreshPlaza Italia. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto