Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Nuova Zelanda: previste per il 2013 gravi perdite di kiwi a causa della batteriosi

I funzionari del governo della Nuova Zelanda prevedono che la raccolta di kiwi a polpa gialla nella prossima stagione sarà dimezzata rispetto alla produzione di quest'anno.

Secondo l'ultimo aggiornamento della Kiwifruit Vine Health del 12 dicembre 2012 (vedi notizia su FreshPlaza del 13/12/2012), ben il 69% di tutti gli actinidieti neozelandesi (erano solo il 26% un anno fa) è infettato dal batterio Pseudomonas syringae pv. actiniadiae (Psa). Molti di questi frutteti sono stati letteralmente devastati.

Secondo il responsabile delle informazioni economiche e analisi del ministero del Settore primario, Chris Jones, le ultime proiezioni del ministero suggeriscono che la produzione dovrebbe diminuire sensibilmente nel corso della stagione 2013/14.

Il caso peggiore è quello delle esportazioni di kiwi a polpa gialla, che vedranno decurtarsi fino a 10 o 16 milioni di casse dai 24 milioni attesi per la stagione 2012/13.

Jones afferma che fino a un quarto delle esportazioni di kiwi potrebbe risentirne gravemente e spera in un lieve recupero nelle prossime stagioni, quando le nuove cultivar di kiwi a polpa gialla più tolleranti al Psa (come la Gold 3) inizieranno ad entrare in produzione (vedi le diverse proiezioni per il futuro elaborate dalla dalla Lincoln University). Tuttavia, il ministero ammette che è troppo presto per dire se queste nuove varietà saranno davvero - e in che misura - resistenti alla batteriosi.

Anche i frutteti di kiwi verde sono colpite dalla batteriosi, in particolare le piante di sesso maschile (vedi notizia su FreshPlaza del 24/10/2012). Il ministero riferisce infatti che il settore è molto preoccupato circa la disponibilità di polline sufficiente ad effettuare l'impollinazione nelle prossime stagioni.

Fonte: radionz.co.nz

Traduzione FreshPlaza Italia. Tutti i i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto