Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Lorenzo Frassoldati scrive a FreshPlaza sul tema del km zero e del fairtrade

In risposta al nostro editoriale "Caro direttore, non buttiamo nello stesso calderone il km zero e i prodotti fairtrade" (leggi qui) riceviamo e volentieri pubblichiamo la risposta del direttore del Corriere Ortofrutticolo, Lorenzo Frassoldati (in foto):

"Cara Rossella, grazie per il tuo commento su FreshPlaza al mio 'sfogo' sul km zero, che tanti consensi ha raccolto attorno al sito del Corriere Ortofrutticolo. E' importante che voci autorevoli dell'informazione specializzata di settore, come la tua, concordino nel denunciare l'inconsistenza di certe mode e la montagna di luoghi comuni e di banalità che crescono attorno ad esse, quando invece non si parla a sufficienza di chi contribuisce davvero all'economia e all'occupazione del Paese".

"Ti voglio invece rassicurare sul Fairtrade: non avevo alcuna intenzione di buttarlo nello stesso calderone del "km zero", anzi. Se importiamo fagiolini dal Burkina Faso facciamo in primo luogo un doveroso atto di solidarietà, importante per far crescere quel paese, ma anche per noi che apriamo nuovi fronti commerciali e/o comunque poniamo le basi di relazioni suscettibili di ulteriori sviluppi. Da troppo tempo abbiamo perso consapevolezza a livello politico del ruolo che possiamo esercitare nel bacino del Mediterraneo e verso i paesi del nord Africa, esportando know how, tecnologie e innovazione a tutti i livelli".

"Mi limitavo ad osservare soltanto che quanto a "km zero" il commercio equo e solidale non fa alcuna differenza, perché viaggia a "km diecimila", come le banane sudamericane o gli ananas del Costarica. Sono perfettamente d'accordo con te quando scrivi che i paesi poveri 'oltre che combattere contro la povertà, si trovano a dover lottare anche contro la nuova filosofia del "meno viaggia, meglio è" '. E sottoscrivo l'affermazione (da te citata) di James Mac Gregor dell'IIED: 'Se proprio si vuole essere climaticamente responsabili, meglio sarebbe andare al supermercato a piedi o in bicicletta' ".

"Tutti ci commuoviamo davanti alle immagini dei bambini affamati e denutriti, ma nessuno si pone seriamente la domanda di cosa fare in concreto per quei paesi e quei popoli sfortunati oltre a mandare un po' di aiuti alimentari: il minimo sarebbe contribuire alla loro crescita economica. In parole povere aiutarli a produrre e ad esportare".

Lorenzo Frassoldati, direttore Corriere Ortofrutticolo

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto