Evitato il rischio del disimpegno automatico

PSR Sicilia: spesi 387 milioni di euro

Fondi europei: per l’agricoltura siciliana l’obiettivo di spesa è stato raggiunto, con oltre 387 milioni di euro investiti. Tempi e regole comunitari sono stati rispettati, ed è stato così evitato il rischio del "disimpegno automatico" delle risorse messe a disposizione dall’Unione europea per l’agricoltura della Sicilia.

Lo confermano gli ultimi dati resi noti dal Dipartimento interventi strutturali in agricoltura della Regione Siciliana, guidato da Rosaria Barresi, che assolve anche alla funzione di Autorità di gestione del Piano per lo sviluppo rurale della Sicilia 2007-2013 (PSR).

Complessivamente sono stati finora emanati 43 bandi, di cui 40 solo nel biennio 2009-2010, utilizzando circa il 68,5% della dotazione finanziaria del PSR. In termini assoluti significa che al 24 dicembre 2010 sono stati spesi oltre 387 milioni di euro di risorse pubbliche di cui circa 267,2 milioni di euro di quota del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR). Grandi cifre che portano la Sicilia ad essere tra le regioni più virtuose in Italia per quantità di risorse impiegate.

Il programma comunitario per la Sicilia, approvato a febbraio del 2008, prevede l’assegnazione di oltre 2 miliardi 185 milioni di euro, di cui circa 1 miliardo e 279 milioni di euro di contributo comunitario relativo al Feasr.

"Il vero ostacolo - spiega la Barresi - si chiamava 'n+2', la norma dell’UE che riguarda l’utilizzo dei fondi europei e impone alle regioni di raggiungere l’importo della spesa programmata entro i due anni successivi alla data dello stanziamento. Ma l’asticella della regola comunitaria è stata ampiamente superata: l’obiettivo di spesa da raggiungere entro il 31 dicembre 2010 era fissato a 264 milioni di euro per la quota Feasr".

"Abbiamo incontrato parecchi ostacoli, primo fra tutti la gestione delle pratiche attraverso il Sian, il sistema informativo agricolo nazionale. Ma negli ultimi sei mesi - continua la dirigente – c’è stato un picco di efficienza, con l’erogazione di oltre 172 milioni di euro agli imprenditori agricoli siciliani. Altri 14 milioni sono stati autorizzati per il pagamento, che avverrà entro il prossimo mese di gennaio: sono fondi destinati sia a progetti di investimento, sia ai premi previsti dal programma comunitario".

Per il presidente della Regione siciliana Raffaele Lombardo (nella foto), i positivi risultati raggiunti nella spesa europea sono "una spinta concreta al rilancio delle imprese agricole siciliane, alle prese con una grave congiuntura economica globale. L'agricoltura e le sue filiere produttive sono il fulcro di ogni progetto di sviluppo che abbia a cuore il futuro sostenibile della Sicilia".

"Dal primo gennaio 2011 - commenta dal canto suo l’assessore alle Risorse agricole e alimentari, Elio D’Antrassi - la corsa contro il tempo ricomincia, il budget di spesa previsto per la futura annualità del PSR è consistente, e intenso è l'impegno richiesto all’intero sistema agricolo pubblico-privato. Raggiungere il budget di spesa è un obiettivo fondamentale per garantire il rilancio della nostra economia che ha nell’agricoltura il suo cuore pulsante".

Fonte: Assessorato alle Risorse agricole e alimentari della Regione Siciliana

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto