Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto

State utilizzando un software che blocca le nostre pubblicità (cosiddetto adblocker).

Dato che forniamo le notizie gratuitamente, contiamo sui ricavi dei nostri banner. Vi preghiamo quindi di disabilitare il vostro software di disabilitazione dei banner e di ricaricare la pagina per continuare a utilizzare questo sito.
Grazie!

Clicca qui per una guida alla disattivazione del tuo sistema software che blocca le inserzioni pubblicitarie.

Sign up for our daily Newsletter and stay up to date with all the latest news!

Registrazione I am already a subscriber

Freshfel Europe al lavoro per migliorare il commercio ortofrutticolo dei paesi UE in Russia

Frutta e verdura rappresentano la più grande categoria di prodotti agricoli dei paesi UE esportata verso il mercato russo. Con quasi 2 milioni di ton, per un valore di oltre 1,4 miliardi di euro, i prodotti ortofrutticoli rappresentano rispettivamente il 55% in termini di volume e il 33% in termini di valore valore dei prodotti agricoli UE esportati verso la Russia.

Mentre il tasso di crescita sperimentato nell'arco dell'ultimo decennio ha visto un rallentamento nei primi mesi del 2010 e sono stati registrati prezzi minori, è previsto che le esportazioni riprendano la loro crescita per la stagione 2010/2011.

Durante l'ultima edizione del World Food Moscow, la divisione Export di Freshfel Europe ha intrapreso parecchie attività per migliorare la posizione dei prodotti freschi di produzione UE sul mercato russo. Diverse riunioni sono state tenute con i rappresentanti della delegazione UE per scambiare e coordinare le posizioni tra gli esportatori di tutta Europa e i funzionari UE.

Daniel Corbel, presidente della divisione Export di Freshfel, ha dichiarato: "Per gli esportatori europei, nel mercato russo rimangono parecchie difficoltà da affrontare, come la mancanza di trasparenza, una normativa in continua evoluzione, dazi alti o differenziati, un insufficiente sistema di assicurazione dei crediti, la limitazione dei laboratori accreditati per il rilascio dei certificati di sicurezza alimentare e altri casi pendenti rispetto al limite massimo consentito di residui (LMR) e al dossier nitrati". Questi sono alcuni degli ostacoli, evidenziati dai membri di Freshfel, che devono essere affrontati con le autorità russe.

Secondo le stime di Freshfel, il potenziale di espansione nel mercato russo rimane alto. In effetti, mentre l'OMS, (Organizzazione Mondiale della Sanità) raccomanda i consumatori di tutto il mondo di mangiare almeno 400 grammi di frutta e verdura al giorno, si valuta che i consumatori russi consumino in media soltanto il 30% di questo livello posto come obiettivo, cosa che lascia margini per un ulteriore sviluppo. "Per sostenere questa crescita, parecchi membri di Freshfel si stanno impegnando nei programmi di promozione cofinanziati dall'UE per presentare il valore dei prodotti europei sul mercato russo", ha aggiunto Philippe Binard, delegato generale di Freshfel.

Molte questioni restano quindi all'ordine del giorno nell'agenda Freshfel per fornire agli esportatori europei l'ambiente più favorevole per sviluppare le esportazioni verso il mercato russo in crescita.

Contatti:
Freshfel Europe
Tel: +32.(0)2.777.15.80
Fax: +32.(0)2.777.15.81
info@freshfel.org
www.freshfel.org
www.freshquality.org
www.freshcongress.com