Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

UK: Tesco ottimista predice il miglior Natale di sempre

Richard Brasher, direttore commerciale e marketing della catena britannica di supermercati Tesco, ha dichiarato di ritenere che il Natale 2010 possa vedere un record di vendite, commentando: "Sarà il nostro Natale più grande di sempre".

Sulla scia di queste rosee previsioni, Tesco sta riservando un 5% in più di spazio scaffale ai prodotti stagionali nei sui 220 negozi ad insegna Extra, che pesano per il 50% dei suoi profitti sul mercato britannico.

Per quanto riguarda le categorie merceologiche, Tesco prevede una crescita del 20% per gli acquisti natalizi di prodotti no-food rispetto all'anno scorso.

Sul fronte del settore alimentare, Brasher ha rivelato che al momento la linea premium "finest" ha superato in termini di fatturato le linee "value", con ricavi di 1 miliardo di sterline per i prodotti di fascia superiore, rispetto agli 800 milioni di sterline degli altri.

L'ottimismo di Tesco prende le mosse da una recente ricerca della CBI (Confederation of British Industry's), che ha mostrato, nel suo sondaggio trimestrale sul comparto della distribuzione, una crescita delle vendite al dettaglio nel mese di novembre. I retailers, secondo la CBI, si attendono una forte tenuta della domanda per la stagione natalizia, nonostante i timori che i consumatori possano tagliare le spese, in risposta alla politica restrittiva del governo inglese.

L'indagine della CBI ha mostrato un incremento dell'indice dei retailers che hanno riportato un aumento del giro di affari a +43 in novembre (ben 10 punti in più rispetto alle attese), contro il +36 in ottobre, con particolari risultati positivi per i negozi di generi alimentari e per quelli di abbigliamento. Si tratta di un risultato che si colloca di poco al di sotto del picco di +49 registrato dal medesimo indice nell'arco degli ultimi sei anni.

Le previsioni per dicembre parlano di un indice a +45; tuttavia, il previsto incremento dell'IVA sui generi di consumo a inizio del 2011 potrebbe smorzare gli entusiasmi.

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto