Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Notevoli le innovazioni prodotte

Isafruit, il piu' grande progetto europeo interdisciplinare finalizzato alla ricerca in frutticoltura

Il XXVIII Convegno scientifico internazionale di frutticoltura tenutosi lo scorso agosto a Lisbona è stato un evento importante e quindi la sede ideale in cui ospitare il simposio conclusivo del più grande progetto di ricerca europeo: Isafruit. Un programma di lavori, esaustivo del progetto, è stato presentato di fronte ad un auditorium gremito durante undici sessioni tematiche orali, un workshop e quattro sessioni di poster.

Isafruit è stato avviato nel 2006 per migliorare la salute ed il benessere dei cittadini europei promuovendo il consumo di frutta e intervenendo lungo tutta la filiera. La vastità della ricerca e i risultati conseguiti hanno ampiamente raggiunto questo obiettivo mettendo a punto nuovi prodotti, mezzi tecnici e metodi di produzione che possono accrescere la qualità della frutta, le varietà e il numero di prodotti trasformati innovativi a disposizione del consumatore.

Per capire quali nuove varietà e prodotti vogliano i consumatori, in tutta Europa sono state condotte numerose indagini, che hanno coinvolto migliaia di cittadini. Come parte integrante di questa ricerca, i consumatori hanno provato nuovi prodotti e valutato diverse caratteristiche della frutta. Le indagini hanno permesso ai ricercatori di identificare i gruppi, o i segmenti, di consumatori con differenti bisogni in modo da potere, in futuro, trasformare e commercializzare la frutta in modo mirato.

Sul fronte dell'innovazione, Isafruit ha sviluppato alcuni prodotti per il mercato, come i nuovi snack croccanti alla frutta e le fette di mela probiotiche, per incoraggiare i consumatori a mangiare più frutta e migliorare la propria salute.

L'uso degli antiparassitari durante la coltivazione preoccupa il consumatore e Isafruit ha operato in quest’ottica sviluppando un prototipo di atomizzatore, che regola sistematicamente la quantità di agrofarmaco distribuita, in base alla copertura colturale, allo stato di salute dell'albero e alle condizioni ambientali contingenti. Si può così ridurre il livello di residui antiparassitari sui frutti e migliorare la protezione dell'ambiente circostante. Isafruit inoltre ha dimostrato che in post-raccolta il trattamento con acqua calda dei frutti può contrastare le malattie durante l'immagazzinamento e, in alcuni casi, sostituire completamente l'uso dell'antiparassitario.

È risaputo che la frutta faccia bene ma poco si sa circa i suoi composti attivi capaci di fornire benefici alla salute e se i prodotti trasformati siano sani quanto la frutta fresca. Le nuove metodologie applicate in Isafruit hanno fornito maggiori informazioni al riguardo. I ricercatori hanno infatti dimostrato come il consumo di frutta riduca il rischio di malattie cardiovascolari. In particolare una dieta ricca di mele e derivati produce un abbassamento significativo del colesterolo.

Anche variazioni minime nell’assunzione di frutta possono contribuire a migliorare la salute, come dimostrato nello studio Isafruit "Frutta al lavoro" in cui 186 impiegati avevano a disposizione della frutta durante l’orario di lavoro. Questa ricerca potrebbe condizionare la futura politica sanitaria dell’Unione europea. In più, il 5% della popolazione europea allergica alle mele può provare una nuova varietà esente da allergie, ottenuta dopo avere verificato l'allergenicità di 69 cultivar di mela.

Isafruit ha applicato alla ricerca frutticola un metodo interdisciplinare, coinvolgendo sia i ricercatori specialisti dei consumi, sia i tecnici, esperti in coltivazione e produzione di frutta. Studiosi di entrambe le discipline hanno lavorato insieme per mettere a punto un linguaggio comune e un metodo che permetta di valutare se le nuove ricerche finalizzate al miglioramento qualitativo soddisfano anche le esigenze del consumatore. Questo metodo può essere utilizzato per orientare la ricerca frutticola futura e assicurare una maggior soddisfazione del consumatore.

Isafruit si è concluso a fine settembre e gli esempi precedentemente forniti sono soltanto un assaggio dei risultati finali del progetto. Durante gli ultimi quattro anni e mezzo i risultati ottenuti dai trecento ricercatori di Isafruit hanno dato luogo a nuove prospettive e opportunità di applicazione e di ricerca, interamente mirate all’ottenimento di frutta più buona, disponibile e sana.

Per maggiori informazioni sul progetto Isafruit, visitare il sito: www.isafruit.org
 
29 video sui vari aspetti della ricerca sono disponibili sul canale Isafruit di YouTube. Fra questi:

 - il sistema di applicazione dell’atomizzatore adattato alla coltura (CASA) per ridurre l’impiego di antiparassitari;
- lo studio "Frutta al lavoro";
- lo sviluppo di nuovi trasformati a base di mela;
- i gruppi di consumatori per frutto.

Approfondimenti sulle allergie della frutta possono essere trovati sul sito Frutta e allergie (è richiesta la registrazione). Il metodo per valutare se la ricerca incontra le richieste dei consumatori è descritto nell'opuscolo "Introduzione graduale a Isafruit, casa della qualità", che può essere scaricato da www.go.warwick.ac.uk/vasco (è richiesta la registrazione).

Per ulteriori informazioni:
Prof. Luca Corelli Grappadelli
Dip. Colture Arboree, Università di Bologna
Email: luca.corelli@unibo.it

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto