Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

In collaborazione con AZ Investimenti

Lezione 3 - Quello che abbiamo imparato, o dovremmo imparare, dalla crisi

Prosegue con la puntata di oggi la nuova rubrica dedicata a nozioni basilari di cultura finanziaria, un'iniziativa di FreshPlaza, in collaborazione con AZ SIM Investimenti (vedi precedente articolo).

La crisi, come abbiamo visto nelle Lezioni precedenti, ha avuto origini e sviluppi suoi propri, anche se la legge non scritta dell'avidità e dell'accumulazione di facili ricchezze è rimasta, come in casi precedenti, la vera chiave di lettura di ogni distorsione del mercato.

Vedi le puntate precedenti:
Lezione 2 - Tutto quello che avresti sempre voluto sapere sull'origine della crisi (Prima parte)
Lezione 2 - Tutto quello che avresti sempre voluto sapere sull'origine della crisi (Seconda parte)


Siamo tutti uniti da una catena invisibile
Il mondo ormai è uno solo ed è bene che iniziamo a interessarci a cosa succede dall'altra parte della Terra, se non vogliamo farci trovare improvvisamente impreparati quando un ricercatore indiano scopre una nuova formula della giovinezza che, in due ore, fa crollare o salire tutte le borse del pianeta.

Così come tutti i Paesi del mondo, anche i mercati finanziari, banche ed economia reale sono strettamente interconnessi. Perciò, un problema irrisolto in un settore può velocemente trasmettersi ad altri.


Gli equilibri possono cambiare
Non è necessariamente detto che il mondo debba essere sempre economicamente dominato dalle stesse superpotenze. Gli equilibri possono cambiare, perché i popoli più poveri alla lunga si stancano, giustamente, di vivere nella miseria e iniziano a lottare e lavorare più che mai. Nello stesso tempo, i popoli più ricchi si adagiano, si abituano al benessere (chi più chi meno) e vogliono lavorare sempre meno.

Come la Storia insegna, c'è un punto in cui gli equilibri mutano, evolvono e cambiano radicalmente, inizialmente quasi in sordina, poi in modo sempre più deciso. Interi imperi che sembravano invincibili sono crollati.

Probabilmente non siamo ancora in questa fase, ma dobbiamo essere preparati: potrebbe accadere che un'America ridimensionata sia costretta a cedere lo scettro di unica superpotenza e ad accontentarsi del ruolo di grande potenza, in mezzo ad altre ugualmente potenti (Cina, Russia, India e forse altre ancora).

La "distruzione creatrice" che è tipica del procedere del capitalismo finirà, eliminando ciò che non è più vitale e risanando il sistema finanziario, per dare rinnovato vigore all'economia globale.

Dovremo soffrire ancora
Ci piace vivere nell'illusione che tutto, prima o poi, si sistemerà in fretta, ma non è sempre così. La crisi attuale è di proporzioni tali che i suoi effetti non potranno essere cancellati con un colpo di spugna. Purtroppo dovremo soffrire ancora un po'. Pensate a chi vive in una roulotte a Los Angeles, mentre fino a un anno fa aveva una villetta a due piani, con tanto di giardino, barbecue e station wagon nel garage!

E' tempo di distinzioni
La gente inizia a capire ed è stanca di dare fiducia incondizionata a chi ha dimostrato di non meritarsela. Incomincia ad essere chiaro che ci sono società e operatori finanziari capaci e altri meno e, soprattutto, che accanto a veri e propri truffatori come Bernard Madoff, esistono anche persone che non vogliono guadagnare alle spalle del prossimo. Come per ogni settore, anche nel campo della finanza c'è chi ha dimostrato con i fatti di meritare fiducia: la crisi ha aiutato a evidenziare queste differenze.

Così come un buon avvocato non è quello che vince tutte le cause, ma chi si pone con chiarezza, trasparenza e professionalità nei confronti del cliente, dedicandogli tempo ed energie, allo stesso modo nel mondo finanziario un buon consulente non vi farà guadagnare tutti gli anni, ma metterà i vostri obiettivi al primo posto, senza condizionamenti e conflitti di interesse e soprattutto preoccupandosi di non rifilarvi prodotti spazzatura.

Per maggiori informazioni:
www.iononcicascopiu.it
AZ Investimenti SIM SpA
P.zza F. Crispi, 1
90139 Palermo
Tel.: +39 091 8434700
Sara Dolce
E-mail: sara.dolce@azsim.it
Antonio Fricano
E-mail: antonio.fricano@azsim.it
Pietro Marcianò
E-mail: pietro.marciano@azsim.it

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto