Giornata di Frutticoltura a Scanzano Jonico

"In occasione della "Giornata tecnica sulla frutticoltura" del 4 giugno 2010, organizzata dal COVIL-Consorzio Vivaisti Lucani e FreshPlaza, con il patrocinio del comune di Scanzano J.co (MT), sono state eseguite in campo prove dimostrative di potatura verde sul pesco."
"In occasione della "Giornata tecnica sulla frutticoltura" del 4 giugno 2010, organizzata dal COVIL-Consorzio Vivaisti Lucani e FreshPlaza, con il patrocinio del comune di Scanzano J.co (MT), sono state eseguite in campo prove dimostrative di potatura verde sul pesco."
Le prove sono state condotte dal Prof. Davide Neri (in foto primo a destra) della SAPROV, Universita' Politecnica delle Marche, Ancona.
Le prove sono state condotte dal Prof. Davide Neri (in foto primo a destra) della SAPROV, Universita' Politecnica delle Marche, Ancona.
"Gli interventi precoci, afferma il prof. Neri, sono indispensabili sulle giovani piante per ridurre il periodo improduttivo e per conferire un giusto equilibrio alla chioma. Tuttavia i tagli praticati non devono essere troppo energici, per evitare forti "riscoppio" di nuova vegetazione."
"Gli interventi precoci, afferma il prof. Neri, sono indispensabili sulle giovani piante per ridurre il periodo improduttivo e per conferire un giusto equilibrio alla chioma. Tuttavia i tagli praticati non devono essere troppo energici, per evitare forti "riscoppio" di nuova vegetazione."
"Pianta di pesco varieta' "Sagittaria", di un anno, prima dell’intervento di potatura, allevata a "vaso ritardato" presso l’Azienda Agricola "Casa Teresa – Motta" di Metaponto (MT)."
"Pianta di pesco varieta' "Sagittaria", di un anno, prima dell’intervento di potatura, allevata a "vaso ritardato" presso l’Azienda Agricola "Casa Teresa – Motta" di Metaponto (MT)."
La stessa pianta dopo la potatura. Per le varieta' a maturazione precoce sarebbe preferibile un intervento di sfoltimento della chioma prima della raccolta per consentire al frutto di acquisire pezzatura e colore.
La stessa pianta dopo la potatura. Per le varieta' a maturazione precoce sarebbe preferibile un intervento di sfoltimento della chioma prima della raccolta per consentire al frutto di acquisire pezzatura e colore.
Dopo la raccolta del frutto una buona gestione della chioma andrebbe realizzata con l’eliminazione di pochi rami vigorosi e la somministrazione controllata di acqua e fertilizzanti soprattutto quelli a base di azoto.
Dopo la raccolta del frutto una buona gestione della chioma andrebbe realizzata con l’eliminazione di pochi rami vigorosi e la somministrazione controllata di acqua e fertilizzanti soprattutto quelli a base di azoto.
"La potatura verde precoce si pratica in maggio-giugno. Gli interventi sono assai differenziati in base alle circostanze, vanno dalla rimozione dei succhioni, alla curvatura-piegatura-cimatura dei germogli, o alla loro asportazione se troppo competitivi con le frecce, il cosiddetto "alleggerimento delle punte"."
"La potatura verde precoce si pratica in maggio-giugno. Gli interventi sono assai differenziati in base alle circostanze, vanno dalla rimozione dei succhioni, alla curvatura-piegatura-cimatura dei germogli, o alla loro asportazione se troppo competitivi con le frecce, il cosiddetto "alleggerimento delle punte"."
…
"In foto piante di pesco allevate ad Y-trasversale in pieno campo, presso l’azienda "Recoleta" Zuccarella (Scanzano J.co - MT), su cui e' stato eseguito, a fine maggio, uno sfoltimento dei germogli vigorosi per favorire l’arieggiamento, la penetrazione della luce e l’ingrossamento del frutto."
"In foto piante di pesco allevate ad Y-trasversale in pieno campo, presso l’azienda "Recoleta" Zuccarella (Scanzano J.co - MT), su cui e' stato eseguito, a fine maggio, uno sfoltimento dei germogli vigorosi per favorire l’arieggiamento, la penetrazione della luce e l’ingrossamento del frutto."
In foto impianto sottocopertura di nettarina Zincal 4, del gruppo Planasa-Planitalia, presso l’Azienda Agricola AgriFeLa di Policoro MT. Per le varieta' a basso fabbisogno in freddo coltivate in ambiente protetto il primo intervento di potatura verde deve essere praticato gia' nei primi giorni di aprile.
In foto impianto sottocopertura di nettarina Zincal 4, del gruppo Planasa-Planitalia, presso l’Azienda Agricola AgriFeLa di Policoro MT. Per le varieta' a basso fabbisogno in freddo coltivate in ambiente protetto il primo intervento di potatura verde deve essere praticato gia' nei primi giorni di aprile.
"Impianto di pescheto al primo anno allevato a "vaso catalano". L’operazione di potatura verde consiste nell’eseguire, ma solo durante il primo anno, alcuni interventi di "topping" con barre falcianti a dischi (operazione meccanica) o con semplici forbici o tagliasiepi (operazione manuale)."
"Impianto di pescheto al primo anno allevato a "vaso catalano". L’operazione di potatura verde consiste nell’eseguire, ma solo durante il primo anno, alcuni interventi di "topping" con barre falcianti a dischi (operazione meccanica) o con semplici forbici o tagliasiepi (operazione manuale)."
"In seguito alle ripetute cimature viene stimolata una massiccia emissione di germogli la cui forte competizione genera l’apertura delle branchette piu' esterne. Tale effetto e' simile a quello generato dall’asse centrale, sulle branche primarie, nel vaso "ritardato" durante i primi anni."
"In seguito alle ripetute cimature viene stimolata una massiccia emissione di germogli la cui forte competizione genera l’apertura delle branchette piu' esterne. Tale effetto e' simile a quello generato dall’asse centrale, sulle branche primarie, nel vaso "ritardato" durante i primi anni."
…
"Piante di pesco, al terzo anno, allevate a vasetto "basso" o "catalano" sotto rete antigrandine presso l’Azienda Agricola "L’Oro del Sud" – Occhiuto di Scanzano J.co (MT)."
"Piante di pesco, al terzo anno, allevate a vasetto "basso" o "catalano" sotto rete antigrandine presso l’Azienda Agricola "L’Oro del Sud" – Occhiuto di Scanzano J.co (MT)."
"La gestione di questa forma di allevamento di nuova introduzione, a partire dal terzo-quarto anno, e' simile a quella praticata su un vaso tradizionale o "ritardato". Per effetto delle contenute dimensioni della pianta tutte le operazioni (potatura, diradamento frutti, raccolta) sono praticabili da terra."
"La gestione di questa forma di allevamento di nuova introduzione, a partire dal terzo-quarto anno, e' simile a quella praticata su un vaso tradizionale o "ritardato". Per effetto delle contenute dimensioni della pianta tutte le operazioni (potatura, diradamento frutti, raccolta) sono praticabili da terra."
Presenti alle prove di potatura frutticoltori, tecnici, potatori e studenti della facoltà di Agraria dell’Universita' Politecnica delle Marche, Ancona.
Presenti alle prove di potatura frutticoltori, tecnici, potatori e studenti della facoltà di Agraria dell’Universita' Politecnica delle Marche, Ancona.
La giornata e' proseguita, in serata, con allestimento di una mostra pomologica e con lo svolgimento di un convegno.
La giornata e' proseguita, in serata, con allestimento di una mostra pomologica e con lo svolgimento di un convegno.
Interesse del pubblico per la mostra pomologica sulle varieta' da frutto a maturazione precoce.
Interesse del pubblico per la mostra pomologica sulle varieta' da frutto a maturazione precoce.
Mostra pomologica sull'albicocco.
Mostra pomologica sull'albicocco.
Qui e nelle foto seguenti, una panoramica sulla mostra pomologica.
Qui e nelle foto seguenti, una panoramica sulla mostra pomologica.
…
…
…
…
…
…
…
…
…
…
…
…
…
…
…
…
…
…
…
…
…
…
…
…
…
…
…
…
…
…
"Ha chiuso la giornata, presso la Sala Convegni del Municipio di Scanzano Jonico, un convegno dal titolo: "Innovazione, formazione e comunicazione: la triangolazione vincente per il settore ortofrutticolo"."
"Ha chiuso la giornata, presso la Sala Convegni del Municipio di Scanzano Jonico, un convegno dal titolo: "Innovazione, formazione e comunicazione: la triangolazione vincente per il settore ortofrutticolo"."
La platea.
La platea.
Il convegno e' stato coordinato da Rossella Gigli, caporedattore di FreshPlaza Italia.
Il convegno e' stato coordinato da Rossella Gigli, caporedattore di FreshPlaza Italia.
Il tavolo dei relatori. Da sinistra a destra: Vito Vitelli (COVIL), Luigi Boccarelli (As. agricoltura di Scanzano Jonico), Salvatore Iacobellis (Sindaco di Scanzano Jonico), Vilma Mazzocco (Ass. agricoltura Basilicata), Salvatore Martelli (Distretto Agroalimentare di Qualità del Metapontino) e Vincenzo Castoro (Servizio fitosanitario Basilicata).
Il tavolo dei relatori. Da sinistra a destra: Vito Vitelli (COVIL), Luigi Boccarelli (As. agricoltura di Scanzano Jonico), Salvatore Iacobellis (Sindaco di Scanzano Jonico), Vilma Mazzocco (Ass. agricoltura Basilicata), Salvatore Martelli (Distretto Agroalimentare di Qualità del Metapontino) e Vincenzo Castoro (Servizio fitosanitario Basilicata).
Un momento dell'intervento del Sindaco di Scanzano Jonico.
Un momento dell'intervento del Sindaco di Scanzano Jonico.
Un momento dell'intervento dell'Assessore all'agricoltura di Scanzano Jonico.
Un momento dell'intervento dell'Assessore all'agricoltura di Scanzano Jonico.
Salvatore Martelli.
Salvatore Martelli.
La relazione del Prof. Davide Neri (Universita' Politecnica delle Marche) ha presentato i vantaggi e i limiti delle nuove tecniche di potatura del pesco.
La relazione del Prof. Davide Neri (Universita' Politecnica delle Marche) ha presentato i vantaggi e i limiti delle nuove tecniche di potatura del pesco.
Un momento dell'intervento del prof. Neri, il quale ha evidenziato come una gestione oculata di una tecnica antica come quella della potatura, rivisitata alla luce delle attuali conoscenze, sia in grado di offrire maggiore efficienza nella gestione dell'impianto frutticolo, riducendo i costi e aumentando la produttivita'.
Un momento dell'intervento del prof. Neri, il quale ha evidenziato come una gestione oculata di una tecnica antica come quella della potatura, rivisitata alla luce delle attuali conoscenze, sia in grado di offrire maggiore efficienza nella gestione dell'impianto frutticolo, riducendo i costi e aumentando la produttivita'.
Vito Vitelli del COVIL (Consorzio Vivaisti Lucani) ha poi presentato una relazione su vivaismo e innovazione in frutticoltura e agrumicoltura.
Vito Vitelli del COVIL (Consorzio Vivaisti Lucani) ha poi presentato una relazione su vivaismo e innovazione in frutticoltura e agrumicoltura.
"Il dott. Vitelli ha sottolineato il ruolo del vivaista nel servizio post-vendita al produttore. L'introduzione di nuove varieta' frutticole o agrumicole, infatti, non basta di per se stessa a rispondere alle esigenze di una produzione competitiva. "Bisogna anche valutare - ricorda Vito Vitelli - gli aspetti commerciali e tecnici di una produzione, valutando la resa in campo e applicando i mezzi piu' idonei ad evitare banali errori di allevamento delle piante"."
"Il dott. Vitelli ha sottolineato il ruolo del vivaista nel servizio post-vendita al produttore. L'introduzione di nuove varieta' frutticole o agrumicole, infatti, non basta di per se stessa a rispondere alle esigenze di una produzione competitiva. "Bisogna anche valutare - ricorda Vito Vitelli - gli aspetti commerciali e tecnici di una produzione, valutando la resa in campo e applicando i mezzi piu' idonei ad evitare banali errori di allevamento delle piante"."
Una rassegna sulle emergenze fitosanitarie nelle produzioni integrate e sulle attivita' di contrasto e gestione delle stesse e' stata fornita da Vincenzo Castoro, il quale ha posto l'accento sulla necessita' di scegliere sempre materiale vivaistico certificato.
Una rassegna sulle emergenze fitosanitarie nelle produzioni integrate e sulle attivita' di contrasto e gestione delle stesse e' stata fornita da Vincenzo Castoro, il quale ha posto l'accento sulla necessita' di scegliere sempre materiale vivaistico certificato.
Oltre ad un vivace dibattito tra pubblico e relatori, il convegno ha visto anche un fuori programma, con la presentazione, da parte della Prof.ssa Fighera, dell'esperienza di educazione alimentare portata avanti durante l'anno nelle scuole del comprensorio locale.
Oltre ad un vivace dibattito tra pubblico e relatori, il convegno ha visto anche un fuori programma, con la presentazione, da parte della Prof.ssa Fighera, dell'esperienza di educazione alimentare portata avanti durante l'anno nelle scuole del comprensorio locale.
L'Assessore all'agricoltura della Regione Basilicata ha tratto poi le sue conclusioni, impegnandosi attivamente ad affiancare il tessuto produttivo con risposte concrete e mirate.
L'Assessore all'agricoltura della Regione Basilicata ha tratto poi le sue conclusioni, impegnandosi attivamente ad affiancare il tessuto produttivo con risposte concrete e mirate.
Ultimissime considerazioni sulla mostra pomologica sono state espresse da Carmelo Mennone (ALSIA), che ha ricordato la costante attivita' di allestimento di iniziative formative e dimostrative che gli istituti di frutticoltura portano avanti a livello locale e nazionale.
Ultimissime considerazioni sulla mostra pomologica sono state espresse da Carmelo Mennone (ALSIA), che ha ricordato la costante attivita' di allestimento di iniziative formative e dimostrative che gli istituti di frutticoltura portano avanti a livello locale e nazionale.

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto