Azienda Gentili Maria

FreshPlaza si è recata in visita presso l'Azienda Agricola Gentili Maria di Labico (Roma).
FreshPlaza si è recata in visita presso l'Azienda Agricola Gentili Maria di Labico (Roma).
Come si comprende appena giunti sulla soglia dell'azienda, qui il prodotto principale è il fungo.
Come si comprende appena giunti sulla soglia dell'azienda, qui il prodotto principale è il fungo.
Maria Gentili e Enzo Porretta ci accolgono per una visita agli stabilimenti. Si noti la scultura di legno a forma di fungo.
Maria Gentili e Enzo Porretta ci accolgono per una visita agli stabilimenti. Si noti la scultura di legno a forma di fungo.
"La moderna produzione di funghi non utilizza più ambienti naturali, come le grotte, ma celle a temperatura e umidità controllata, che forniscono un habitat perfetto per lo sviluppo di funghi. Qui vediamo i "letti" di metallo, pronti ad accogliere il substrato sul quale i funghi verranno coltivati."
"La moderna produzione di funghi non utilizza più ambienti naturali, come le grotte, ma celle a temperatura e umidità controllata, che forniscono un habitat perfetto per lo sviluppo di funghi. Qui vediamo i "letti" di metallo, pronti ad accogliere il substrato sul quale i funghi verranno coltivati."
"Ecco il "substrato" per la produzione dei funghi: si tratta di un composto di paglia sterilizzata, ricoperto da un sottile strato di terriccio, sul quale viene inoculato il micelio, da cui prenderanno forma i funghi."
"Ecco il "substrato" per la produzione dei funghi: si tratta di un composto di paglia sterilizzata, ricoperto da un sottile strato di terriccio, sul quale viene inoculato il micelio, da cui prenderanno forma i funghi."
"I "letti" per la produzione vengono abbondantemente innaffiati (fino a 40 litri per metro quadro) e le condizioni climatiche della stanza vengono variate a seconda delle esigenze di crescita dei funghi. Il ciclo completo dura 40 giorni, al termine dei quali il substrato viene sostituito."
"I "letti" per la produzione vengono abbondantemente innaffiati (fino a 40 litri per metro quadro) e le condizioni climatiche della stanza vengono variate a seconda delle esigenze di crescita dei funghi. Il ciclo completo dura 40 giorni, al termine dei quali il substrato viene sostituito."
Una distesa di funghi comincia a coprire il substrato. La resa produttiva media è pari a 36 chili di funghi per metro quadro.
Una distesa di funghi comincia a coprire il substrato. La resa produttiva media è pari a 36 chili di funghi per metro quadro.
Come si nota in questa fotografia, i funghi si trovano in diverse fasi di crescita. Questo è un effetto volutamente ottenuto, attraverso studiate variazioni di temperatura nelle stanze di produzione, in modo che il prodotto non sia pronto tutto insieme, ma possa essere raccolto in diversi passaggi.
Come si nota in questa fotografia, i funghi si trovano in diverse fasi di crescita. Questo è un effetto volutamente ottenuto, attraverso studiate variazioni di temperatura nelle stanze di produzione, in modo che il prodotto non sia pronto tutto insieme, ma possa essere raccolto in diversi passaggi.
Una bianca coltre di appetitosi funghi Champignon, pronti per la raccolta. La fase di raccolta necessita della manodopera di 5 - 6 persone per stanza.
Una bianca coltre di appetitosi funghi Champignon, pronti per la raccolta. La fase di raccolta necessita della manodopera di 5 - 6 persone per stanza.
Questi dispositivi elettronici consentono l'impostazione e la variazione di tutti i parametri climatici all'interno delle stanze dove i funghi si sviluppano.
Questi dispositivi elettronici consentono l'impostazione e la variazione di tutti i parametri climatici all'interno delle stanze dove i funghi si sviluppano.
Sul piazzale esterno sostano alcuni macchinari per la lavorazione del substrato di paglia e terriccio che abbiamo visto all'interno delle stanze.
Sul piazzale esterno sostano alcuni macchinari per la lavorazione del substrato di paglia e terriccio che abbiamo visto all'interno delle stanze.
Dalle scritte sui pulsanti si comprende la provenienza dei macchinari: sono olandesi. In Olanda, infatti, la produzione di funghi ha raggiunto lo stato dell'arte e lo stesso Enzo Porretta ha seguito corsi di coltivazione proprio presso un istituto olandese.
Dalle scritte sui pulsanti si comprende la provenienza dei macchinari: sono olandesi. In Olanda, infatti, la produzione di funghi ha raggiunto lo stato dell'arte e lo stesso Enzo Porretta ha seguito corsi di coltivazione proprio presso un istituto olandese.
Un altro macchinario per la preparazione dei substrati.
Un altro macchinario per la preparazione dei substrati.
Qui vediamo la linea di confezionamento del prodotto appena raccolto.
Qui vediamo la linea di confezionamento del prodotto appena raccolto.
Una cassetta di funghi Champignon già lavati.
Una cassetta di funghi Champignon già lavati.
Cassette momentaneamente stoccate a zero gradi in cella frigorifera e pronte per le fasi successive della lavorazione.
Cassette momentaneamente stoccate a zero gradi in cella frigorifera e pronte per le fasi successive della lavorazione.
Macchinario per il lavaggio dei funghi.
Macchinario per il lavaggio dei funghi.
La vasca provvede ad un energico lavaggio, mediante una miscela di acqua e aria.
La vasca provvede ad un energico lavaggio, mediante una miscela di acqua e aria.
Alla fine del processo di lavaggio, i funghi vengono asciugati da una ventola e passano infine attraverso una fila di lame, che li taglia in fette.
Alla fine del processo di lavaggio, i funghi vengono asciugati da una ventola e passano infine attraverso una fila di lame, che li taglia in fette.
Le operatrici di questo bancone sono intente nel preparare uno dei prodotti dell'Azienda Gentili Maria più richiesti dal mercato: la vaschetta di funghi tagliati trifolati.
Le operatrici di questo bancone sono intente nel preparare uno dei prodotti dell'Azienda Gentili Maria più richiesti dal mercato: la vaschetta di funghi tagliati trifolati.
Maria Gentili mostra con orgoglio due vaschette di funghi tagliati trifolati.
Maria Gentili mostra con orgoglio due vaschette di funghi tagliati trifolati.
L'etichetta sul misto funghi trifolato contiene alcune preziose informazioni, tra cui il lotto a cui il prodotto appartiene e il codice dell'operatrice che ha realizzato la vaschetta. Ciò consente una piena tracciabilità del prodotto.
L'etichetta sul misto funghi trifolato contiene alcune preziose informazioni, tra cui il lotto a cui il prodotto appartiene e il codice dell'operatrice che ha realizzato la vaschetta. Ciò consente una piena tracciabilità del prodotto.
"Una vaschetta di funghi ripieni, destinati alla cottura in forno o in padella. Si tratta di uno dei prodotti "artigianali" proposti dall'Azienda Gentili Maria."
"Una vaschetta di funghi ripieni, destinati alla cottura in forno o in padella. Si tratta di uno dei prodotti "artigianali" proposti dall'Azienda Gentili Maria."
Confezioni di funghi pioppini (o chiodini).
Confezioni di funghi pioppini (o chiodini).
"Vaschette di Champignon cosiddetti "bistecca". Si tratta di funghi Champignon tagliati manualmente, con spessore maggiore rispetto al taglio meccanizzato. "Questo prodotto è molto richiesto dai mercati del nord Italia", spiega Enzo Porretta."
"Vaschette di Champignon cosiddetti "bistecca". Si tratta di funghi Champignon tagliati manualmente, con spessore maggiore rispetto al taglio meccanizzato. "Questo prodotto è molto richiesto dai mercati del nord Italia", spiega Enzo Porretta."
"Un misto funghi, altro prodotto "artigianale" proposto dall'Azienda Gentili Maria. Alcune vaschette sono arricchite con un peperoncino, altre con un pomodoro ciliegino."
"Un misto funghi, altro prodotto "artigianale" proposto dall'Azienda Gentili Maria. Alcune vaschette sono arricchite con un peperoncino, altre con un pomodoro ciliegino."
Enzo Porretta mostra un vassoio di funghi misti. Le vaschette che non recano l'etichetta dell'Azienda sono destinate alle private label (per esempio i marchi della grande distribuzione) o ad altri commercianti che apporranno il proprio brand sulle confezioni.
Enzo Porretta mostra un vassoio di funghi misti. Le vaschette che non recano l'etichetta dell'Azienda sono destinate alle private label (per esempio i marchi della grande distribuzione) o ad altri commercianti che apporranno il proprio brand sulle confezioni.
Cassette e pallets pronti per la spedizione.
Cassette e pallets pronti per la spedizione.
Dettaglio delle cassette.
Dettaglio delle cassette.
Momentaneamente posteggiato tra i pallets, vediamo un nuovo macchinario che l'Azienda utilizzerà per meccanizzare la fase di smistamento del prodotto tagliato nelle vaschette, con sveltimento dei tempi di confezionamento e maggiore precisione nel contenuto netto di prodotto in vaschetta.
Momentaneamente posteggiato tra i pallets, vediamo un nuovo macchinario che l'Azienda utilizzerà per meccanizzare la fase di smistamento del prodotto tagliato nelle vaschette, con sveltimento dei tempi di confezionamento e maggiore precisione nel contenuto netto di prodotto in vaschetta.
I camion dell'Azienda conferiscono il prodotto ad un centro di raccolta, da cui poi i funghi vengono smistati per tutte le diverse destinazioni.
I camion dell'Azienda conferiscono il prodotto ad un centro di raccolta, da cui poi i funghi vengono smistati per tutte le diverse destinazioni.
Attestati del corso olandese di fungicoltura frequentato da Enzo Porretta.
Attestati del corso olandese di fungicoltura frequentato da Enzo Porretta.
L'Azienda Gentili Maria è anche certificata EurepGAP e ISO 9001:2000
L'Azienda Gentili Maria è anche certificata EurepGAP e ISO 9001:2000

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto