XI Fiera del Peperoncino - I edizione Sapori Italiani

Torna a Rieti, celebrando la sua XI edizione, Cuore Piccante, la fiera campionaria del peperoncino, in calendario dal 24 al 28 agosto nella città definita Centro d'Italia per la sua posizione geografica.
Torna a Rieti, celebrando la sua XI edizione, Cuore Piccante, la fiera campionaria del peperoncino, in calendario dal 24 al 28 agosto nella città definita Centro d'Italia per la sua posizione geografica.
Il momento del taglio inaugurale del nastro relativo alla mostra campionaria che raccoglie quasi 500 diverse varietà di peperoncino. Il Sindaco di Rieti, Daniele Sinibaldi, tiene le forbici insieme a Mariano Calisse, presidente della provincia. Alla sua destra, Livio Rositani, presidente dell'Associazione Rieti Cuore Piccante, organizzatrice dell'evento ideato dal padre di Rositani.
Il momento del taglio inaugurale del nastro relativo alla mostra campionaria che raccoglie quasi 500 diverse varietà di peperoncino. Il Sindaco di Rieti, Daniele Sinibaldi, tiene le forbici insieme a Mariano Calisse, presidente della provincia. Alla sua destra, Livio Rositani, presidente dell'Associazione Rieti Cuore Piccante, organizzatrice dell'evento ideato dal padre di Rositani.
Le autorità in visita alla mostra campionaria. Primo sulla sinistra, l'ambasciatore del Vietnam in Italia, Duong Hai Hung, paese estero che, insieme all'Ecuador, partecipa a questa edizione della fiera.
Le autorità in visita alla mostra campionaria. Primo sulla sinistra, l'ambasciatore del Vietnam in Italia, Duong Hai Hung, paese estero che, insieme all'Ecuador, partecipa a questa edizione della fiera.
Ciascuna teca espone una varietà di peperoncino, indicandone nome, origine geografica e piccantezza misurata sulla scala Scoville. Le varietà in esposizione vengono allevate nella Piana reatina, presso il Centro Appenninico del Terminillo - C. Jucci. I campi catalogo sono visitabili nei giorni della fiera, previa prenotazione (Tel. 0746 755091).
Ciascuna teca espone una varietà di peperoncino, indicandone nome, origine geografica e piccantezza misurata sulla scala Scoville. Le varietà in esposizione vengono allevate nella Piana reatina, presso il Centro Appenninico del Terminillo - C. Jucci. I campi catalogo sono visitabili nei giorni della fiera, previa prenotazione (Tel. 0746 755091).
L'esposizione delle centinaia di varietà di peperoncino è ospitata all'interno di questo chiostro, in Piazza Mazzini, a Rieti.
L'esposizione delle centinaia di varietà di peperoncino è ospitata all'interno di questo chiostro, in Piazza Mazzini, a Rieti.
Vista d'insieme della mostra campionaria.
Vista d'insieme della mostra campionaria.
Le teche espositive con i relativi cartelli informativi.
Le teche espositive con i relativi cartelli informativi.
Ancora uno scorcio sulla mostra campionaria.
Ancora uno scorcio sulla mostra campionaria.
La fiera Rieti - Cuore Piccante è l'occasione per ospitare molti stand in tema peperoncino (e non solo) nelle principali piazze della città.
La fiera Rieti - Cuore Piccante è l'occasione per ospitare molti stand in tema peperoncino (e non solo) nelle principali piazze della città.
Sono oltre 150 gli stand pronti ad accogliere turisti e visitatori. In questa carrellata fotografica, ne vediamo alcuni.
Sono oltre 150 gli stand pronti ad accogliere turisti e visitatori. In questa carrellata fotografica, ne vediamo alcuni.
Offerta di specialità dalla Calabria.
Offerta di specialità dalla Calabria.
Una ricca esposizione in tema piccante.
Una ricca esposizione in tema piccante.
Stand e visitatori.
Stand e visitatori.
Prodotti trasformati per tutti i gusti.
Prodotti trasformati per tutti i gusti.
La Calabria gioca un ruolo importante nel settore del peperoncino.
La Calabria gioca un ruolo importante nel settore del peperoncino.
Un saluto dai rappresentanti della F.lli Pellizzi.
Un saluto dai rappresentanti della F.lli Pellizzi.
La novità di questa edizione 2022 è stato l'allestimento di "Sapori Italiani", in collaborazione con l'azienda sementiera Blumen. Si tratta di un'area di 300 mq in Piazza C. Battisti, dedicata ad alcune eccellenze orticole italiane.
La novità di questa edizione 2022 è stato l'allestimento di "Sapori Italiani", in collaborazione con l'azienda sementiera Blumen. Si tratta di un'area di 300 mq in Piazza C. Battisti, dedicata ad alcune eccellenze orticole italiane.
Il momento dell'inaugurazione dell'area "Sapori Italiani" da parte del Sindaco e di altre autorità.
Il momento dell'inaugurazione dell'area "Sapori Italiani" da parte del Sindaco e di altre autorità.
I saluti e i ringraziamenti da parte di Livio Rositani in occasione del convegno di apertura della manifestazione.
I saluti e i ringraziamenti da parte di Livio Rositani in occasione del convegno di apertura della manifestazione.
L'intervento del Sindaco Daniele Sinibaldi che ha ricordato anche l'anniversario del terremoto di Amatrice (proprio nella data del 24 agosto), auspicando che la promozione dell'agroalimentare possa costituire un volano di ripartenza e rilancio di tutto il territorio.
L'intervento del Sindaco Daniele Sinibaldi che ha ricordato anche l'anniversario del terremoto di Amatrice (proprio nella data del 24 agosto), auspicando che la promozione dell'agroalimentare possa costituire un volano di ripartenza e rilancio di tutto il territorio.
Il presidente della Provincia di Rieti, Mariano Calisse, durante il suo intervento di saluto.
Il presidente della Provincia di Rieti, Mariano Calisse, durante il suo intervento di saluto.
L'Ambasciatore del Vietnam in Italia, Duong Hai Hung, oltre a esprimere apprezzamento per l'invito alla partecipazione in fiera, ha presentato il ruolo del Vietnam nel business internazionale dei condimenti. Sul mercato italiano, il Vietnam rappresenta una quota del 3% e pochi sanno che è il secondo fornitore di caffè dopo il Brasile. Tra le spezie maggiormente esportate dal Paese: pepe nero, cannella e anice. Inoltre, il Vietnam è un forte esportatore di anacardi. Gli accordi di libero scambio vigenti con il Vietnam lo rendono un partner interessante per le imprese italiane.
L'Ambasciatore del Vietnam in Italia, Duong Hai Hung, oltre a esprimere apprezzamento per l'invito alla partecipazione in fiera, ha presentato il ruolo del Vietnam nel business internazionale dei condimenti. Sul mercato italiano, il Vietnam rappresenta una quota del 3% e pochi sanno che è il secondo fornitore di caffè dopo il Brasile. Tra le spezie maggiormente esportate dal Paese: pepe nero, cannella e anice. Inoltre, il Vietnam è un forte esportatore di anacardi. Gli accordi di libero scambio vigenti con il Vietnam lo rendono un partner interessante per le imprese italiane.
La platea durante il convegno inaugurale.
La platea durante il convegno inaugurale.
Alberto Dezza, amministratore delegato di Blumen Group Spa, ha partecipato alla tavola rotonda di approfondimento sulle tematiche connesse al rapporto tra ricerca e innovazione varietale e valorizzazione delle specialità orticole italiane.
Alberto Dezza, amministratore delegato di Blumen Group Spa, ha partecipato alla tavola rotonda di approfondimento sulle tematiche connesse al rapporto tra ricerca e innovazione varietale e valorizzazione delle specialità orticole italiane.
Un momento della tavola rotonda. A sinistra, Alberto Dezza, a destra, Stefano Petrucci (presidente del consorzio Olio della Sabina DOP). Al centro, nel ruolo di moderatore, il giornalista Stefano Pozzovivo.
Un momento della tavola rotonda. A sinistra, Alberto Dezza, a destra, Stefano Petrucci (presidente del consorzio Olio della Sabina DOP). Al centro, nel ruolo di moderatore, il giornalista Stefano Pozzovivo.
Foto di gruppo Blumen al padiglione "Sapori Italiani", allestito proprio grazie alla collaborazione della ditta sementiera.
Foto di gruppo Blumen al padiglione "Sapori Italiani", allestito proprio grazie alla collaborazione della ditta sementiera.
Massimo Tamburini di Blumen (con in mano una pianta di peperoncino) presso uno degli stand del padiglione Sapori Italiani. Alla sua sinistra, nell'ordine, Stefano Petrucci e Alberto Dezza. Alla sua destra, Leonardo Bonifazi e Riccardo Maglioni (primo a sx nella foto).
Massimo Tamburini di Blumen (con in mano una pianta di peperoncino) presso uno degli stand del padiglione Sapori Italiani. Alla sua sinistra, nell'ordine, Stefano Petrucci e Alberto Dezza. Alla sua destra, Leonardo Bonifazi e Riccardo Maglioni (primo a sx nella foto).
In rappresentanza della ditta Orto Fortunato con sede a Cortona (AR) troviamo Andrea, Eros e Gioele. Lo stand ha esposto l'Aglione della Valdichiana, un aglio di grandissima taglia. 
In rappresentanza della ditta Orto Fortunato con sede a Cortona (AR) troviamo Andrea, Eros e Gioele. Lo stand ha esposto l'Aglione della Valdichiana, un aglio di grandissima taglia. 
Grazie all'assenza di allina, l'aglione (qui in spicchi) presenta un sapore delicato e un'alta digeribilità, cosa per cui è anche noto come "l'aglio del bacio". Viene coltivato in 21 comuni tra Arezzo, Siena e Perugia. Questa particolare produzione è stata riscoperta 5-6 anni fa, grazie all'impegno di 52 produttori consorziati. L'azienda Orto Fortunato è capofila, con ben 20 ettari di aglione, previsti in crescita per la prossima campagna. 
Grazie all'assenza di allina, l'aglione (qui in spicchi) presenta un sapore delicato e un'alta digeribilità, cosa per cui è anche noto come "l'aglio del bacio". Viene coltivato in 21 comuni tra Arezzo, Siena e Perugia. Questa particolare produzione è stata riscoperta 5-6 anni fa, grazie all'impegno di 52 produttori consorziati. L'azienda Orto Fortunato è capofila, con ben 20 ettari di aglione, previsti in crescita per la prossima campagna. 
La coltivazione dell'aglione non richiede apporti irrigui, la semina si effettua a settembre, con la raccolta del fiore già ai primi di maggio e raccolta del bulbo a luglio. Il prodotto viene poi essiccato, bollito e se ne eliminano le foglie esterne. La finestra commerciale potrebbe arrivare fino a dicembre, ma i quantitativi disponibili, essendo ancora limitati, si esauriscono di solito entro ottobre. Il prodotto è in vendita anche presso le catene di supermercati, in specie al centro-nord Italia.
La coltivazione dell'aglione non richiede apporti irrigui, la semina si effettua a settembre, con la raccolta del fiore già ai primi di maggio e raccolta del bulbo a luglio. Il prodotto viene poi essiccato, bollito e se ne eliminano le foglie esterne. La finestra commerciale potrebbe arrivare fino a dicembre, ma i quantitativi disponibili, essendo ancora limitati, si esauriscono di solito entro ottobre. Il prodotto è in vendita anche presso le catene di supermercati, in specie al centro-nord Italia.
L'azienda Orto Fortunato ha esposto anche alcuni prodotti trasformati artigianali che hanno l'aglione tra gli ingredienti.
L'azienda Orto Fortunato ha esposto anche alcuni prodotti trasformati artigianali che hanno l'aglione tra gli ingredienti.
Ampio spazio per la presentazione dei principali prodotti orticoli dell'Altopiano del Fucino. In foto: Pasqualino D'Angelo e Victoria Savi.
Ampio spazio per la presentazione dei principali prodotti orticoli dell'Altopiano del Fucino. In foto: Pasqualino D'Angelo e Victoria Savi.
Lo stand ha esposto i prodotti di tre realtà aziendali: Ripaldi, Agro Shop e IOV-Italian Organic Vegetables.
Lo stand ha esposto i prodotti di tre realtà aziendali: Ripaldi, Agro Shop e IOV-Italian Organic Vegetables.
Una selezione di ortaggi dal Fucino, coltivati e prodotti seguendo un rigoroso disciplinare. Il territorio, a forte specializzazione orticola, è situato a circa 700 metri sul livello del mare, con clima continentale e permette di ottenere prodotti con elevati standard qualitativi e con caratteristiche organolettiche conosciute e apprezzate dal consumatore finale.
Una selezione di ortaggi dal Fucino, coltivati e prodotti seguendo un rigoroso disciplinare. Il territorio, a forte specializzazione orticola, è situato a circa 700 metri sul livello del mare, con clima continentale e permette di ottenere prodotti con elevati standard qualitativi e con caratteristiche organolettiche conosciute e apprezzate dal consumatore finale.
La patata dell'altopiano del Fucino è un prodotto a marchio IGP-Indicazione Geografica Protetta. E' ricca di sostanze nutritive, in particolare di fosforo, di cui presenta una percentuale superiore alla media. I sacchi in vendita contengono patate fresche di raccolta (10 gg prima della fiera), di varietà precoce Agata, idonea per realizzare purè. 
La patata dell'altopiano del Fucino è un prodotto a marchio IGP-Indicazione Geografica Protetta. E' ricca di sostanze nutritive, in particolare di fosforo, di cui presenta una percentuale superiore alla media. I sacchi in vendita contengono patate fresche di raccolta (10 gg prima della fiera), di varietà precoce Agata, idonea per realizzare purè. 
Accanto alle patate, la carota biologica IGP dell'altopiano del Fucino, ricca di carotene e vitamine e di consistenza particolarmente croccante. Nonostante la siccità che ha interessato diverse zone d'Italia, le produzioni del Fucino non ne hanno risentito.
Accanto alle patate, la carota biologica IGP dell'altopiano del Fucino, ricca di carotene e vitamine e di consistenza particolarmente croccante. Nonostante la siccità che ha interessato diverse zone d'Italia, le produzioni del Fucino non ne hanno risentito.
Uno stand dedicato esclusivamente allo zafferano è stato allestito dal Consorzio per la tutela dello zafferano dell'Aquila. In foto: Ezio Piccinini.
Uno stand dedicato esclusivamente allo zafferano è stato allestito dal Consorzio per la tutela dello zafferano dell'Aquila. In foto: Ezio Piccinini.
Volti giovani presso lo stand dell'Aglio Rosso di Sulmona. Da sinistra a destra: Valeria, Silvio, Leonardo e Riccardo.
Volti giovani presso lo stand dell'Aglio Rosso di Sulmona. Da sinistra a destra: Valeria, Silvio, Leonardo e Riccardo.
Oltre all'aglio rosso di Sulmona, l'area espositiva ha presentato piante di peperoncino e bottiglie di olio della Sabina DOP.
Oltre all'aglio rosso di Sulmona, l'area espositiva ha presentato piante di peperoncino e bottiglie di olio della Sabina DOP.
Pianta di peperoncino e aglio rosso di Sulmona.
Pianta di peperoncino e aglio rosso di Sulmona.
Queste magnifiche trecce sono state realizzate a mano da una donna di 92 anni! L'aglio rosso di Sulmona (rosso per via del colore esterno della tunica, mentre i bulbi sono bianchi) è una pregiata varietà autoctona, la cui produzione è consentita solo in 13 comuni della Valle Peligna e regolata da un disciplinare che ha recentemente ottenuto la De.Co (Denominazione Comunale). Di sapore delicatamente piccante, questo aglio è idoneo anche all'uso farmaceutico ed erboristico come antisettico ed energetico, grazie all'elevato contenuto di oli essenziali.
Queste magnifiche trecce sono state realizzate a mano da una donna di 92 anni! L'aglio rosso di Sulmona (rosso per via del colore esterno della tunica, mentre i bulbi sono bianchi) è una pregiata varietà autoctona, la cui produzione è consentita solo in 13 comuni della Valle Peligna e regolata da un disciplinare che ha recentemente ottenuto la De.Co (Denominazione Comunale). Di sapore delicatamente piccante, questo aglio è idoneo anche all'uso farmaceutico ed erboristico come antisettico ed energetico, grazie all'elevato contenuto di oli essenziali.
Un dettaglio di una pianta di peperoncino Skorpion Rosso.
Un dettaglio di una pianta di peperoncino Skorpion Rosso.
Da Civitacastellana, l'orticoltore Federico Miozzi Galiani dell'omonima azienda agricola, che si estende su 13 ettari. A rotazione, l'azienda produce tutti i principali ortaggi estivi e invernali, sia in pieno campo che sotto tunnel. Effettua integralmente la vendita diretta al consumatore. L'attuale stagione ha visto rese dimezzate a causa della siccità.
Da Civitacastellana, l'orticoltore Federico Miozzi Galiani dell'omonima azienda agricola, che si estende su 13 ettari. A rotazione, l'azienda produce tutti i principali ortaggi estivi e invernali, sia in pieno campo che sotto tunnel. Effettua integralmente la vendita diretta al consumatore. L'attuale stagione ha visto rese dimezzate a causa della siccità.
Un dettaglio delle zucchine romanesche con fiore e fiori venduti separatamente.
Un dettaglio delle zucchine romanesche con fiore e fiori venduti separatamente.
Esposizione di zucche per tutti i gusti a cura dell'azienda Serra Madre di Roma. La zucca è un ortaggio che contiene poche calorie, alta concentrazione di beta-carotene, vitamine A e C, fibre e sali minerali come calcio, magnesio, potassio, fosforo e ferro.
Esposizione di zucche per tutti i gusti a cura dell'azienda Serra Madre di Roma. La zucca è un ortaggio che contiene poche calorie, alta concentrazione di beta-carotene, vitamine A e C, fibre e sali minerali come calcio, magnesio, potassio, fosforo e ferro.
Dalla Tuscia, esposizione di prodotti a guscio e trasformati da parte dell'azienda agricola Giorgini di Tarquinia (VT). In foto, il titolare Nazareno Giorgini con una confezione di biscotti alle mandorle, principale produzione aziendale, oltre agli ortaggi.
Dalla Tuscia, esposizione di prodotti a guscio e trasformati da parte dell'azienda agricola Giorgini di Tarquinia (VT). In foto, il titolare Nazareno Giorgini con una confezione di biscotti alle mandorle, principale produzione aziendale, oltre agli ortaggi.
Da circa un anno, l'azienda Giorgini ha ideato e realizzato anche una gamma di prodotti trasformati utilizzando all'80% materia prima di produzione propria e per la quota restante rifornendosi da altri coltivatori della zona. Particolare successo stanno riscontrando i succhi di frutta, in specie quello alla pesca bianca, splendidamente abbinabile con il vino prosecco.
Da circa un anno, l'azienda Giorgini ha ideato e realizzato anche una gamma di prodotti trasformati utilizzando all'80% materia prima di produzione propria e per la quota restante rifornendosi da altri coltivatori della zona. Particolare successo stanno riscontrando i succhi di frutta, in specie quello alla pesca bianca, splendidamente abbinabile con il vino prosecco.
I mandorleti dell'azienda Giorgini, estesi su una superficie di 2 ettari, godono della posizione collinare di Tarquinia, a soli 15 km dal mare. Il clima mite favorisce le piante, sensibili al gelo.
I mandorleti dell'azienda Giorgini, estesi su una superficie di 2 ettari, godono della posizione collinare di Tarquinia, a soli 15 km dal mare. Il clima mite favorisce le piante, sensibili al gelo.
Dettaglio dell'offerta di prodotti trasformati a marchio Giorgini. Le creative ciotole che contengono i biscotti si ispirano all'arte etrusca, grazie alla rivisitazione da parte di un artista locale.
Dettaglio dell'offerta di prodotti trasformati a marchio Giorgini. Le creative ciotole che contengono i biscotti si ispirano all'arte etrusca, grazie alla rivisitazione da parte di un artista locale.
Stand dell'azienda Ortodì di Fasano (BR), i cui rappresentanti sono stati purtroppo impossibilitati a presenziare, causa Covid.
Stand dell'azienda Ortodì di Fasano (BR), i cui rappresentanti sono stati purtroppo impossibilitati a presenziare, causa Covid.
Il carosello e il barattiere (qui in foto) sono due ecotipi di cetriolo tipici della Puglia, che risalgono a secoli fa e differiscono per alcuni caratteri botanici, di forma, dimensione e composizione del frutto. Rispetto al cetriolo classico, sono molto più dolci e più digeribili perché non contengono cucurbitacina.
Il carosello e il barattiere (qui in foto) sono due ecotipi di cetriolo tipici della Puglia, che risalgono a secoli fa e differiscono per alcuni caratteri botanici, di forma, dimensione e composizione del frutto. Rispetto al cetriolo classico, sono molto più dolci e più digeribili perché non contengono cucurbitacina.
Cetrioli carosello pugliesi.
Cetrioli carosello pugliesi.
A presenziare lo stand del Fagiolo di Cuneo, l'hostess Elisa Paniconi.
A presenziare lo stand del Fagiolo di Cuneo, l'hostess Elisa Paniconi.
Un giovane ed entusiasta imprenditore, una svolta produttiva, una località da... film! Proviene infatti da Torella dei Lombardi (AV), città natale del padre del celeberrimo regista Sergio Leone, il giovane Filippo Bellofatto dell'omonima azienda agricola Bellofatto, a conduzione familiare. La conversione alla coltivazione di ortaggi, avvenuta nel 2016, ha rilanciato l'azienda, consentendo la riscoperta e la valorizzazione di antiche varietà locali a rischio estinzione, integrandole con il resto della produzione orticola. Grazie all'accesso a finanziamenti pubblici, inoltre, l'azienda ha avviato con successo, dal 2019, un laboratorio per la trasformazione artigianale, trovando presto riscontro anche nel canale della grande distribuzione organizzata.
Un giovane ed entusiasta imprenditore, una svolta produttiva, una località da... film! Proviene infatti da Torella dei Lombardi (AV), città natale del padre del celeberrimo regista Sergio Leone, il giovane Filippo Bellofatto dell'omonima azienda agricola Bellofatto, a conduzione familiare. La conversione alla coltivazione di ortaggi, avvenuta nel 2016, ha rilanciato l'azienda, consentendo la riscoperta e la valorizzazione di antiche varietà locali a rischio estinzione, integrandole con il resto della produzione orticola. Grazie all'accesso a finanziamenti pubblici, inoltre, l'azienda ha avviato con successo, dal 2019, un laboratorio per la trasformazione artigianale, trovando presto riscontro anche nel canale della grande distribuzione organizzata.
Passate di pomodoro rosso, ottenute da un mix tra pomodoro tondo, lungo e datterino, e passata di pomodoro giallo nei formati 720 e 446 ml. Queste referenze sono distribuite in supermercati locali e anche in vendita diretta, presso lo spaccio aziendale. L'impresa, nata con soli 1000 mq di coltivazioni, oggi si è espansa fino a una superficie di 15 ettari. Tra i prodotti che sta riscoprendo e rilanciando, c'è anche l'aglio di Torella.
Passate di pomodoro rosso, ottenute da un mix tra pomodoro tondo, lungo e datterino, e passata di pomodoro giallo nei formati 720 e 446 ml. Queste referenze sono distribuite in supermercati locali e anche in vendita diretta, presso lo spaccio aziendale. L'impresa, nata con soli 1000 mq di coltivazioni, oggi si è espansa fino a una superficie di 15 ettari. Tra i prodotti che sta riscoprendo e rilanciando, c'è anche l'aglio di Torella.
In rappresentanza dell'azienda agricola Terra D'Orti, Alessandro, che mostra un vasetto di conserva di broccolo Aprilatico di Paternopoli (AV). Questo ortaggio primaverile, frutto di una selezione operata secoli fa. si distingue per le cime croccanti se crude, ma succose e di sapore gradevole dopo la cottura. Si raccoglie dalla fine di marzo fino alla metà di maggio. E' un ortaggio tuttavia delicato e altamente deperibile, cosa per cui trasformarlo in conserva ne consente una distribuzione più ampia.
In rappresentanza dell'azienda agricola Terra D'Orti, Alessandro, che mostra un vasetto di conserva di broccolo Aprilatico di Paternopoli (AV). Questo ortaggio primaverile, frutto di una selezione operata secoli fa. si distingue per le cime croccanti se crude, ma succose e di sapore gradevole dopo la cottura. Si raccoglie dalla fine di marzo fino alla metà di maggio. E' un ortaggio tuttavia delicato e altamente deperibile, cosa per cui trasformarlo in conserva ne consente una distribuzione più ampia.
Stand patrocinato dal Comune di San Felice Circeo (LT), per promuovere le produzioni orticole dell'Agro Pontino, tra le aree italiane a maggiore specializzazione nella coltivazione di svariate referenze vegetali. In foto, da sinistra a destra: Adriano Sandon, il vicesindaco di San Felice Circeo Luigi Di Somma, Giovanni Carotenuto e Stefano Zambellan, mentre mostrano alcune tra le tante produzioni tipiche pontine (melanzane, ravanelli, fiori di zucca, peperoni, broccoli e zucchine). L'Organizzazione di Produttori SOTEA ha fornito i prodotti in esposizione presso lo stand.
Stand patrocinato dal Comune di San Felice Circeo (LT), per promuovere le produzioni orticole dell'Agro Pontino, tra le aree italiane a maggiore specializzazione nella coltivazione di svariate referenze vegetali. In foto, da sinistra a destra: Adriano Sandon, il vicesindaco di San Felice Circeo Luigi Di Somma, Giovanni Carotenuto e Stefano Zambellan, mentre mostrano alcune tra le tante produzioni tipiche pontine (melanzane, ravanelli, fiori di zucca, peperoni, broccoli e zucchine). L'Organizzazione di Produttori SOTEA ha fornito i prodotti in esposizione presso lo stand.
Non potevano mancare a "Sapori Italiani" anche le produzioni orticole siciliane di Vittoria (RG), qui rappresentate dalle aziende F.lli Salamone e Hybla Conserve.
Non potevano mancare a "Sapori Italiani" anche le produzioni orticole siciliane di Vittoria (RG), qui rappresentate dalle aziende F.lli Salamone e Hybla Conserve.
Foto di gruppo presso lo stand Hybla, con il direttore commerciale Giuseppe di Martino (penultimo sulla destra). L'azienda propone salse e conserve che fanno riscoprire al primo assaggio i sapori e i profumi dei pomodori di Sicilia più famosi: il Pachino IGP e il Datterino.
Foto di gruppo presso lo stand Hybla, con il direttore commerciale Giuseppe di Martino (penultimo sulla destra). L'azienda propone salse e conserve che fanno riscoprire al primo assaggio i sapori e i profumi dei pomodori di Sicilia più famosi: il Pachino IGP e il Datterino.
Prodotti in esposizione presso lo stand dell'azienda agricola F.lli Salamone di Vittoria (RG). Una grande impresa che coltiva durante l'intero anno in una tra le aree più fertili della Sicilia, commercializzando attraverso i propri marchi in tutta Italia. L'assortimento include ortaggi di alta qualità, tra i quali gli iconici pomodori e collabora con realtà locali per la trasformazione della materia prima in prodotti di alto valore gastronomico.
Prodotti in esposizione presso lo stand dell'azienda agricola F.lli Salamone di Vittoria (RG). Una grande impresa che coltiva durante l'intero anno in una tra le aree più fertili della Sicilia, commercializzando attraverso i propri marchi in tutta Italia. L'assortimento include ortaggi di alta qualità, tra i quali gli iconici pomodori e collabora con realtà locali per la trasformazione della materia prima in prodotti di alto valore gastronomico.
Ancora un dettaglio della ricca offerta orticola siciliana.
Ancora un dettaglio della ricca offerta orticola siciliana.
Un saluto da Salvatore Salamone. Venite a visitare Sapori Italiani, a Rieti fino al 28 agosto!
Un saluto da Salvatore Salamone. Venite a visitare Sapori Italiani, a Rieti fino al 28 agosto!

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono giĆ  iscritto