Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto

State utilizzando un software che blocca le nostre pubblicità (cosiddetto adblocker).

Dato che forniamo le notizie gratuitamente, contiamo sui ricavi dei nostri banner. Vi preghiamo quindi di disabilitare il vostro software di disabilitazione dei banner e di ricaricare la pagina per continuare a utilizzare questo sito.
Grazie!

Clicca qui per una guida alla disattivazione del tuo sistema software che blocca le inserzioni pubblicitarie.

Sign up for our daily Newsletter and stay up to date with all the latest news!

Registrazione I am already a subscriber

"In India la produzione di uva è più alta di quasi il 20 per cento"

La produzione di una cooperativa di agricoltori indiani dovrebbe crescere di circa il 20% rispetto alla stagione precedente. Ad affermarlo è Ganesh Kale, direttore dello sviluppo commerciale di Om Gayatri. "L'andamento della stagione dell'uva indiana 2024 è stato buono fino ad ora, per quanto riguarda la produzione e il confezionamento. Ci sono alcune sfide logistiche, ma sono inevitabili con tutto quello che sta succedendo in questo periodo. I volumi di questa stagione sono adeguati e la produzione è superiore di quasi il 20% rispetto alle campagne precedenti. La stagione è iniziata con piogge inaspettate, ma da allora la situazione è migliorata e stiamo assistendo a una produzione di qualità migliore".

Gestire i problemi logistici nel Mar Rosso è obbligatorio, dato che una quota significativa delle uve di Om Gayatri viene inviata al continente europeo. Spiega Kale: "Il nostro mercato principale per l'uva è l'Europa, e in particolare il Regno Unito. Circa l'80% dei nostri volumi viene spedito al mercato europeo, da qui le sfide logistiche, dato che la crisi del Mar Rosso pone dei problemi. Gli altri mercati sono il Sud-Est asiatico e il Medio Oriente. Ma troviamo che il mercato europeo sia più affidabile di quello dell'Estremo Oriente e del Sud-Est asiatico, sia per quanto riguarda il prezzo che per la domanda di uva indiana".

A causa dei problemi logistici e dei ritardi negli arrivi delle uve sudafricane, i clienti europei sono alla ricerca dei volumi d'uva richiesti. Afferma Kale: "La domanda di uva indiana è molto alta in Europa e nel Regno Unito, a causa della carenza di uva bianca senza semi in Europa, a sua volta causata dai ritardi negli arrivi dal Sudafrica e dagli arrivi dall'India che hanno subito l'impatto dei problemi nel Mar Rosso e hanno accumulato un ritardo di 10-15 giorni rispetto al solito".

La produzione indiana di uva crescerà ulteriormente nel prossimo futuro, dato che in India stanno arrivando nuove aziende produttrici e si stanno conducendo con successo prove di produzione di nuove varietà. "Come cooperativa di coltivatori siamo disposti a piantare nuove varietà brevettate, che aiuteranno i coltivatori a sostenere economicamente le sfide ambientali e i ribassi del mercato. Nei prossimi anni sarà interessante vedere l'aumento delle nuove piantagioni di varietà brevettate. Questo farà aumentare la domanda di uva indiana anche nel prossimo futuro".

Secondo Kale, i costi di spedizione dall'India all'Europa sono aumentati di circa quattro volte. "Gli ostacoli logistici creati dalla questione del Mar Rosso continueranno a gravare sul resto della stagione, finché la situazione non sarà risolta. Le tariffe di trasporto delle compagnie di navigazione sono aumentate di quattro volte rispetto all'inizio della stagione. La campagna andrà avanti fino a metà aprile e si spera che sia una stagione positiva per il settore dell'uva".

Per maggiori informazioni:
Ganesh Kale
Om Gayatri Group
+91 9272904293
ganesh.kale@omgayatri.in
fpc.omgayatri.in

Data di pubblicazione: