Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto

State utilizzando un software che blocca le nostre pubblicità (cosiddetto adblocker).

Dato che forniamo le notizie gratuitamente, contiamo sui ricavi dei nostri banner. Vi preghiamo quindi di disabilitare il vostro software di disabilitazione dei banner e di ricaricare la pagina per continuare a utilizzare questo sito.
Grazie!

Clicca qui per una guida alla disattivazione del tuo sistema software che blocca le inserzioni pubblicitarie.

Sign up for our daily Newsletter and stay up to date with all the latest news!

Registrazione I am already a subscriber
Juan Jesús Lara, amministratore delegato della CASI:

"Nonostante le attuali difficoltà, confidiamo in un buon finale della stagione pomodori"

All'inizio del 2024, i prezzi dei pomodori hanno subito un calo che si avverte ancora oggi. "La campagna di quest'anno è iniziata in modo alquanto atipico. Alla CASI, dove gestiamo tra il 60 e il 70% di alcune varietà di pomodori prodotti nella provincia di Almería, abbiamo deciso di ritardare il trapianto di questa campagna a causa del ToBRFV, ma anche le condizioni meteo hanno destato qualche preoccupazione. Il trapianto è stato ritardato in media di circa 7-10 giorni, posticipando l'inizio della raccolta di 2-3 settimane rispetto a una stagione normale. Questo ha portato a prezzi elevati e carenze, e abbiamo dovuto aspettare fino a dicembre per avere disponibili dei volumi significativi", ha affermato Juan Jesús Lara, amministratore delegato della CASI.

"Tuttavia, non possiamo dimenticare che operiamo in un mercato globalizzato. A dicembre, Marocco e Turchia hanno goduto di condizioni meteo favorevoli, registrando un eccesso di produzione. Questo, insieme al fatto che la nostra campagna è attualmente in pieno svolgimento, ha spinto i prezzi verso il basso", ha affermato Juan Jesús. "Alla CASI abbiamo sia commodity che specialità, ma sicuramente commercializziamo meglio le specialità, perché sono varietà ben consolidate e di alto valore".

"Non è semplice per noi in questo momento, perché a questa situazione di sovrapproduzione sul mercato si sono aggiunte le proteste in quasi tutti i Paesi europei, inclusa la Spagna, che hanno causato alcuni ritardi nella logistica e generato qualche incertezza sul mercato. E non dobbiamo dimenticare che mentre noi subivamo i blocchi stradali, il Marocco ha potuto continuare a spedire i suoi pomodori via mare, senza alcuna restrizione, verso la Francia, così come nei Paesi Bassi e nel Regno Unito".

"Ma nonostante tutto questo e anche se i prezzi non erano paragonabili a quelli registrati a gennaio della scorsa stagione, non abbiamo avuto alcun problema, né nella fornitura né nelle vendite, grazie alla nostra stabilità produttiva, al servizio che forniamo, alla nostra qualità e al nostro costante impegno nel promuovere prodotti che nessun altro ha", ha spiegato Juan Jesús Lara. "Vale anche la pena ricordare che la campagna dura fino ad aprile e pensiamo ci sia ancora tempo perché il mercato torni alla normalità. L'eccesso di produzione del Marocco terminerà, con i volumi che solitamente iniziano a diminuire a febbraio/marzo, e quest'anno il Ramadan inizierà prima, e quindi anche le esportazioni termineranno in anticipo. Per quanto riguarda la Turchia, non ci influenzerà molto perché non lavorano con le stesse varietà e non esportano negli stessi mercati. E anche se i Paesi Bassi inizieranno presto a produrre in serre ad alta tecnologia, crediamo fortemente che i prezzi dei pomodori potrebbero riprendersi entro la fine di febbraio".

"Dobbiamo considerare che siamo solo al 40% della campagna, e che le nostre piantagioni stanno andando molto bene. Inoltre, ciò che alla fine conta di più è la redditività media, quindi dovremo aspettare qualche mese per fare un bilancio finale più preciso".

"Se seguiteranno a ostacolarci, non potremo continuare a differenziarci"
Con 80 anni di storia e quasi 2.000 produttori di pomodori, CASI, il principale produttore e distributore di pomodori in Europa, ha voluto manifestare il suo sostegno alle proteste dei produttori spagnoli, appoggiando le istanze del settore.

"Sin dall'inizio siamo stati dalla parte dei produttori e delle associazioni come Coexphal, e condividiamo le loro richieste di ridurre la burocrazia e fornire una soluzione al problema dei prodotti fitosanitari e alla concorrenza sleale di altri Paesi. È incredibile che nessun parlamentare o legislatore si preoccupi mai di consultare un responsabile del settore o un'associazione prima di prendere decisioni che influenzeranno direttamente il nostro settore. Per sapere cosa succede nei campi, bisogna prima andarci".

"Un esempio è il quaderno di campagna digitale. In media, i produttori CASI hanno circa 50 anni e molti di loro non sono preparati digitalmente per un cambiamento così radicale, quindi abbiamo dovuto creare un dipartimento specifico per fornire loro un supporto in vista dei prossimi cambiamenti. Questo è il tipo di problema che coloro che stabiliscono le regole purtroppo non considerano".

"Un'attività già molto impegnativa dal punto di vista finanziario e burocratico, dovrebbe essere semplificata. Guardando indietro a 80 anni di storia, CASI è riuscita a reinventarsi in numerose occasioni, ma se seguiteranno a ostacolarci, non potremo continuare a differenziarci. E lo stesso vale per le altre aziende del settore".

Per maggiori informazioni:
CASI
Carretera Níjar, la Cañada, km8
El Alquián 04130, Almería. Spagna
+34 950 626 141
info@casi.es
www.casi.es

Data di pubblicazione: