Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto

State utilizzando un software che blocca le nostre pubblicità (cosiddetto adblocker).

Dato che forniamo le notizie gratuitamente, contiamo sui ricavi dei nostri banner. Vi preghiamo quindi di disabilitare il vostro software di disabilitazione dei banner e di ricaricare la pagina per continuare a utilizzare questo sito.
Grazie!

Clicca qui per una guida alla disattivazione del tuo sistema software che blocca le inserzioni pubblicitarie.

Sign up for our daily Newsletter and stay up to date with all the latest news!

Registrazione I am already a subscriber
Futura srl in Europa punta sui robot per ovviare alla carenza di manodopera

Nei Paesi asiatici dell'ex URSS l'ortofrutta è in grande sviluppo

Se in molte zone dell'Europa il comparto ortofrutticolo mostra luci e ombre, in altri territori si manifestano sviluppi notevoli. Un'azienda che ha il polso della situazione è Futura srl, specializzata in tecnologie per selezionare e confezionare.

Leonardo Papi (responsabile commerciale Italia) e Omar Papi: passione di famiglia!

"Futura segue costantemente con molto interesse e con una sede diretta a Tashkent, Uzbekistan, tutti i mercati del CSI - esordisce il manager Omar Papi - Ad oggi, oltre ai paesi più evoluti quali Uzbekistan, Kazakistan e Azerbaijan, i paesi che ci hanno dato maggiori risultati e grandi soddisfazioni sono il Kirghizistan e il Tagikistan, altamente specializzati alla produzione di mele, albicocche e uva da tavola. Hanno rappresentato inoltre una grande sorpresa, considerato che nell'area in questione e proporzionalmente ai paesi limitrofi sono quelli meno sviluppati all'interno di questo mercato".

Ma non solo Asia: "Seguiamo in maniera consolidata e continua anche diversi paesi all'interno del continente africano, in particolare e in ordine di importanza il Kenya, l'Uganda, la Tanzania e l'Etiopia, dove abbiamo già installato diverse linee di lavorazione per avocado. Altra area di mercato seguita negli ultimi due anni in modo sempre più continuativo è rappresentata dai paesi arabi, prevalentemente Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti".

"Lavoriamo volutamente in paesi emergenti e meno tradizionali. Per esempio, a giugno il 90% del nostro fatturato è da attribuire all'export, la maggior parte extra-UE. Il nostro obiettivo è cercare di 'accompagnare' e indirizzare i nostri clienti in un investimento tecnologico che permetta loro di creare valore aggiunto alla produzione. Qual è questo modo? Esportare i propri prodotti alle catene distributive europee, americane e russe. Molti dei nostri clienti si affacciano per la prima volta in questo 'mondo', e hanno quindi bisogno di un partner che li guidi in questo percorso dall'inizio alla fine. Un altro aspetto fondamentale è l'estrema esperienza e cura che dedichiamo ai nostri clienti a ogni passo, della progettazione, produzione, montaggio e soprattutto formazione in loco: riteniamo il training/formazione del cliente uno degli aspetti fondamentali".

"Per quanto riguarda i mercati tradizionali ed evoluti, dobbiamo studiare soluzioni per risolvere un grande problema: la difficolta di reperire manodopera. Per questo motivo, per i nostri clienti europei, stiamo inserendo nelle nostre linee di lavorazione sistemi di pallettizzazione e movimentazione automatica, anche tramite l'utilizzo di robot".

E conclude: "In questo momento stiamo terminando i collaudi di due impianti di lavorazione del pomodoro: uno ad Abu Dhabi, UAE, e uno in Arabia Saudita KSA. Prima della chiusura estiva dovremmo installare anche due impianti in Italia, uno totalmente innovativo e unico nel mercato, per il sedano, e un altro per kiwi e drupacee. Al rientro dalle meritate ferie estive del nostro team, ci aspettano altri 4 mesi pienissimi, con impianti da consegnare e installare in Iran, Romania e Grecia, solo per citarne alcuni".

Per maggiori informazioni
Futura s.r.l.
Via R. Mattioli, 136/156
47522 Cesena (FC) Italy
(+39) 0547-632749
info@futura-tecnology.com
www.futura-grading.com