Jussi Alitalo, amministratore delegato della Greenfood Ibérica:

"I consumatori devono capire che la sostenibilità comporta un forte impegno"

"La Greenfood Ibérica fa parte del gruppo scandinavo Greenfood, che comprende tre pilastri aziendali: Picadeli, un buffet di insalate fresche in oltre 2.200 negozi di Svezia, Finlandia, Danimarca, Germania, Francia e, di recente, negli Stati Uniti; la fornitura di frutta e verdura per l'industria di IV gamma in Svezia e Finlandia; e la Fresh Produce, di cui fa parte la Greenfood Ibérica", ha affermato Jussi Alitalo, amministratore delegato dell'azienda.

"Lavoriamo principalmente con frutta e verdura coltivate in Spagna. Da un lato, operiamo come centro acquisti della Greenfood per rifornire distributori e impianti di IV gamma in Scandinavia, e dall'altro, forniamo i nostri clienti in Europa, dove ci stiamo espandendo attraverso la Greenfood Europe, creata insieme a due società svedesi e olandesi per importare prodotti d'oltreoceano e fornire la frutta ai nostri clienti per tutto l’anno".

Greenfood Ibérica ha più di 300 referenze nel suo assortimento e quasi 50 a marchio proprio Daily Greens, incentrato sulla sostenibilità.

Sostenibilità come principio
"Il nostro obiettivo è rendere il nostro marchio Daily Greens il più sostenibile possibile", ha affermato Jussi. "Ci stiamo concentrando sul calcolo della nostra impronta di carbonio, nel modo più accurato possibile, per ridurla al massimo e compensare la quota che non può essere invece ridotta. Oltre a cercare di portare al minimo l'impronta nel trasporto, cerchiamo di lavorare con agricoltori che praticano un'agricoltura più sostenibile, e di produrre i prodotti Daily Greens in modo più sostenibile. Il materiale di tutte le casse utilizzate dal marchio è riciclato e riciclabile e abbiamo ridotto al minimo la quantità di plastica utilizzata per quei prodotti che ne hanno bisogno per avere un shelf life abbastanza lunga per andare dalla Spagna all'altra estremità dell'Europa".

In Spagna, il confezionamento sostenibile di frutta e verdura non sarà più un optional perché, dal 1° gennaio prossimo, sarà regolamentato per legge. "Sappiamo che il cambiamento climatico è il motivo che sta dietro queste decisioni. Le condizioni meteo sono sempre più estreme, e l'unico modo per fermare il cambiamento climatico è che tutti noi facciamo la nostra parte ma, per far questo, abbiamo bisogno del supporto dell'intera catena del valore, fino al consumatore", ha affermato Jussi Alitalo (foto a destra).

"Questo sforzo verso la sostenibilità comporta molti costi aggiuntivi e la disponibilità dei consumatori a pagarli. Anche la sostenibilità deve essere redditizia, non dobbiamo vederla come una spesa ma come un investimento che consentirà a tutti noi di creare un'economia rispettosa dell'ambiente". La sostenibilità non è solo legata all'ambiente ecologico, ma anche alle persone.

"Le aziende hanno quindi la possibilità di gestire la propria attività affinché la società possa beneficiarne. Quando si parla di Daily Greens, infatti, non si parla solo di ambiente ma di persone, dall'adozione del Codice di condotta del gruppo per i nostri lavoratori alla partecipazione a progetti volti a migliorare la società".

Ad esempio, Greenfood Ibérica collabora a un progetto di formazione agricola per gli adolescenti in Almeria e per sostenere l'educazione dei figli dei lavoratori migranti nella provincia. L'azienda collabora anche con la Fondazione Ingenio per il recupero ecologico del Mar Menor.

Inoltre, l'azienda lavora anche nell'iniziativa Plant for Life. "È stata la nostra prima iniziativa finalizzata a compensare la nostra impronta di carbonio. L'abbiamo lanciata nel 2019, quando abbiamo iniziato a prendere coscienza della sostenibilità. Nell’ambito di questa iniziativa, piantiamo un albero per ogni tonnellata di frutta e verdura fresca venduta con il marchio Daily Greens".

"È un progetto molto interessanti per acquirenti e distributori perché possono vedere chiaramente l'impatto positivo delle loro scelte di acquisto", ha aggiunto Jussi.

L'azienda esporterà nuovamente i cetrioli in Finlandia
Diciotto anni fa, Jussi Alitalo, di origine finlandese, arrivò in Spagna dove fondò la Greenfood Ibérica che forniva prodotti spagnoli ai Paesi scandinavi, inclusa la sua nativa Finlandia. Quest'inverno il Paese, divenuto autosufficiente nella produzione di ortaggi come il cetriolo, grazie allo sviluppo dell'orticoltura protetta, chiuderà alcune delle sue serre a causa degli alti costi energetici.

"Noi della Greenfood Ibérica abbiamo già notato un aumento della domanda. Negli ultimi cinque anni, non abbiamo spedito cetrioli in Finlandia, mentre quest'anno abbiamo effettuato di nuovo alcune spedizioni. Il prezzo dell'energia è aumentato drasticamente, e molte aziende energetiche hanno offerto agli agricoltori finlandesi che avevano negoziato il prezzo della loro elettricità per un lungo periodo di tempo, di acquistare la loro energia in modo da poterla rivendere a un prezzo più alto. Quest'anno, molti agricoltori hanno ritenuto più redditizio vendere l'energia sotto contratto che piantare cetrioli o pomodori".

Per maggiori informazioni:
Greenfood Ibérica
Avda. Catalunya, 33-35
17253 Mont-ras Girona (Spagna)
+34 972636559
greenfoodiberica.es


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto