Jacco van Kessel, Van Kessel Fruit:

"Le varietà club dovrebbero diventare sempre più importanti"

Difficile: è così che Jacco van Kessel, direttore generale della Van Kessel Fruit (VKF), descrive il mercato olandese delle pomacee di inizio ottobre. "Il mercato delle mele è particolarmente impegnativo. Sembrava che ci fossero un po' meno frutti ma, quando è arrivato il nuovo raccolto, il mercato non era vuoto e i prezzi non stanno tenendo".

Jacco pensa che saranno gli acquisti dei consumatori a determinare gli sviluppi del mercato. "Sembra che le persone abbiano molta più scelta, quindi non è più scontato che ogni settimana comprino banane, arance o mele. Potrebbero dover ridurre anche questi acquisti, il che non favorirà il consumo di frutta e verdura fresca. A tal proposito, sarebbe grandioso se si potesse ridurre a zero la percentuale di IVA su questi prodotti".

Gli aumenti dei costi incidono ovviamente anche sul settore delle pomacee. Jacco osserva che il controllo dei costi è una sfida: "I costi della manodopera e dell'elettricità sono particolarmente alti". Il direttore generale auspica, ove possibile e necessaria, una compensazione per l'aumento dei costi energetici nel settore delle drupacee, aggiungendo che resta da vedere se questi costi potranno essere trasferiti sul prezzo di vendita. "Al momento non sta funzionando e questo avrà un impatto sul settore".

Sebbene anche altri settori debbano affrontare lo stesso problema, Jacco sottolinea che, in quello delle pomacee, è difficile tagliare i costi, ad esempio interrompendo la refrigerazione, perché questo comporterebbe la perdita dei prodotti. "Non puoi vendere tutto subito dopo la raccolta, devi conservarne una parte. Fa parte del gioco e, alla fine, devi in qualche modo coprire tutti quei costi extra. Se non accade, è il produttore a farne le spese nel lungo termine", spiega Jacco.

Miglior controllo sui prezzi
Nonostante le sfide, il frutticoltore e commerciante ha stabilito che le vendite della varietà club di mele Evelina, di cui la Van Kessel Fruit possiede la licenza nei Paesi Bassi, sono state buone l'anno scorso. Jacco è ottimista anche sul futuro di questa varietà e vuole ampliare ulteriormente la sua superficie. Diverse varietà di mele stanno scomparendo e i coltivatori sono alla ricerca di varietà alternative. Per Jacco, è qui che entra in gioco una varietà club come la Evelina, un concept club come questo potrebbe risolvere in parte i problemi attuali. "Una varietà club guida meglio i prezzi, sui quali ha un controllo migliore".

Jacco fa notare che quando le persone acquistano varietà club di mele, è essenziale che possano fidarsi ciecamente della buona qualità della varietà. "Le varietà libere hanno molti fornitori, ma nessuno ne è responsabile. Con una varietà club, c'è un unico responsabile. Se commetti un errore, questo influisce immediatamente sull'immagine della varietà. Devi essere costante e rigoroso. Altrimenti, non puoi giustificare il prezzo più alto. I consumatori devono ottenere un buon rapporto qualità-prezzo".

Secondo il frutticoltore e commerciante non si può aumentare il prezzo all'infinito. "La gente pagherà 3 euro/kg per una varietà club come la Pink Lady, ma se ad esempio la Elstar arriva sullo scaffale a 1 euro per chilogrammo, la differenza è troppo grande e gli acquirenti sceglieranno ovviamente la Elstar, che comunque è una grande mela".

Più varietà una accanto all'altra
Il mercato continuerà a ricevere sempre più varietà club - soprattutto di mele - e Jacco, che non crede che queste varietà avranno tutte successo, prevede la compresenza di molte nuove varietà. La domanda dei supermercati di mele e pere particolari gioca un ruolo in questo, così come la tendenza verso varietà più rustiche e resistenti alle malattie. "Jonagold ed Elstar non scompariranno facilmente, ma le varietà club acquisiranno probabilmente maggiore importanza", spiega Jacco.

Visti i tanti sviluppi, è difficile per Jacco dire cosa riserva il futuro. "Ci sarà senza dubbio sempre un settore delle pomacee, ma la superficie di mele potrebbe un po' ridursi". Jacco prevede anche che il desiderio del pubblico in generale per la sostenibilità e, per estensione, l'utilizzo di un minor numero di agrofarmaci, influirà sulle colture e sul settore. "Non ultimo perché ci sono costi aggiuntivi associati a questo, che i prezzi di vendita spesso non riflettono", conclude Jacco.

Per maggiori informazioni:
Van Kessel Fruit
www.vankesselfruit.nl  
www.evelina-appel.nl


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto