Lesage Champignons rileva la Champi-Fresh

"In questi tempi così difficili, l'acquisizione consente una distribuzione dei rischi"

La Lesage Champignons ha rilevato tutte le attività commerciali della Champi-Fresh. In questi tempi così difficili per il settore dei funghi, questa azienda belga ha intravisto dei vantaggi in questa acquisizione. "Ci permette anche di distribuire i rischi", esordisce Michel Lesage.

"L'acquisizione è avvenuta quando, quest’estate, la Champi-Fresh ha comunicato la chiusura dell’azienda. Eravamo già in contatto, ma quando è stato ufficiale, abbiamo rapidamente concluso un accordo per assorbire tutte le loro attività nella nostra azienda. La Champi-Fresh aveva anche un portfolio clienti molto interessante, che ha sicuramente acceso il nostro interesse".

"Siamo ben rappresentati a livello locale, ma la base clienti della Champi-Fresh ci dà accesso ad aree come la Germania e la Vallonia. In tempi come questi, non si sbaglia cercando di distribuire i rischi. Abbiamo subito deciso di continuare il business one-on-one", afferma Michel.

Ciò ha causato un po' di caos alla Lesage Champignons, soprattutto all'inizio. "La domanda è stata sin da subito piuttosto sorprendente e abbiamo dovuto fare tutto il possibile per eliminare eventuali ostacoli e rimodulare l’attività nel breve periodo. Volevamo che tutto funzionasse nel modo più fluido possibile per i nuovi acquirenti, in modo che si accorgessero poco della transizione. Penso che il nostro duro lavoro ci abbia aiutato a raggiungere con successo questo obiettivo. Allora avevamo poca esperienza, ma penso che sia stato un puzzle divertente che ora si sta ricomponendo molto bene".

Inevitabile aumento del prezzo
L'acquisizione avviene in un momento che, secondo molti coltivatori di funghi, è estremamente impegnativo. "Questo ovviamente vale anche per noi. La causa è l’aumento dei costi di trasporto, materie prime, e soprattutto dell’energia", continua Michel.

"Questi aumenti esercitano una forte pressione sul mercato. Nessuno ha mai sperimentato nulla del genere. L'aumento dei costi di produzione è quasi impossibile da superare indenni. È davvero una questione di sopravvivenza, mese dopo mese".

"Ciò che ci salva è l'elevata domanda di funghi. Coltiviamo champignon bianchi e bruni, che sono abbastanza economici ed estremamente salutari. Anche quando inizia l’autunno, questi rimangono molto popolari. Le persone sono sempre più parsimoniose e i funghi sono perfetti, come sostituto della carne a buon prezzo o come verdura salutare", spiega Michel.

Nonostante la loro popolarità, questo è un periodo molto incerto per l'intero settore. "Per quanto riguarda il volume, sta andando decisamente bene, ma dal punto di vista dei margini di guadagno è molto drammatico. Con tutti i costi in aumento, presto supereremo i 50 centesimi di euro in più per chilogrammo. Ciò crea margini così stretti che la maggior parte delle aziende è ormai prossima al fallimento. È necessario un cambiamento, e presto".

Un cestino di funghi da 0,10 a 0,15 euro in più?
Secondo Lesage, la soluzione sta soprattutto nell'uso attento dell'energia e delle materie prime. "Non è possibile utilizzare fonti di energia alternative perché tutti hanno sistemi che non possono essere sostituiti facilmente. Insieme ai nostri clienti, dobbiamo trovare delle soluzioni concrete. Fortunatamente, sono disponibili a fare brainstorming con noi".

"Ad esempio, un leggero aumento dei cestini di funghi da parte dei supermercati, sarebbe già un passo avanti. Gli acquirenti non esitano davanti a un aumento di 0,10-0,15 euro, ma per noi fa una grande differenza. I Paesi vicini hanno già adeguato i prezzi. Bisogna fare lo stesso anche qui da noi, se si vuole salvare il settore".

"Fortunatamente, i funghi rientrano nella categoria giusta, per quanto riguarda salute e prezzi, il che significa che dal lato della domanda non abbiamo assolutamente nulla di cui lamentarci. Non voglio pensare alla situazione dei serricoltori di prodotti più costosi, a cui i consumatori stanno rinunciando. I funghi hanno davvero un futuro radioso, gli operatori del settore devono solo riuscire a sopravvivere per vederlo", conclude Michel.

Per maggiori informazioni:
Michel Lesage
Lesage Champignons
79 Kervijn Street
8531 Harelbeke, Bavikhove, Belgio
Tel.: +32 (0) 567 12 288
Email: info@lesagechampignons.be     
Web: www.lesagechampignons.be


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto