Avik Mukhija (Freshflow) parla dell'intelligenza artificiale nel settore frutta

"Il prossimo passo? Implementare il nostro processo anche all'interno del settore all'ingrosso"

Fino a pochi anni fa l'intelligenza artificiale era un termine sconosciuto, ma ora sta rapidamente guadagnando importanza. Avik Mukhija, CEO di Freshflow, azienda fondata nel 2020, e il suo partner Carmine Paolino hanno sviluppato un processo basato sull'intelligenza artificiale per aumentare l'efficienza e le vendite nel reparto ortofrutta. Mentre il concetto di "Smart Retail" sta conquistando sempre più negozi al dettaglio in Svizzera, Germania e Francia, gli ambiziosi imprenditori vedono opportunità anche nel commercio all'ingrosso.


Il team di Freshflow, composto da Carmine Paolino e Avik Mukhija / Immagine: Freshflow GmbH.

Per scoprire le possibili applicazioni e i punti di miglioramento degli attuali reparti di frutta e verdura, i due giovani imprenditori si sono recati nei negozi. "Abbiamo sperimentato in prima persona quanti rifiuti si generano nei punti vendita. In tutta Europa, ogni anno 15 miliardi di euro di frutta e verdura finiscono nella spazzatura, il che corrisponde a una perdita totale fino al 50% dei margini. Il risultato è che l'impronta di carbonio di questa quantità di rifiuti è equivalente a quella dell'intera industria aeronautica mondiale. Ma i ribassi estremamente elevati sono particolarmente negativi sotto due aspetti. Non solo esercitano un'enorme pressione sull'ambiente, ma contribuiscono anche a una significativa riduzione della redditività", afferma Mukhija.

Inoltre, la concomitante carenza di personale sta esercitando una pressione estrema sul settore ortofrutticolo in particolare, motivo per cui le soluzioni software intelligenti non sono solo auspicabili ma necessarie, ha affermato. "Abbiamo scoperto che il tradizionale processo di autodisposizione era stato originariamente progettato per i prodotti secchi, il che lo rendeva inadatto alle esigenze dei prodotti freschi, come la deperibilità, l'imprecisione delle scorte e la stagionalità. Questo, unito alla nostra missione di consentire una catena di approvvigionamento più intelligente per il commercio dei prodotti e di ridurre gli sprechi, è stato il pensiero alla base dello sviluppo di Freshflow".

L'aspetto innovativo del processo Freshflow è la previsione della domanda basata sull'intelligenza artificiale e la simulazione dell'inventario e della durata di conservazione, che non esisteva ancora in questa forma. "Il sistema tiene conto dei fattori esterni che influenzano la domanda, come il clima, la stagionalità, le festività e le promozioni. Gli ordini basati sulla domanda e sulla durata di conservazione possono ridurre i ribassi fino al 30%, a seconda del mercato alimentare al dettaglio. Questo ha a sua volta un impatto positivo sulle vendite nel reparto prodotti freschi, poiché Freshflow riduce di conseguenza le scorte zero", conclude Mukhija.

Per maggiori informazioni:
Avik Mukhija
Freshflow GmbH
Unter den Linden 24
10117 Berlino - Germania
+49 173 4530954
hello@freshflow.ai
www.freshflow.ai


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto