La testimonianza di Tony Derwael (Bel'Export)

"Non vedo possibilità immediate per le mele moldave in Europa occidentale, ma per le drupacee sì"

Per il nostro focus sul settore ortofrutticolo moldavo, questa volta sentiamo il parere di un operatore dell'Europa occidentale. Finora solo i diretti interessati ci hanno parlato della storia della Moldavia. Abbiamo cercato un produttore/rivenditore che conoscesse bene questa regione dell'Europa sudorientale, la sua cultura e, soprattutto, il settore frutticolo di questo piccolo vicino ucraino.

Tony Derwael, proprietario di Bel'Export, è la persona giusta. "Sono stato lì più di una volta. Volevo creare qualcosa un flusso di esportazioni verso la Russia, ma alla fine non è successo", spiega Tony il suo legame con la Moldavia.

Bel'Export è un'azienda belga di coltivazione e commercio che si concentra sulle pomacee: 30.000 tonnellate di pere e 15.000 tonnellate di mele passano ogni anno sulle linee di lavorazione del suo impianto di confezionamento. Anch'essa è stata duramente colpita quando, il 7 agosto 2014, la Russia ha imposto un embargo su frutta, carne, pesce e prodotti caseari europei.

La Russia era da tempo il mercato più importante per la frutta moldava, ma, secondo Tony, i coltivatori e gli esportatori moldavi hanno sempre tenuto d'occhio il mercato dell'Europa occidentale. "A volte abbiamo dovuto importare soprattutto susine e loro sono riusciti a colmare questa lacuna. Il prodotto è di qualità eccellente".

Poche mele moldave sul mercato dell'Ue
"Le mele sono una storia diversa. Le mele moldave possono avere un sapore meraviglioso, ma vedo poche opportunità per loro sul mercato dell'Europa occidentale. Innanzitutto, la concorrenza della Polonia è agguerrita. Quel Paese ha un'offerta enorme e può anche offrire il prodotto a prezzi più bassi. Un viaggio dalla Moldavia al Belgio costa 5.000 euro, pari a 0,25 euro/kg, mentre la Gala polacca può essere acquistato in esenzione doganale a 0,40 euro/kg. In confronto, le Gala francesi sono scambiati a 0,80-0,90 euro". Una volta ripreso il trasporto marittimo dal Mar Nero, c'è da chiedersi se il trasporto in container reefer - ancora tre volte più economico del trasporto su strada - possa rappresentare un'opportunità per le esportazioni di frutta moldava verso l'Europa occidentale.

Local for local: protezionismo?
In ogni caso, la Moldavia non deve solo competere con i più economici prodotti polacchi. Deve anche affrontare - come riportato negli articoli precedenti - il prestigio di cui godono i prodotti dell'Europa occidentale e meridionale. "I supermercati qui offrono le Gala, ma sono di provenienza francese o italiana", spiega Tony. In questo senso, la preferenza dei consumatori europei per le coltivazioni locali - per motivi diversi, primo fra tutti la sostenibilità - indica anche una forma di protezionismo reale o implicito. "Francia e Germania, i maggiori mercati dell'Europa occidentale, importano prodotti solo quando non hanno più scorte proprie".

Questa autoconservazione è stata evidente a metà giugno. I membri dell'Association Nationale Pommes Poires (ANPP) e della Fédération Nationale de la Pêche en France (FNPF) si sono espressi contro quella che, all'epoca, era ancora una proposta della Commissione europea di raddoppiare i contingenti esenti da dazi di sette prodotti orticoli moldavi, tra cui le mele. Queste associazioni francesi non mettevano in dubbio l'intenzione ammirevole di questa operazione (sostegno all'economia moldava colpita dalla guerra in Ucraina). Tuttavia, hanno ravvisato la possibilità che il mercato europeo, in particolare quello delle mele, potesse destabilizzarsi.

"Non sono a favore del protezionismo; credo nel libero scambio e voglio includere i coltivatori moldavi in questo processo. Ma non credo che l'espansione delle quote li aiuterà a esportare subito più mele nell'Europa occidentale e settentrionale. Anche perché qui c'è poco spazio di mercato per le loro varietà. Coltivano pochissime Jonagold, mentre i belgi sono ancora molto appassionati di questa mela a distanza di 40 anni. Non hanno la Elstar, a cui gli olandesi e i tedeschi sono affezionati. Hanno altre varietà, spesso più recenti di quelle che abbiamo qui. A proposito, il Belgio deve prepararsi a cambiare la Jonagold con un'altra mela. Questa varietà è prossima alla scadenza, mentre la Elstar ha ancora anni di vita nei Paesi Bassi e in Germania".

Romania, Medio Oriente e India
"Cosa può offrire la Moldavia? Braeburn e Gala, per esempio, o Fuji. Vedo opportunità concrete nel Regno Unito e in Romania, il grande vicino dell'Unione europea a ovest, dove si parla la stessa lingua. In questo senso, il raddoppio delle quote potrebbe rivelarsi utile, anche se la Romania, con i suoi 19 milioni di abitanti, non è esattamente il mercato più grande".
 
Tony comprende che i coltivatori moldavi stiano guardando al Medio Oriente. "Posso effettivamente vederne la salvezza. Quel mercato è abbastanza grande (57,6 milioni di abitanti nel 2021, secondo i dati della Banca Mondiale, se si sommano i mercati potenziali come Israele, Arabia Saudita, Qatar e gli Emirati Arabi Uniti, ndr), e le varietà che la Moldavia ha da offrire sono popolari lì. C'è una certa concorrenza da parte del Sudafrica e degli Stati Uniti".

"Ma credo che la Moldavia abbia un vantaggio competitivo per quanto riguarda i tempi e le tariffe di trasporto. Penso anche che il governo europeo potrebbe essere d'aiuto. Potrebbe seguire l'esempio dei programmi che USAID ha attuato con successo per decenni nei Paesi dell'ex blocco orientale, compresa la Moldavia, attraverso l'associazione industriale Moldova Fruct. Questo sì che sarebbe utile. La Moldavia è persino in vantaggio rispetto a noi in Medio Oriente, perché non abbiamo le varietà da esportare nella penisola arabica. Elstar e Jonagold sono delicate".

"Le varietà rosso scuro possono andare in India. Ho aiutato alcuni coltivatori moldavi, trasmettendo loro alcuni contatti. L'India ha mele in abbondanza, ma non è autosufficiente. La produzione è pari a quella dell'intera Unione europea, ma la popolazione è molto più numerosa (secondo i dati della Banca Mondiale, l'anno scorso l'Unione Europea aveva 447 milioni di abitanti e l'India 1,393 miliardi; il triplo - ndr). Anche l'Egitto è un'opzione, e credo che il governo moldavo stia lavorando per sfruttare questo mercato. Ma c'è anche la Polonia, con il suo enorme raccolto di mele".

L'Egitto - con una popolazione di 104 milioni di abitanti secondo la Banca Mondiale - non è affatto un mercato piccolo; tuttavia, da questa primavera, le esportazioni di frutta verso il Paese nordafricano sono diventate più difficili. A causa della carenza di valuta Euro-Dollaro, il 1° marzo 2022 la Banca Centrale d'Egitto ha imposto regole di pagamento restrittive. Ciò riguarda molte importazioni. L'obiettivo è quello di spendere la valuta disponibile esclusivamente per beni di prima necessità, come il grano e le medicine.

Vino (e uva) decisamente buoni
Tony non vede l'Europa occidentale come un mercato di vendita immediato per le ciliegie, ma elogia il sapore delle loro uve e un prodotto da esse derivato: il vino. "Il loro clima fa sì che le loro ciliegie siano di dimensioni più piccole di quelle richieste dal nostro mercato. Il vino moldavo è fantastico, il che è logico quando si hanno uve così deliziose. È una regione che gode di un'insolazione tra le più alte d'Europa. Dovrebbero considerare le richieste del mercato europeo e rispondere di conseguenza. Perché non coltivare mirtilli e altri piccoli frutti?".

La Turchia come concorrente
La Moldavia deve lavorare per accedere ai mercati e costruirsi una reputazione, perché la concorrenza è in aumento. E anche se la Russia riaprirà le porte, il potenziale di esportazione sarà più limitato: la nazione sta espandendo le proprie coltivazioni e altri Paesi, come la Turchia, stanno conquistando una quota maggiore. "La Turchia si sta affermando in diversi mercati. Sarà una concorrenza per la Moldavia, come lo è per noi. In Russia, la Turchia ha già conquistato parte della nostra quota precedente e credo che ora colmerà il vuoto lasciato dal recente embargo sulla frutta moldava".

Reazioni sbagliate nel 2014
Tony vuole concludere rivisitando gli eventi del 2014, dopo l'annessione della Crimea e le successive sanzioni reciproche tra Europa e Russia. "L'Europa ora si rende conto di aver sbagliato a non intraprendere azioni dure contro il Cremlino. Se avessimo reagito in modo più deciso, il regime russo non avrebbe osato invadere l'Ucraina. In questo senso, risulta che anche noi frutticoltori abbiamo reagito in modo sbagliato. Ma la Commissione europea avrebbe dovuto risarcire temporaneamente i frutticoltori, cosa che non ha fatto. Hanno deluso i coltivatori. A quanto pare non potevano permettersi di aiutare, ma la pandemia ha dimostrato che quando i politici vogliono, possono trovare risorse sufficienti", conclude Tony.

Per maggiori informazioni:
Tony Derwael
Bel’Export
Neremstraat 2
3840 Borgloon - Belgio
Tel.: +32 (0)12 67 10 50
Cell.: +32 (0) 475 723 022 
Email: belexport@belexport.com 
Web: www.belexport.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto