Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Produzione più bassa a causa dell'impatto del clima. Minore domanda e maggiore concorrenza per le uve da tavola di Murcia

"La domanda di uva da tavola finora è stata inferiore al solito"

Nella regione spagnola di Murcia, la principale area di produzione di uva da tavola in Spagna, la campagna ha già superato il giro di boa e, finora, ha dovuto affrontare delle difficoltà dovute all'impatto del clima sulle colture, alla scarsa domanda e all'elevata concorrenza degli altri Paesi mediterranei.

"Siamo già nella seconda parte della campagna, iniziata ai primi di luglio", ha affermato Antonio Caballero, direttore della Frutas Torero. Nonostante la raccolta sia cominciata in ritardo, le elevate temperature estive hanno cambiato il corso della campagna e la faranno terminare prima. Se il meteo non cambierà, prevediamo che, fino alla fine di ottobre, non ci saranno volumi significativi di uva da tavola da vendere".

Secondo il produttore ed esportatore, le piogge di aprile e le ondate di caldo di giugno e luglio, hanno determinato una scarsa allegagione dei frutti, causando la perdita di notevoli volumi e incidendo sulla qualità delle uve nella prima parte della stagione. "Le uve da tavola rosse sono state particolarmente colpite in termini di volume e qualità, ma quelle bianche non sono andate molto meglio. Pertanto, quest'anno stimiamo che la produzione di uva da tavola di Murcia diminuirà tra il 20 e il 30%".

Antonio Caballero ha detto che quest'anno la domanda è stata decisamente inferiore al solito, mentre c'è stata una maggiore concorrenza da Egitto, Italia e Grecia. "Ciò è probabilmente dovuto all'attuale contesto socio-economico, in quanto l’inflazione sta condizionando i consumatori nelle decisioni di acquisto di prodotti considerati 'più lussuosi', come l'uva da tavola. Inoltre, la concorrenza dell'Egitto di inizio stagione è ancora forte, anche se è l'Italia che ci sta danneggiando di più in questa stagione. Apparentemente, l'Italia ha avuto un ottimo raccolto quest'anno e ha spedito grandi volumi sui mercati europei, a prezzi con i quali non possiamo competere. Non sappiamo come riescono a vendere così a buon mercato, ma si sono assicurati la maggior parte dei programmi dalle catene di distribuzione tedesche".

Per quanto riguarda le spedizioni fuori Ue, le aziende murciane stanno effettuando molte esportazioni, vista la domanda stagnante in Europa. I Paesi d'oltreoceano più popolari sono Malesia, Sudafrica e Arabia Saudita. Tuttavia, le tariffe di trasporto quest'anno sono davvero alte e gli arrivi a destinazione subiscono dei ritardi, il che rappresenta un grande rischio e genera incertezza sullo stato in cui potrebbe arrivare la merce. Un problema che ha già colpito Cile e Perù durante le loro campagne", ha detto Antonio Caballero.

La Frutas Torero prevede di raggiungere una produzione tra 4.000 e 5.000 tonnellate quest'anno. "Negli ultimi due anni, abbiamo ampliato la nostra superficie, sostituendo le drupacee con l’uva da tavola, e le varietà più vecchie con quelle più nuove. L'anno prossimo, se saranno soddisfatte le condizioni ideali di coltivazione, potremmo produrre quasi 8.000 tonnellate di uva da tavola", ha detto Antonio Caballero.

Quest'anno l'azienda ha già messo in funzione il nuovo magazzino di 12.500 metri quadrati acquistato a gennaio. "L'abbiamo utilizzato solo per la campagna delle drupacee, poiché la trasformazione dell'uva da tavola viene ancora effettuata nel nostro vecchio stabilimento, che si trova a solo un chilometro dal nuovo impianto".

Per maggiori informazioni:
Antonio Caballero Palazón
Frutas Torero
Avenida constitución 15.
30550 Abarán, Murcia. Spagna
+34 968 451 536
antonio@frutastorero.com
www.frutastorero.com
www.hortofruticolatopi.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto